Diritto e Fisco | Articoli

Infrazioni stradali ripetute: cosa comporta?

18 Marzo 2022
Infrazioni stradali ripetute: cosa comporta?

Più multe nello stesso momento: quante volte bisogna pagare?

Può succedere che, andando di fretta, si violino nello stesso tempo più norme del codice della strada. Possono essere norme tra loro diverse (si pensi a chi passa col rosso e poi accelera superando i limiti di velocità) o uguali (si pensi a chi incappa in due autovelox a distanza di pochi minuti o entra ed esce più volte dalle zone a traffico limitato). Ebbene, in casi del genere ci si potrà giustamente chiedere cosa comporta il commettere infrazioni stradali ripetute. Si è soggetti a un’unica sanzione o a tante per quante sono le violazioni? È possibile ottenere uno sconto?

Cerchiamo di fare il punto della situazione alla luce delle previsioni contenute nel codice della strada.

Pluralità di infrazioni del codice della strada

Se le infrazioni del codice della strada vengono commesse con autonome condotte, separata l’una dall’altra da un apprezzabile lasso di tempo, si è soggetti a tante multe per quante sono le violazioni.

Così, se una persona, nell’arco del medesimo viaggio, in due occasioni diverse, viola i limiti della velocità viene multato due volte. Può succedere, ad esempio, quando si percorre una strada molto lunga e si incappa in autovelox apposti da due Comuni differenti o anche dal medesimo Comune. 

Tuttavia secondo la Corte Costituzionale [1], laddove si tratti di condotte di durata, non deve necessariamente corrispondere una contravvenzione a ogni accertamento.  

Unica infrazione del codice della strada 

Invece se, con un’unica azione od omissione (i cui singoli atti siano contestuali, senza una notevole interruzione temporale tra di loro e legati dal medesimo fine) si commettono più infrazioni dello stesso tipo (cosiddetto «concorso omogeneo») o di tipo diverso (cosiddetto «concorso eterogeneo»), l’automobilista subisce una sola multa, quella prevista per la sanzione più grave aumentata fino al triplo (art. 198 cod. strada). Si parla, in questi casi, di cumulo giuridico.

L’accertamento della gravità, deve essere effettuato in relazione al caso concreto e non in astratto.

Si pensi a quando, per proseguire la marcia all’incrocio con semaforo giallo, nonostante la materiale possibilità di fermarsi senza pericolo, si eccedano i limiti di velocità.

Attenzione: il conducente, in casi del genere, riceverà tante multe per quante violazioni ha commesso (ciascuna di queste pari al minimo edittale); sarà lui stesso, successivamente, in sede di pagamento, a dover chiedere l’applicazione del cosiddetto cumulo giuridico dinanzi all’ufficio dell’organo accertatore (il quale poi ne darà comunicazione al Prefetto).

Il caso delle multe Ztl e accesso a zone pedonali

Un caso a parte vale nell’ipotesi di violazioni relative alle aree pedonali e nelle zone a traffico limitato. In questo caso, chi trasgredisce i divieti di accesso e gli altri singoli obblighi e divieti o limitazioni soggiace a tante sanzioni per quante sono le violazioni. Ad esempio, una persona che, nell’ambito della medesima circostanza, entra ed esce dal centro urbano violando le zone a traffico limitato, deve pagare tante multe per quante volte è passato sotto le telecamere.

Il caso del divieto di sosta

Chi lascia l’auto in divieto di sosta per più giorni può ricevere tante multe per quanti sono i giorni, non di più. Pertanto la multa per divieto di sosta può essere ripetuta dopo 24 ore dalla precedente violazione. Non si considera il giorno solare. 

Questo significa che una persona che lascia l’auto in divieto di sosta alle 22 di sera non subirà una seconda multa alle 6 del mattino ma solo dopo le ore 22 del giorno seguente.

Approfondimenti 

Doppia multa nello stesso giorno: si pagano entrambe?

Quante multe per divieto di sosta in un giorno

Più multe stesso autovelox in giorni diversi

Autovelox e multe ravvicinate: cosa fare?


note

[1] Corte Cost. ord. 26/1/2007, n. 14.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube