Diritto e Fisco | Articoli

COME FARE PER: impugnare un licenziamento

8 Settembre 2014 | Autore:
COME FARE PER: impugnare un licenziamento

Il licenziamento per essere legittimo deve essere intimato per iscritto e ben motivato.

Quando il licenziamento è stato intimato verbalmente (cioè senza una raccomandata a.r. o una lettera consegnata a mano e controfirmata) o costituisce una sanzione disciplinare applicata senza rispetto della procedura prevista in materia dallo Statuto dei Lavoratori, o ancora quando è discriminatorio, o intimato in presenza di divieti stabiliti dalla legge, o fondato su ragioni economiche inesistenti, esso deve considerarsi illegittimo.

In questi casi, quindi, il lavoratore può tutelarsi impugnandolo.

L’impugnazione deve avvenire per iscritto entro 60 giorni dalla ricezione della comunicazione del licenziamento; può essere fatta con qualsiasi atto idoneo a manifestare la volontà del lavoratore di contestare il recesso datoriale e mettersi a disposizione per riprendere l’attività lavorativa.

Normalmente è sufficiente una raccomandata A/R, di cui si deve tenere copia, oppure una e-mail pec; al limite anche un telegramma.

È opportuno indicare nella lettera di impugnazione, affinché sia il più possibile completa:

1. la data di ricezione della lettera di licenziamento;

2. la considerazione che il licenziamento si ritiene illegittimo, nullo e/o annullabile;

3. la dichiarazione del lavoratore di rendersi immediatamente disponibile alla prosecuzione della propria attività lavorativa in favore dell’azienda;

4. la dichiarazione di impugnare ex art. 2113 c.c. di ogni atto di quietanza, rinunzia e/o transazione eventualmente sottoscritta nel corso del rapporto di lavoro.

Si consiglia tuttavia, prima di impugnare personalmente un licenziamento, di rivolgersi ad un avvocato o ad un sindacato di propria fiducia, al fine di garantirsi la migliore tutela possibile ed evitare di incorrere in decadenze.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Ma se il licenziamento e’ avvenuto verbalmente la decadenza non è di 60 giorni ma di 5 anni…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube