Diritto e Fisco | Editoriale

Assicurazione sulla vita per assicurare una buona eredità

31 Agosto 2014
Assicurazione sulla vita per assicurare una buona eredità

Troppe tasse sull’eredità: come evitare gli obblighi della legittima stipulando una polizza assicurativa sulla vita.

<< Continua da “Eredità e tasse: quanto si paga. Come evitare la legittima”

Un altro modo per disporre del proprio patrimonio aggirando gli obblighi della legittima, per dare di più a un erede rispetto a un altro oppure per assicurare al convivente more uxorio un capitale sul quale contare per il futuro, è stipulare un’assicurazione sulla vita che li indichi come beneficiari.

Le polizze vita non rientrano nell’asse ereditario, quindi non sono nemmeno tassate con l’imposta di successione, e il beneficiario può essere scelto liberamente dal contraente, senza dover applicare le norme relative alla successione dei legittimari.

Al momento del decesso dell’assicurato, il beneficiario dovrà denunciarne la morte all’assicurazione e compilare il modulo per la richiesta di pagamento, chiamato anche “denuncia di avvenuto sinistro”.

La compagnia di assicurazione deve pagare il dovuto al beneficiario entro un termine massimo, in genere, di 30 giorni, che decorre dal momento in cui ha ricevuto la documentazione completa.

Occhio, però, alla prescrizione. Infatti, i diritti derivanti dal contratto di assicurazione si prescrivono in dieci anni da quando si è verificato l’evento che dà diritto al pagamento.

Non perdete tempo e chiedete il rimborso della polizza, altrimenti i soldi che il defunto vi aveva destinato finiscono nel Fondo dormienti gestito da Consap (Concessionario servizi assicurativi pubblici) e diventano irrecuperabili.

È importante archiviare la polizza con cura e informare i familiari o una persona di fiducia della sua esistenza e degli estremi della polizza stessa, in modo che i beneficiari, in caso di decesso dell’assicurato, possano chiedere la liquidazione del capitale.

 

 

>> Continua in “Problemi di eredità: prova con la donazione o il beneficio d’inventario”


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube