Diritto e Fisco | Articoli

Ristrutturazioni: paga l’arretrato il venditore o l’acquirente?

13 Ottobre 2014
Ristrutturazioni: paga l’arretrato il venditore o l’acquirente?

In caso di vendita dell’immobile, il precedente proprietario dovrà dare copia dell’atto pubblico, ossia del rogito notarile, all’amministratore di condominio.

Se un condomino vende l’appartamento lasciando spese condominiali arretrate, l’amministratore può chiederne il pagamento sia al vecchio proprietario che al nuovo. O meglio: la legge, per tutelare i bilanci condominiali, prevede che il precedente e il successivo intestatario siano responsabili “in solido” solo per le spese dell’anno precedente alla vendita e per quelle dell’anno in corso. Per tutte quelle anteriori a questa forbice resta tenuto al pagamento il primo proprietario; per tutte quelle successive, resta obbligato solo l’ultimo proprietario.

Entro i suddetti limiti, l’amministratore può chiedere il pagamento degli arretrati anche al nuovo proprietario a condizione che il precedente gli fornisca copia del rogito notarile in cui si attesta la vendita del bene. Il venditore, dunque, per tutelarsi, farà bene a inviarla il prima possibile.

Ci sono sentenze discordanti riguardo il pagamento dei lavori di ristrutturazione: alcune fanno ricadere l’obbligo di pagare su chi è proprietario al momento dell’approvazione delle spese; altre, invece, affermano che deve pagare chi è proprietario al momento dell’esecuzione dei lavori, cioè colui che, di fatto, beneficia della ristrutturazione.

Che siano spese arretrate oppure spese per lavori approvati e non ancora eseguiti, vale sempre lo stesso consiglio: chi acquista un appartamento in condominio, al momento del rogito, deve regolare tutte le questioni che riguardano le spese condominiali.

Venditore e acquirente possono liberamente stabilire, nel rogito, quale delle due parti deve pagare le spese condominiali, scontandone il costo sul prezzo complessivo dell’appartamento.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube