Diritto e Fisco | Editoriale

Chi non versa le spese condominiali: utenza sospesa?

7 Settembre 2014
Chi non versa le spese condominiali: utenza sospesa?

Luce, acqua, gas, riscaldamento, pulizie: oltre al ricorso per decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo, l’amministratore ha la possibilità, dopo sei mesi, di sospendere i servizi comuni suscettibili di godimento separato.

Chi non paga le rate mensili al condominio e fa mancare liquidità all’amministrazione per pagare i fornitori, oltre a vedersi addebitati i costi delle more per il ritardo, rischia anche di subire il taglio dei servizi comuni come luce, gas, pulizie, ecc.

Poiché i fornitori (acqua, luce, gas, ecc.) e i professionisti (idraulico, muratore, giardiniere, ecc.) concludono i contratti con l’intero condominio (e non con i singoli proprietari), è proprio quest’ultimo, in linea di principio, che risponde di eventuali debiti. E così la legge, allo scopo di spingere tutti i condomini a un pagamento puntuale, consente all’amministratore di sospendere i servizi comuni ai condomini morosi. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Nel caso in cui il condomino non versi le spese condominiali l’amministratore:

1. senza bisogno di una previa autorizzazione dell’assemblea, può agire nei suoi riguardi in tribunale per ottenere un decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo;

2. se il mancato pagamento si è protratto per almeno sei mesi, può sospendere il condomino moroso dalla fruizione dei servizi comuni suscettibili di godimento separato, quelli cioè la cui “interruzione” nei confronti di un condomino non comporta l’interruzione del servizio anche per gli altri condomini.

Facciamo un esempio: se il condomino del quinto piano non paga, l’amministratore può chiedere alla ditta di pulizie di non lavare il suo pianerottolo, può chiudere il bocchettone dell’acqua del suo appartamento, ecc.

Quest’ultima possibilità è stata di recente confermata da una recente ordinanza del Tribunale di Roma [1]. Il giudice ha precisato che, a causa della permanente morosità, può essere disattivata l’utenza del condomino, ma – si intuisce nel testo del provvedimento – sempre che non venga provata l’impossibilità o la grave difficoltà di pagamento. In quest’ultima ipotesi, allora, rientrerebbe la necessità di tutelare il diritto alla salute del condomino che non potrebbe, altrimenti, vivere senza le utenze.

Di interpretazione più favorevole agli inadempienti sono stati altri giudici, per i quali il diritto del condominio che, con la sospensione del servizio, si intende tutelare, è puramente economico e, dunque, sempre riparabile, mentre, al contrario, per i fruitori del servizio la sospensione dell’erogazione dell’acqua o del riscaldamento, considerati servizi essenziali, contrasterebbe con il diritto alla salute previsto dalla nostra costituzione [2].

Ricordiamo comunque che, in base alla recente riforma, in caso di morosità del condominio nel pagamento dei propri fornitori, i creditori possono agire nei confronti dei proprietari in regola con i pagamenti dei canoni solo dopo aver prima aggredito (con pignoramento) i condòmini invece che sono morosi con le bollette: l’elenco di questi ultimi deve essere fornito ai creditori dall’amministratore.

Dunque, stando così le cose, anche i singoli condomini onesti, cioè quelli che saldano regolarmente i conti, possono essere presi di mira in caso di spese comuni non saldate: ma solo dopo che i creditori si sono rivolti, in prima battuta, nei confronti dei morosi. Però, se poi non ottengono nulla, possono rivalersi sull’intero condominio o, peggio ancora, contro uno qualsiasi dei proprietari.

In questi casi, scatta infatti il cosiddetto principio di “responsabilità solidale”, per il quale ciascuno dei proprietari può essere costretto a pagare quanto dovuto dall’intero palazzo.

Starà poi al proprietario preso di mira, una volta saldato forzatamente il debito, rivalersi contro alcuni o tutti i vicini di casa.

Il ruolo chiave dell’amministratore

L’amministratore ha un ruolo fondamentale nella gestione di spese e pagamenti. Tra le altre cose, la legge prevede che abbia l’obbligo di riscuotere le spese per la gestione ordinaria del condominio, anche procedendo per vie legali. Nel caso non lo faccia, il professionista può essere rimosso e chiamato davanti al giudice per il risarcimento del danno subìto dal condominio. In pratica, l’amministratore ha una responsabilità professionale e, quindi, deve prevenire le situazioni pericolose per il palazzo, cercando in tutti modi di non far accumulare debiti.

Attenzione, però: non è tenuto ad anticipare eventuali somme mancanti che servono a pagare i fornitori.

Fa parte dei suoi doveri, invece, sollecitare i condomini morosi e agire per recuperare il denaro che serve a pagare le spese nei termini previsti. In questo senso la legge è molto chiara: l’amministratore è tenuto a ricorrere al giudice, entro sei mesi dalla chiusura dell’esercizio, per riscuotere le spese non pagate dai condomini entro quel termine.

>> Continua inDebiti del condominio: ripartirli tra i condomini adempienti?


note

[1] Trib. Roma ord. del 27.06.2014; cfr. anche Trib. Brescia ord. del 21.05.2014

[2] Art. 32 Cost.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. “Ricordiamo comunque che, in base alla recente riforma, in caso di morosità del condominio nel pagamento dei propri fornitori, i creditori possono agire nei confronti dei proprietari in regola con i pagamenti dei canoni solo dopo aver prima aggredito (con pignoramento) i condòmini invece che sono morosi con le bollette: l’elenco di questi ultimi deve essere fornito ai creditori dall’amministratore. – See more at: https://www.laleggepertutti.it/55450_chi-non-versa-le-spese-condominiali-utenza-sospesa#sthash.F60KUK8S.dpuf” sarebbe utile specificare che l’azione contro i singoli condomini è quella esecutiva, mentre il creditore, al fine di far accertare il proprio credito, deve ottenere condanna del CONDOMINIO, con il quale ha sottoscritto il contratto, e non dei singoli condomini morosi?

  2. Sono stanca di pagare di più del dovuto per la morosità di condomini che non vivono nelle loro case e se le affittano pure e parliamo di morosità decennale.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube