Diritto e Fisco | Articoli

Nuovi diritti dei passeggeri sui treni: reclamo con risposta entro 30 giorni

7 Settembre 2014
Nuovi diritti dei passeggeri sui treni: reclamo con risposta entro 30 giorni

Disservizi sui treni: in caso di mancato riscontro al reclamo il passeggero può denunciare l’accaduto all’Autorità dei Trasporti.

Finalmente pendolari e passeggeri delle ferrovie potranno denunciare all’Autorità dei trasporti i disservizi subìti durante un viaggio in treno. A luglio scorso, infatti, è entrato in vigore un decreto legislativo [1] che stabilisce il nuovo regolamento sulla tutela dei passeggeri nel trasporto ferroviario.

La riforma prevede che se il reclamo fatto all’impresa ferroviaria non ha ricevuto risposta entro 30 giorni (che possono diventare tre mesi nei casi giustificati dalla complessità della questione) l’utente può presentare un esposto all’Autorità dei Trasporti (anche tramite un avvocato o un’associazione di consumatori). L’autorità, a sua volta, interviene non solo per “sbloccare” la pratica, ma anche per comminare una sanzione all’impresa fino a 150mila euro.

I diritti dei passeggeri la cui violazione può essere denunciata all’Authority, con conseguente applicazione della multa, sono:

1. non dare ai passeggeri la possibilità di portare le biciclette sul treno;

2. non informare i passeggeri sulle soppressioni dei treni;

3. non rispettare l’obbligo di corrispondere il pagamento anticipato per il decesso o il ferimento del passeggero;

4. non informare i passeggeri sugli indennizzi e i risarcimenti dovuti in caso di ritardo, coincidenze perse e soppressioni;

5. non assistere i viaggiatori in caso di ritardo, cancellazione o soppressione dei treni;

6. non rispettare gli obblighi relativi a disabili e persone a mobilità ridotta;

7. non rispettare gli obblighi in materia di sicurezza, reclami e qualità del servizio.

Nel nostro Paese ogni anno vengono presentati oltre 50 mila reclami dai passeggeri del trasporto ferroviario.

La possibilità di segnalare i comportamenti scorretti subìti e ignorati dall’azienda ferroviaria (che non ha tenuto conto del nostro reclamo) e sapere che ne potrà derivare una sanzione pesante per chi li ha messi in atto, ci fa sentire cittadini più rispettati.

Il modulo per fare la segnalazione è sul sito dell’Autorità.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube