Finanziamenti e sim richieste da omonimi e truffatori: arriva la banca dati

4 Settembre 2014
Finanziamenti e sim richieste da omonimi e truffatori: arriva la banca dati

Mutui o contratti telefonici chiesti mediante furto d’identità: gli istituti di credito e le società di tlc potranno interrogare un archivio per scovare le truffe.

Si stanno diffondendo, a macchia d’olio, le truffe ai danni dei cittadini perpetrate da soggetti che, falsificando i propri documenti, riescono a chiedere finanziamenti alle banche sotto falso nome, in questo modo addebitando le relative passività e sanzioni a persone del tutto ignare di ciò.

Il malcapitato scopre così, casualmente (di norma quando deve chiedere un prestito al consumo o apre un nuovo conto corrente), di essere stato protestato, segnalato alla Crif o alla Centrale Rischi della Banca d’Italia o interdetto dall’uso degli assegni. Nella migliore delle ipotesi lo stesso problema si verifica in caso di omonimia tra due soggetti.

La pratica, così, passa puntualmente a uno studio legale che si mette in contatto con le banche interessate al fine di sbrogliare la noiosa matassa.

A breve, però, tutto questo potrebbe essere solo un ricordo. Sta infatti per essere resa operativa una banca dati istituita dal Ministero dell’Economia (e gestita da Consap) contro i cosiddetti furti d’identità [1].

In pratica, ogni istituto di credito o qualsiasi altro intermediario finanziario dovrà, prima di concedere un mutuo, un credito al consumo o aprire un conto corrente,consultare il “maxi-cervellone” e verificare se il cliente che sta facendo la richiesta non abbia taroccato i propri dati e sia chi dice di essere.

L’accesso alla banca dati sarà consentito anche alle società di telefonia onde scongiurare il pericolo di intestazioni di sim o di utenze fisse a truffatori.

Il funzionamento del cervellone del Mef è abbastanza facile: l’intermediario pagherà la connessione con l’archivio e, una volta consultato, otterrà la risposta in tempi immediati. Verrà, in particolare, effettuata una verifica su passaporti, carte di identità e carte di credito. In realtà, la banca dati altro non è che l’accesso ad altre sei banche dati (tra le quali quella dell’Agenzia delle Entrate e dell’Inps) consentendo una verifica sulla veridicità del dato inserito.

La creazione di tale strumento era stata già prevista da un decreto legislativo del 2011 [2], tuttavia i continui ritardi ne hanno impedito l’attuazione pratica. Oggi sembra invece che la situazione si sia sbloccata. Salvo imprevisti, il cervellone dovrebbe essere operativo entro la fine dell’anno.


note

[1] Per furto di identità la direzione del Tesoro intende l’impersonificazione totale e cioè occultamento totale della propria identità mediante l’utilizzo indebito di dati relativi all’identità e al reddito di un altro soggetto; e l’impersonificazione parziale: occultamento parziale della propria identità mediante l’impiego, in forma combinata, di dati relativi alla propria persona e l’utilizzo indebito di dati relativi ad un altro soggetto, nell’ambito di quelli di cui al punto precedente

[2] D.lgs. del 11 aprile 2011, n. 64.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube