Diritto e Fisco | Editoriale

Il libro bianco della pirateria

13 Ottobre 2011 | Autore:
Il libro bianco della pirateria

Lo scorso 14 giugno, a Roma, nella sala delle conferenze stampa presso la Camera dei Deputati si è tenuta la presentazione del volume: “Libro bianco su diritti d’autore e diritti fondamentali nella rete internet”. Il testo, coordinato dall’Avv. Fulvio Sarzana e disponibile online, con licenze “Creative Commons”, su Punto Informatico, è  firmato da quindici autori appartenenti al mondo del giornalismo, delle imprese, della ricerca universitaria, delle libere professioni, del consumerismo. Tra essi vi sono Marco Scialdone, Paolo Brini, Luca Nicotra, Marco Pierani, Mauro Vergari, Stefano Quintarelli, Luca Annunziata, Gaia Bottà, Mauro Alovisio, Dino Bortolotto, Giovan Battista Frontera, Giulia Aranguena de la Paz, Fabrizio Ventriglia.

Il “Libro Bianco” è uno studio di controtendenza, che affronta il tema del copyright da un punto di vista sin’oggi inesplorato. In particolare, prendendo le distanze dai dati forniti dall’industria dei contenuti, dati che puntualmente addebitano alla pirateria informatica ingenti danni sul mercato (del lavoro e della creatività), il volume invece elenca una serie di studi indipendenti (e poco conosciuti) che dimostrerebbero il contrario. Le ricerche condotte da alcune università del nord Europa, nonché dal governo olandese (2009) e britannico (2010) dimostrerebbero che chi è dedito al download tramite sistemi P2P ha anche una tendenza al consumo superiore rispetto a chi invece non opera la condivisione dei contenuti. La condivisione aumenta l’informazione, l’informazione genera conoscenza, la conoscenza migliora (in qualità e quantità) i consumi.

L’articolo prosegue a questo indirizzo



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube