Diritto e Fisco | Articoli

I 7 punti della riforma della giustizia del 2014

31 Agosto 2014
I 7 punti della riforma della giustizia del 2014

Arbitrato, esecuzione forzata, tribunali specializzati, negoziazione assistita, antiriciclaggio, filtro in appello, spese di giudizio: i punti della riforma.

Le misure approvate ieri dal Governo in materia di riforma della giustizia spaziano in lungo e largo. Tuttavia, prima di misurarne i primi risultati, bisognerà ancora attendere. La manovra messa a punto dal ministero della Giustizia per restituire efficienza a un sistema in perpetuo affanno si affida infatti a un pacchetto di provvedimenti su una pluralità di temi, regolati alcuni con decreto legge e altri con un disegno di legge delega.

Le uniche misure già operative dal momento della pubblicazione in “Gazzetta” sono inserite nel decreto legge che introduce il ricorso agli arbitrati affidati agli avvocati per le cause pendenti in primo grado e appello e la negoziazione assistita. Obiettivo comune quello di evitare che un buon numero di controversie approdi nelle aule dei tribunali, restituendo margini di manovra ai magistrati per concentrarsi sulle liti a maggiore tasso di difficoltà. Tra le misure a effetto immediato anche la semplificazione per separazioni e divorzi (si potrà evitare, in caso di consensualità, il passaggio davanti all’autorità giudiziaria, ma non dovranno essere coinvolti figli minori o non autosufficienti), le modifiche sulla condanna alle spese di giudizio, la conversione d’ufficio dal rito ordinario a quello sommario, la nuova fase esecutiva, la raccolta di testimonianze da parte degli avvocati. Come pure sarà in vigore dal prossimo anno la riduzione del periodo estivo di chiusura degli uffici giudiziari.

Vediamo singolarmente tali misure.

1 | CON DECRETO LEGGE

 

Arbitrato

Sia nelle cause civili pendenti in primo grado sia in grado d’appello le parti potranno congiuntamente richiedere di promuovere un procedimento arbitrale (secondo le ordinarie regole dell’arbitrato del Codice di procedura civile).

 

Negoziazione assistita

Introduzione di una procedura cogestita dagli avvocati delle parti indirizzata al raggiungimento di un accordo conciliativo che, da un lato, eviti il giudizio e che, dall’altro, consenta la rapida formazione di un titolo esecutivo stragiudiziale.

 

Divorzi e separazioni

Doppia semplificazione per separazioni e divorzi consensuali: negoziazione assistita oppure procedura davanti all’ufficiale di stato civile. Possibilità escluse però in caso di figli minori o non autosufficienti.

 

Spese di giudizio

Modifica al regime della compensazione delle spese con l’obiettivo di estendere i casi in cui chi perde è obbligato a rimborsare i costi del processo.

 

Rito accelerato

Per le cause meno complesse e per la cui decisione è idonea un’istruttoria semplice, passaggio d’ufficio, dopo contraddittorio anche mediante trattazione scritta, dal rito ordinario di cognizione al rito sommario.

Chiusura uffici giudiziari

È stato stabilito che il periodo feriale nei tribunali dovrà essere compreso tra il 6 agosto e il 31 agosto (al posto dell’attuale periodo dal 1° agosto al 15 settembre).

2 | PROCESSO CIVILE (DELEGA)

 

Tribunali specializzati

Istituzione del tribunale della famiglia e della persona e potenziamento del tribunale delle imprese con l’attribuzione class action e controversie su concorrenza sleale.

 

Sentenze esecutive

Immediata esecutività sia per le sentenze di primo grado sia per quelle di appello.

 

Appello limitato

Introduzione di limiti all’appello con il rafforzamento del divieto di allegazione di nuovi elementi.

 

Tempi certi

Previsione di un meccanismo processuale che permetta di dare maggiore prevedibilità oltre che all’esito anche alla durata del processo.

3 | DIRITTO PENALE (DISEGNO LEGGE)

 

Ripristinato il falso in bilancio

Viene restituita severità soprattutto alla fattispecie base di falsità in comunicazioni sociali con innalzamento delle sanzioni e la cancellazione, per ogni fattispecie, delle soglie di rilevanza penale.

 

Antiriciclaggio aggravato

Introdotto il reato di autoriciclaggio e inasprita la risposta penale al riciclaggio prevedendo anche aggravanti per amministratori, sindaci e liquidatori.

Antimafia più incisiva

Ampio il pacchetto di misure contro la criminalità, con maggiori sanzioni per aderenti

e capi delle organizzazioni e più spazio alla confisca.

4 | PROCESSO PENALE (DELEGHE E DDL)

Prescrizione congelata

Si introduce un blocco della prescrizione di 2 anni in caso di appello di sentenza di condanna e di 1 anno in caso di ricorso in Cassazione.

 

Condotte riparatorie

La realizzazione di condotte che riparano al danno provocato può condurre all’estinzione del reato.

 

Condanna su richiesta

Possibilità per l’imputato di sollecitare un giudizio di condanna nel corso dell’udienza preliminare.

 

Tre deleghe

Il disegno di legge affida 3 deleghe al Governo per rivedere processo penale(con intercettazioni), ordinamento penitenziario e condizioni di procedibilità.

5 | RESPONSABILITÀ (DISEGNO LEGGE)

Filtro cancellato

Cade la necessità di un filtro preventivo di ammissibilità prima di fare valere in giudizio

la responsabilità dei magistrati

Condotta punibile

Dolo o colpa grave in un provvedimento o in un diniego di giustizia restano alla base della responsabilità delle toghe. L’interpretazione della legge non può però mai dare luogo a sanzione.

Effetto rivalsa

Il cittadino non potrà mai agire direttamente contro il magistrato. Sarà lo Stato a pagare in caso di condanna, ma potrà poi rivalersi fino alla metà dello stipendio annuale del magistrato.

6 | ESTRADIZIONE (DELEGA)

 

Trasmissione diretta

Valorizzato il sistema di trasmissione diretta delle rogatorie all’autorità giudiziaria, assicurando la trattazione immediata di quelle più urgenti.

Diritto di veto limitato

Viene limitato il diritto di veto da parte del ministero della Giustizia a favore di forme di comunicazione più immediate tra magistrature.

 

Corretta l’estradizione

Le garanzie dell’estradando sono affidate anche all’azione del Procuratore generale, mentre il cittadino in custodia cautelare all’estero potrà vedersi conteggiato questo periodo

di detenzione in caso di condanna subìta in Italia.

7 | GIUDICI ONORARI (DELEGA)

Statuto unico

Previsione di uno statuto della magistratura onoraria, applicabile ai giudici di pace, ai giudici onorari di tribunale e ai vice procuratori onorari, attribuendo ai primi due le medesime competenze collocandoli all’interno del medesimo ufficio, rappresentato dall’attuale articolazione giudiziaria del giudice di pace.

 

Indennità

Introduzione di un regime di indennità tale da rendere compatibile l’esercizio della funzione con lo svolgimento di altra professione.

Impiego

I giudici onorari potranno essere impiegati anche nell’ufficio del processo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. arbitrato, negoziazione , escussione testi. Tutte cose a pagamento. Tanto gli Italiani non sanno più dove spendere i soldi. Ci voleva qualche suggerimento dal Governo

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube