Per chi vorrà pagare le tasse obbligatorio un conto online da ottobre

3 Settembre 2014
Per chi vorrà pagare le tasse obbligatorio un conto online da ottobre

Necessario un servizio di home banking o l’assistenza dell’intermediario abilitato.

Come detto nel precedente articolo “F24 solo online da ottobre”, dal 1° ottobre 2014 tutti i privati (che non siano imprenditori o professionisti), se vorranno pagare un F24 superiore a mille euro (ovvero un modello di versamento con saldo inferiore, grazie a una compensazione), senza doversi appoggiare agli intermediari abilitati (professionista, associazione di categoria, Caf, eccetera), dovranno obbligatoriamente scegliere una delle due seguenti soluzioni:

1. aderire ai servizi telematici di pagamento messi a disposizione dall’agenzia delle Entrate

2. oppure stipulare un contratto di home o remote banking con la propria banca o posta. Di conseguenza, dovranno aprire obbligatoriamente un proprio conto corrente (anche cointestato con altri).

La prima alternativa: i servizi online dell’Agenzia delle Entrate

I servizi telematici di pagamento messi a disposizione dall’agenzia delle Entrate sono l’F24 web, l’F24 online e l’F24 cumulativo. Anche se la procedura è completamente telematica, non è possibile effettuare i pagamenti tramite bancomat o carta di credito, ma è necessario addebitare il modello su un conto corrente bancario o postale.

Con l’F24 web e con l’F24 online, il contribuente può compilare e trasmettere il modello di versamento F24 direttamente; non è quindi necessario avvalersi di un intermediario abilitato (professionista, associazione di categoria, Caf, eccetera) alla trasmissione.

L’F24 cumulativo, invece, può essere utilizzato solo dagli intermediari abilitati al canale Entratel, i quali possono effettuare i versamenti delle imposte dovute dai loro clienti, con addebito diretto sui conti correnti di questi ultimi, ma anche sui propri conti bancari o postali. Il consulente, quindi, può addebitare sul proprio conto corrente un F24 intestato a un terzo. Operazione non possibile, invece, per il contribuente che usa l’F24 web o l’F24 online: quindi, ad esempio, il padre non può pagare l’F24 del figlio addebitandolo sul proprio conto.

 

La seconda alternativa: il conto corrente

Per l’F24 web e l’F24 online, cioè quelli che consentono di fare direttamente l’F24 telematico senza avvalersi di altri soggetti terzi (intermediari abilitati), la richiesta di pagamento dell’F24 viene scartata se non c’è la corrispondenza tra il codice fiscale del contribuente indicato nel modello F24 e quello del titolare del conto corrente di addebito (o del cointestatario con abilitazione a operare con firma disgiunta). Ecco che in questi casi, da ottobre 2014, non potendo più pagare in contanti un F24 cartaceo, sarà necessario aprire obbligatoriamente un conto corrente per addebitare il modello telematico, generato con l’F24 web o l’F24 online.

 

La terza alternativa: rivolgersi a un intermediario abilitato

In alternativa, ci si dovrà affidare a un intermediario abilitato a Entratel che, tramite l’F24 cumulativo, potrà effettuare i versamenti online delle imposte dovute dai propri clienti con addebito unico sul proprio conto corrente delle somme complessivamente dovute.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube