Diritto e Fisco | Articoli

Matrimonio breve, assegno divorzile ridotto

4 Settembre 2014 | Autore:
Matrimonio breve, assegno divorzile ridotto

Sì all’assegno divorzile al coniuge più bisognoso ma occorre ridimensionarlo se il matrimonio è stato breve.

Il coniuge privo di reddito autonomo ha diritto ad un assegno di divorzio ridotto se il matrimonio è durato poco.

È quanto affermato da una recente ordinanza [1] con cui la Cassazione ha riconosciuto ad una donna divorziata dopo due soli anni di matrimonio un assegno divorzile pari a duecento euro mensili.

Secondo i giudici, la breve durata del vincolo familiare può incidere sull’ammontare del divorzio, indipendentemente dalla differenza di reddito tra i due coniugi.

In caso di divorzio, la legge prevede la possibilità per il coniuge privo di mezzi adeguati al proprio autonomo sostentamento o non possa comunque procurarseli per ragioni oggettive, di percepire un assegno periodico dall’ex partner.

Tale assegno viene determinato dal giudice in base ad una serie di criteri indicativi: condizioni dei coniugi, ragioni del divorzio, contributo personale ed economico dato da ciascun coniuge alla conduzione familiare e alla formazione del patrimonio personale e comune, reddito di entrambi i coniugi [2].

Tutti i suddetti elementi devono essere valutati anche in rapporto alla durata del matrimonio.

Quest’ultima può essere determinante e prevalere su tutti gli altri criteri, compreso quello dei redditi dei coniugi. Tanto più se, come nel caso in esame, durante la breve convivenza matrimoniale, i coniugi hanno comunque intrapreso autonomi percorsi di vita, non creando così un vincolo familiare solido [3].

Quanto più è breve la durata del matrimonio, tanto più è debole il vincolo familiare che dovrebbe giustificare l’assegno per il coniuge meno abbiente. Di conseguenza l’assegno divorzile è ridotto, nonostante il coniuge obbligato abbia un reddito diverse volte superiore a quello del beneficiario.


note

[1] Cass. ord. n. 18722 del 4.09.14.

[2] Art. 5 L. n. 898/1970.

[3] Il criterio della durata del matrimonio può essere determinante anche per il calcolo dell’assegno di mantenimento (Cass. sent. n. 10664/2011).

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube