Diritto e Fisco | Editoriale

Sciopero delle Forze dell’Ordine e delle Forze Armate

7 Settembre 2014
Sciopero delle Forze dell’Ordine e delle Forze Armate

Le Forze dell’Ordine e le Forze Armate non possono esercitare il diritto di sciopero.

 

In risposta al blocco degli stipendi nella P.A. annunciato in questi giorni dal ministro Madia, le rappresentanze sindacali della Polizia e di altre Forze dell’Ordine hanno minacciato di proclamare uno sciopero generale.

Sarebbe uno sciopero legittimo?

La risposta è no.

Lo sciopero di queste categorie di lavoratori è certamente inammissibile poiché la loro astensione dal lavoro comprometterebbe beni costituzionalmente protetti in quanto imprescindibili per l’ordinato svolgimento della vita civile come la libertà, l’integrità fisica, la difesa della Nazione, ecc..

Le norme in materia (di carattere speciale rispetto alla normativa generale sull’esercizio del diritto di sciopero nel pubblico impiego, a conferma della delicatezza e rilevanza dell’argomento) sono chiarissime.

Ai militari è fatto divieto di esercitare il diritto di sciopero – oltre che di costituire associazioni professionali a carattere sindacale e di aderire ad altre associazioni sindacali [1].

Quanto agli appartenenti alla Polizia di Stato, essi “non esercitano il diritto di sciopero né azioni sostitutive di esso che, effettuate durante il servizio, possano pregiudicare le esigenze di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica o le attività di polizia giudiziaria[2]. Pertanto, anche forme di protesta alternative allo sciopero appaiono difficilmente praticabili.

Dunque, gli appartenenti alle Forze dell’Ordine e alle Forze Armate non possono scioperare.

di MASSIMO COPPIN


note

[1] Art. 8, L. 382/1978 (“Norme di principio sulla disciplina militare”).

[2] Art. 84, L. 121/1981 (“Nuovo Ordinamento dell’amministrazione della pubblica sicurezza”).


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube