Diritto e Fisco | Articoli

Come si fa un esposto al Sindaco?

27 Luglio 2022 | Autore:
Come si fa un esposto al Sindaco?

A cosa serve e quando si fa una segnalazione al primo cittadino? Qual è la differenza con la denuncia penale? Come si deposita l’esposto al Comune?

Se si sospetta che sia stato commesso qualche illecito non bisogna per forza rivolgersi alle forze dell’ordine: in alcuni casi, è possibile denunciare i fatti direttamente al sindaco. Per legge, infatti, al sindaco sono attribuiti importanti poteri per prevenire ed eliminare pericoli che minacciano l’incolumità pubblica o la sicurezza urbana. Con questo articolo vedremo come si fa un esposto al sindaco.

L’esposto non è una denuncia vera e propria, ma una segnalazione affinché si facciano i dovuti accertamenti relativi a una situazione che, presumibilmente, costituisce un illecito. In altre parole, l’esposto non è destinato alla Procura della Repubblica. È però anche vero che se, a seguito delle verifiche effettuate dopo l’esposto, si dovessero ravvisare gli estremi di un reato procedibile d’ufficio, allora non si potrà fare altro che segnalare la notizia in Procura. Come si fa un esposto al sindaco? A cosa serve? Scopriamolo insieme.

Esposto: cos’è e a cosa serve?

L’esposto è la segnalazione di un fatto che potrebbe costituire un illecito.

L’esposto serve a favorire l’intervento delle autorità affinché si verifichi la legalità o meno di quanto segnalato.

Ad esempio, se una persona ritiene che in un terreno privato ci sia una discarica abusiva per via dell’evidente ammasso di rottami e cose vecchie che si scorge anche dalla strada, potrà fare un esposto al sindaco o alla polizia municipale affinché venga verificata la legalità della situazione.

Possiamo quindi dire che l’esposto serve ad allertare la competente autorità pubblica (Comune, Asl, ecc.) affinché intervenga per verificare la legittimità di una certa situazione.

Esposto e denuncia: differenza

È quindi chiara la differenza tra denuncia ed esposto: mentre la denuncia, una volta ricevuta dalle autorità (polizia, carabinieri, ecc.), deve essere trasmessa in Procura, l’esposto è un invito alle stesse a intervenire per capire se si è in presenza di un reato. Solo in quest’ultimo caso si dovrà procedere a trasmettere la segnalazione alla Procura. Facciamo un esempio.

Marco ritiene che il suo vicino abbia costruito un fabbricato senza alcun titolo edilizio. Fa dunque un esposto alla polizia municipale la quale, una volta effettuati i dovuti accertamenti, si accorge in effetti che si tratta di un abuso edilizio. Trattandosi di reato, la polizia dovrà segnalare il fatto in Procura.

Esposto al sindaco: quando si fa?

L’esposto al sindaco può essere fatto tutte le volte in cui si ritiene che ci sia una situazione di illegalità all’interno del territorio del Comune.

Per legge [1], il sindaco può emanare provvedimenti (sotto forma di ordinanze) ogni volta che ci siano problemi in materia di ordine e sicurezza pubblica. Il sindaco deve anche prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano l’incolumità e la sicurezza urbana.

Ad esempio, il sindaco deve intervenire se da un locale provengono sistematicamente rumori e schiamazzi che rendono impossibile il riposo, stabilendo regole severe per la chiusura dei locali e per l’immissione dei rumori.

Lo stesso deve fare se c’è un’opera che inquina l’ambiente, come ad esempio una canna fumaria da cui promanano fumi derivanti dalla combustione di plastiche, oppure se c’è il pericolo che un immobile privato possa crollare e abbattersi sul suolo pubblico.

Il sindaco deve inoltre vigilare sul rispetto delle norme sanitarie, ambientali e di quelle urbanistico-edilizie.

Ma non solo: quando nel Comune non ci sono presidi di polizia giudiziaria (carabinieri, polizia, ecc.), il sindaco, in qualità di pubblico ufficiale e rappresentante del governo sul territorio, può anche ricevere le denunce e le querele dei cittadini, per poi trasmetterle alla Procura.

L’esposto al sindaco può dunque essere fatto per segnalare:

  • un abuso edilizio;
  • una discarica abusiva;
  • un edificio pericolante;
  • schiamazzi notturni;
  • episodi di violenza nelle strade;
  • mancato rispetto della normativa igienica nelle strutture pubbliche o aperte al pubblico.

Esposto al sindaco: come si fa?

L’esposto al sindaco va fatto per iscritto. Non occorrono particolari formalità: bisogna semplicemente narrare i fatti che sono oggetto di segnalazione, avendo cura di specificare tutte le circostanze che possono aiutare le autorità a comprendere la situazione e a stabilire se si tratta di un reato o meno.

Ad esempio, se si fa un esposto al sindaco per un presunto abuso edilizio sul territorio comunale bisognerà indicare con precisione in cosa consiste la presunta illegalità, come ad esempio il fatto che l’edificio non rispetti le distanze, oppure che è stato costruito con materiale vietato (copertura in amianto, ad esempio).

L’esposto al sindaco va firmato da chi lo presenta; un esposto anonimo non avrebbe valore giuridico e non verrebbe preso in considerazione.

L’esposto può essere presentato di persona recandosi presso il Comune e depositando l’atto presso l’ufficio protocollo, il quale provvederà a ricevere l’esposto, a iscriverlo nel proprio registro e poi a trasmetterlo al sindaco.

L’addetto all’ufficio protocollo può anche attestare l’avvenuta ricezione ponendo un timbro sulla copia in possesso del cittadino che ha effettuato l’esposto, così da poter avere una ricevuta.

L’esposto può anche essere inviato a mezzo pec o tramite raccomandata con avviso di ricevimento.

Esposto al sindaco: cosa succede dopo?

Dopo l’esposto al sindaco, il primo cittadino provvederà, personalmente o per mezzo della polizia municipale, a verificare se il fatto segnalato costituisca un illecito oppure no.

Ad esempio, la polizia municipale può recarsi sul luogo segnalato nell’esposto e accertarsi se ci sia o meno una discarica abusiva.

Se il fatto contenuto nell’esposto costituisce reato, allora il sindaco (o la polizia municipale che ha effettuato il sopralluogo) dovrà necessariamente darne avviso alla Procura: per legge, infatti, ogni pubblico ufficiale è tenuto a denunciare i reati a cui assiste.

Al contrario, se il fatto segnalato nell’esposto non costituisce un reato ma un mero illecito amministrativo, allora il sindaco adotterà gli opportuni provvedimenti. Ad esempio, se il sindaco accerta che un pub viola i limiti (stabiliti in decibel) delle immissioni sonore, potrà emanare un’ordinanza con cui multare il locale pubblico.


note

[1] Art. 54 Tuel.

Autore immagine: canva.com/


Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube