Diritto e Fisco | Articoli

Dov’è illegale acquistare Viagra

22 Febbraio 2022 | Autore:
Dov’è illegale acquistare Viagra

I farmaci contro la disfunzione erettile vanno venduti solo con ricetta medica: è possibile procurarseli via Internet? Cosa si rischia?

L’Italia è il secondo Paese al mondo dietro la Gran Bretagna per consumo di Viagra. Ne fanno uso, secondo le stime della Società di Urologia riportate dalla rubrica Dataroom del Corriere.it, 3 milioni di persone, di cui appena 600mila si rivolgono ad una farmacia con la regolare prescrizione in mano. A conti fatti, dunque, quasi due milioni e mezzo di uomini italiani si rivolgono altrove per acquistare una pillola contro la disfunzione erettile. Dove, ovviamente, «altrove» sta per Internet. Ma è una pratica sempre lecita? Dov’è illegale acquistare Viagra, Cialis, Levitra o altri farmaci simili?

Due i motivi che spingono i maschi a rivolgersi al «mercato nero» della pillola blu. Innanzitutto, la voglia di farlo di nascosto: quell’idea un tanto sui generis di orgoglio maschile che impedisce di ammettere di avere un problema di erezione. L’altro motivo principale riguarda la questione di principio: il disturbo va risolto «sì o sì», anche quando il medico lo sconsiglia fortemente a causa degli effetti collaterali di questi medicinali e, di conseguenza, non stacca la ricetta medica per l’acquisto in farmacia. Risultato: il diretto interessato si rivolge a chi non deve a suo rischio e pericolo. Vediamo, allora, dov’è illegale acquistare il Viagra e perché.

Acquisto di Viagra: l’obbligo di prescrizione medica

La legge [1] prevede che il Viagra e gli altri medicinali contro la disfunzione erettile devono essere venduti in farmacia dietro prescrizione medica. Ci vuole la ricetta, insomma. Questo perché gli effetti collaterali possono essere tutt’altro che leggeri. Secondo l’Agenzia europea del farmaco (Ema), i principali disturbi causati da questi medicinali sono:

  • in più di 1 caso su 10: mal di testa;
  • in 1 caso su 100: problemi alla vista, vertigini, nausea, congestione nasale, vampate di calore;
  • in 1 caso su 1.000: sonnolenza, tachicardia, rinite, vomito, dolori addominali e al petto, aumento della frequenza cardiaca, ipertensione, congiuntivite;
  • in 1 caso su 10.000: aritmia, fibrillazione atriale, infarto, morte improvvisa per problemi cardiaci.

Quanto basta per imporre la vendita di questi medicinali solo se il paziente è provvisto della ricetta del medico e solo in farmacia.

Gli obblighi della farmacia online

Più nello specifico, la legge prevede che:

  • è vietata la fornitura a distanza al pubblico di medicinali con obbligo di prescrizione medica;
  • la fornitura a distanza di medicinali senza obbligo di prescrizione medica è consentita alle farmacie online autorizzate.

Queste ultime devono comunicare alle autorità competenti almeno le seguenti informazioni:

  • denominazione, partita Iva e indirizzo completo del sito logistico;
  • data d’inizio dell’attività di vendita a distanza al pubblico di medicinali via Internet;
  • indirizzo del sito web utilizzato a tale fine e tutte le informazioni pertinenti necessarie per identificare il sito.

Inoltre, le farmacie online devono riportare sul proprio sito:

  • i recapiti delle autorità competenti da cui hanno ricevuto la dovuta autorizzazione alla vendita dei medicinali;
  • un collegamento ipertestuale al ministero della Salute;
  • il logo identificativo nazionale conforme alle indicazioni definite per il logo comune, contenente un collegamento ipertestuale all’elenco delle farmacie autorizzate. Tale logo deve essere chiaramente visibile su ciascuna pagina del sito.

Dove non si può acquistare il Viagra?

Gli obblighi appena elencati riguardano le farmacie online o gli esercizi commerciali che vendono dei medicinali a distanza. È legale, dunque, comprare farmaci sul web ma solo a queste condizioni:

  • che siano dei medicinali senza obbligo di ricetta medica;
  • che il venditore abbia le dovute autorizzazioni e riporti nel proprio sito Internet quanto disposto dalla legge.

In Italia, il Viagra è inserito nella fascia C dei medicinali (quella che prevede l’intera spesa a carico del cittadino) e deve essere somministrato dietro presentazione della ricetta medica non ripetibile. Se ne deduce che è illegale vendere il Viagra su qualsiasi sito web, poiché le farmacie online sono autorizzate a immettere in commercio a distanza solo medicinali senza obbligo di ricetta, mentre i farmaci con obbligo di prescrizione medica – come quelli per la disfunzione erettile – non possono essere venduti online.

Acquisto Viagra online: cosa si rischia?

Alla luce di tutto ciò, la domanda che ci si pone è la seguente: cosa rischiano quei circa due milioni e mezzo di italiani che si rivolgono alle farmacie online per acquistare il Viagra senza prescrizione medica?

C’è chi sostiene che, in realtà, chi compra questi medicinali online non rischia alcunché, poiché la legge vieta la vendita e non l’acquisto senza ricetta. Inoltre, dato che nella totalità dei casi gli acquisti avvengono su un sito estero, si potrebbe affermare che se la legge del Paese in cui viene confermato l’ordine consente la vendita via Internet di farmaci senza ricetta non si viola alcuna legge.

Il problema – per chi si rivolge a questo mercato – è che la normativa italiana [2] vieta l’importazione nel territorio nazionale di medicinali farmacologicamente attivi senza l’autorizzazione dell’Aifa, cioè dell’Agenzia italiana del farmaco.

Pertanto, la situazione che si crea è la seguente: non è illegale acquistare il farmaco perché è illecita solo la vendita ma, nel momento in cui il medicinale viene consegnato al compratore, si incorre nel reato importazione di medicinali senza prescritta autorizzazione. Il che comporta l’arresto da sei mesi a un anno e l’ammenda da 10.000 a 100.000 euro. Forse, una soluzione alternativa alla disfunzione costerebbe di meno.


note

[1] Art. 112-quater co. 1 d.lgs. n. 219/2006.

[2] Artt. 55 e 147 d.lgs. n. 219/2006.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube