Diritto e Fisco | Articoli

Canone Rai: guida pratica per esenzione e pagamento

7 Settembre 2014
Canone Rai: guida pratica per esenzione e pagamento

Tutte le domande e le risposte: come, quando e perché non pagare il canone alla tv di Stato.

Ormai da qualche anno, durante il mese di gennaio, ritorna il tormentone sul canone Rai: c’è chi ne chiede l’abolizione, c’è chi vorrebbe caricarne l’importo sulla bolletta della luce in modo che lo paghino tutti gli italiani, c’è chi protesta contro il ritocco che ogni anno ne aumenta la cifra (dalle iniziali 15 mila lire annue del 1954 si è arrivati agli oltre 100 euro), e così via.

Al di là delle discussioni, una cosa è certa: chi possiede un apparecchio televisivo deve sborsare l’obolo che serve per sostenere i canali della radiotelevisione pubblica nazionale. Anche se non guarda la Rai.

La qualità del servizio non conta

Le legge non fa distinzioni: anche se, paradossalmente, il vostro televisore non riesce a farvi vedere decentemente i canali Rai oppure lo utilizzate solamente per guardarvi i film in dvd, il canone è dovuto lo stesso. Lo ha chiarito anche la Corte di cassazione, pur nel suo linguaggio non proprio scorrevole.

La suprema Corte ha infatti affermato che “la legge si riferisce alla capacità dell’apparecchio a ricevere: nel senso, cioè, che il canone è dovuto anche se l’apparecchio non è al momento in grado di funzionare ma è adattabile alla ricezione”. E ancora: “Il presupposto dell’imposizione del pagamento del canone di abbonamento è unicamente la detenzione degli apparecchi televisivi; a nulla rileva la circostanza che l’utente riceva o meno le trasmissioni del servizio pubblico”.

In pratica, perché scatti l’obbligo del pagamento del canone basta possedere un qualsiasi dispositivo potenzialmente in grado di ricevere il segnale dall’antenna tv.

Per che cosa non si paga

Se a casa non avete la tv, ma solamente la radio, non c’è l’obbligo di pagare il canone Rai.

Allo stesso modo non è previsto alcun abbonamento se avete un pc, un tablet o uno smartphone.

Paradossalmente, anche se li utilizzate, tramite collegamento internet, per guardare i canali Rai: in questo caso, infatti, manca il presupposto legato al fatto che il dispositivo sia potenzialmente in grado di ricevere il segnale dall’antenna radiotelevisiva.

 

Cerchiamo di chiarire un po’ di dubbi.

Pay tv e viaggi all’estero.

L’obolo a mamma Rai va versato anche se pagate un abbonamento a una pay tv o a una tv satellitare e anche se, per esempio, siete molto spesso fuori casa oppure soggiornate all’estero per alcuni mesi all’anno.

Seconda casa.

Se avete una seconda casa non dovete pagare un canone doppio: l’abbonamento Rai per l’abitazione primaria consente di possedere anche altri apparecchi tv senza ulteriori sovrapprezzi.

Cambio di residenza.

Nel caso di trasferimento in un’altra casa non dovete stipulare un altro contratto di abbonamento: basta comunicare i nuovi dati. Potete farlo via email

(al sito www.canone.rai.it), contattando il call center al numero 199.123.000 o scrivendo all’Agenzia delle entrate – Direzione provinciale I di Torino – Ufficio territoriale di Torino 1 Sportello S.A.T. – casella postale 22 – 10121 Torino (quest’ultimo indirizzo è quello di riferimento per tutte le comunicazioni riguardanti il canone).

Degenza in casa di riposo.

Potete chiedere l’annullamento del canone se vi trasferite in una casa di riposo, indicando, nella comunicazione, i dati della casa di riposo e la data di inizio della degenza.

 

Eredi.

In caso di morte del titolare dell’abbonamento, l’erede (se anch’esso è un abbonato Rai), deve chiedere l’annullamento del canone, comunicando la data e il luogo di decesso dell’intestatario.

Se invece l’erede non è abbonato, deve richiedere all’Agenzia delle entrate l’intestazione a proprio nome del canone del defunto.

Esenzione solo per pochi

Per essere esentati dal pagamento del canone dovete possedere tre particolari requisiti che, di fatto, restingono molto la cerchia di chi può non pagare l’abbonamento:

 

1. dovete compiere i 75 anni entro il termine di pagamento del canone (per esempio, per chiedere l’esenzione quest’anno, dovete

compiere i 75 anni entro il 31 gennaio 2014);

 

2. dovete convivere solamente con il coniuge;

3. conteggiando anche il reddito del coniuge, dovete avere un reddito annuo lordo non superiore a 6.713,98 euro (pari a tredici mensilità da 516,46 euro).

 

Come dare disdetta

Se siete abbonati Rai, ma avete deciso che non vi interessa più vedere la tv, non è per nulla facile sfuggire legalmente al pagamento del canone. La disdetta dell’abbonamento è prevista solamente in tre casi:

1. Mancato possesso di apparecchi tv. Tramite raccomandata a.r., dovete comunicare all’Agenzia delle entrate (l’indirizzo è sempre quello di Torino) che chiedete la disdetta perché non possedete più alcun apparecchio televisivo (perché l’avete rottamato, vi è stato rubato, è bruciato durante un incendio, ecc.).

2. Cessione degli apparecchi tv. In questo caso, dovete cedere tutti gli apparecchi in grado di ricevere il segnale televisivo, indicando le generalità e l’indirizzo del nuovo possessore.

 

3. Suggellamento degli apparecchi tv. Qui si entra in una dimensione tra il racconto leggendario e quello di fantascienza: la legge prevede, infatti, che potete chiedere di non pagare più il canone facendovi suggellare gli apparecchi tv. In pratica, ciò significa chiedere all’Agenzia delle entrate che tutti i vostri apparecchi (casa di residenza, seconda casa, ecc.) vengano resi inutilizzabili attraverso la chiusura in appositi involucri.

Leggi a riguardo la nostra guida: “Come non pagare il canone Rai con la procedura di suggellamento”.

Sanzioni per chi non paga

Chi paga in ritardo deve sborsare di più e, come nella peggiore tradizione burocratica italiana, deve usare differenti bollettini postali a seconda se si tratta dell’importo del canone o di quello delle sanzioni.

Se pagate dopo la scadenza di legge (31 gennaio), il versamento dell’importo del canone va fatto sul c/c postale n. 1107, intestato a Agenzia delle entrate – Direzione provinciale I di Torino – Ufficio territoriale di Torino 1 S.A.T. – recupero canoni abbonamento tv.

In caso di ritardo inferiore ai 30 giorni, la sanzione è di 4,47 euro, che diventano 8,94 euro superati i 30 giorni.

Se il ritardo supera i 6 mesi, dovete pagare anche l’1% in più sull’importo del

canone per ogni semestre di ritardo.

Le sanzioni vanno pagate con versamento sul c/c postale n. 104109, intestato a Agenzia delle entrate – Direzione provinciale I di Torino – Ufficio territoriale di Torino 1 S.A.T. – sanzioni amministrative interessi e spese.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

14 Commenti

  1. Buona sera ,io non ho mai pagato il canone rai perchè io non guarfo la rai,ma questa settimana si è presentato uno davanti al mio portone esce mio figlio perchè io lavoro dicendo di essere un ispettore della rai è ha consegnato a mio figlio un vaglio postale di euro 41,33 è lha fatto firmare che faccio io in questi casi mi potete aiutare grazie.

  2. buonasera,io pago il canone RAI ma ho 75 anni compiuti e convivo solo con mia moglie, supero i 6.713,28 ma pago l’ affitto di casa ….devo continuare a pagare comunque o c’è qualche scappatoia .Grazie

  3. buongiorno io la tassa della rai la vedo come un vero e proprio furto…c’è chi paga chi nn paga nn si capisce bene…solo gli ingenui come me la pagano ancora…ma da oggi ho deciso di nn pagarla più…che vengano pure ispettori a casa mia tanto nn posseggo più nulla….se vogliono gli offro il mio sangue che manco è sano….italiani……e se nessuno pagasse più nulla ci avete mai pensato……!!!!!!!!! daltronde che dire ….siamo in italia…!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. Si toglie dalla bolletta Enel l’ammontare del canone Rai e si fa una nuova belletta per il versamento Enel!

  5. HO COMPIUTO 75 ANNI E SUPERO LA QUOTA MENZIONATA DI ESENZIONE DI CIRCA 1000 E POSSO SPERARE DI RISPARMIARE TALE SOMMA ? VI RINGRAZIO PER EVENTUALE RISPOSTA

  6. Se non si paga, potremmo avere sorprese tra qualche tempo con un bella cartella aumentata più del doppio tramite Equitalia?

  7. il canone rai è un vero furto.la rai trasmette da schifo programmi banali ,persone super pagate .il canone è una tangente autorizzata dai politici,specialmente che ci sono mille canali privati che non chiedono nulla.la rai manda in onda tanta di quella pubblicità .io purtroppo sono una di quelli incastrati a pagare ,vergognatevi.la rai trasmette tra i tanti difetti un solo canale a piacimento in HD e questa è serietà,onestà ,professionalità,io la chiamerei diversamente.fa bene chi non paga ,tra tutti balzelli che ci sono e le persone che non hanno più lavoro e non riescono a sbarcare il lunario, il canone è il più odioso,devo pagare Vespa e gli altri,ma x favore! Fazio uno dei più pagati da rai ma che con pure la Litizzetto che più che parolacce non dice. proprio non mi rappresenta la rai ,non mi dà niente neanche un pò di compagnia.

  8. Buonasera sono del 1935 (79 anni compiuti a febbraio) invalido civile al! 100% vedovo da dieci anni, vivo solo e ho la pensione integrata al minimo, come posso fare per ottenere l’ esenzione? quali documenti devo fare e dove mandarli?
    Grazie per chi mi aiuterà.
    Premetto che sono invalido dal 2000 e il canone è sempre stata pagato.

  9. Caro romano mura lei non deve pagare in quando ha raggiunto e superato i 75 anni e deve vivere da solo o avere la moglie in casa ma lei non ce l’ha piu’ e se vive con qualcuno deve pagarlo… Ha capito la fregatura ? Comunque e! Scritto e si dara’ lei, leggendo ,la risposta

  10. PERCHE’ NON FANNO IN MODO DI TRSMETTERE IL SEGNALE RAI SOLO A QUELLI CHE VOGLIONO LA RAI ? E LASCIANO LIBERE LE ALTRE ! IN QUESTO MODO LA RAI PUO’ FARE COME SKIPE CHE SI VEDE CON UNA TESSERA ………….

  11. Io non ho capito perchè la RAI, non é organizzata tecnologicamente come tutte le altre pay TV : ( visto e considerato che con il quantitativo di pubblicità che dobbiamo subire, é già diventata da tempo una televisione commerciale, a tutti gli effetti ) e cioé, far pagare Il canone attraverso una scheda prepagata e un decoder……… Lasciando liberi tutti quelli che vogliono seguire tutte le altre reti libere e gratis……….. In modo da poter eliminare con estrema precisione tutti gli evasori…………..

  12. mia mamma è vedova è ha 79 anni, è da sola non vive con nessuno , deve pagare?
    o è in base al reddito ?

  13. Salve,
    Sono comproprietario di tre case (una assegnata alla mia ex moglie da sentenza di separazione e le altre due ricevute in eredità) e convivo in una quarta casa. In nessuna di queste sono titolare di bolletta per energia elettrica. Quindi?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube