Diritto e Fisco | Articoli

Divorzio: in discussione la sovranità della Chiesa? La parola alla Corte Costituzionale

3 Settembre 2014
Divorzio: in discussione la sovranità della Chiesa? La parola alla Corte Costituzionale

Famiglia: la legge sul divorzio non viola la Costituzione; le norme non intervengono sul vincolo religioso ma sugli effetti civili del matrimonio.

La legge sul divorzio non è incostituzionale. C’è ancora chi lo pensa e, perciò, i giudici della Cassazione [1] sono chiamati, ancora una volta, a ribadire che tale normativa non contrasta con la sovranità della Chiesa [2] né con il diritto ad esercitare la propria fede religiosa [3] in quanto “il vincolo religioso e la sfera di autodeterminazione ad esso propria” sono cosa diversa dagli “effetti civili” del matrimonio celebrato in chiesa.

A 40 anni esatti dal famoso referendum abrogativo (tenutosi il 12 e 13 maggio 1974), si torna, dunque, a parlare della legge sul divorzio [4]. Tutto è scaturito a seguito del ricorso di donna che ne chiedeva la dichiarazione di incostituzionalità per la violazione de “la sovranità della Chiesa cattolica” riconosciuta dai Patti Lateranensi e dalla Costituzione.

Sul punto si è già pronunciata la Corte Costituzionale che, nel 1971 [5], ha evidenziato come “con i Patti Lateranesi lo Stato non ha assunto l’obbligo di non introdurre nel suo ordinamento l’istituto del divorzio” e il sacramento del matrimonio “non implica affatto” che sia “altresì riconosciuto come produttivo di effetti civili dallo Stato”.

Nella sentenza in commento è stata affrontata anche un’altra censura: cioè se la legge sul divorzio del ’70 possa avere valore retroattivo e, quindi, applicarsi anche ai matrimoni ecclesiastici celebrati precedentemente alla sua entrata in vigore. Anche su questo punto già la Suprema Corte si era espressa 40 anni fa, rigettando la censura: non si può parlare di un’applicazione retroattiva della legge poiché non attiene “all’atto costituivo del matrimonio”, ma riguarda “esclusivamente gli effetti in atto del matrimonio stesso”.


note

[1] Cass. ord. n. 18647/2014.

[2] Art. 7 Cost.

[3] Art. 19 Cost.

[4] Legge 898 del 1970.

[5] C. Cost. sent. n. 169/1971.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube