Questo sito contribuisce alla audience di
Diritto e Fisco | Articoli

Limiti pignoramento 2023

16 Gennaio 2023 | Autore:
Limiti pignoramento 2023

Limiti pignoramento stipendio, pensione, conto corrente, casa: le nuove soglie ancorate all’assegno sociale. 

La legge pone una serie di limiti al pignoramento per venire incontro alle esigenze di sopravvivenza del debitore. Tali limiti, che si atteggiano in modo diverso a seconda del tipo di bene pignorato, vengono aggiornati annualmente in quanto ancorati all’importo dell’assegno sociale. Come noto l’assegno sociale è oggetto di revisione ogni 12 mesi con apposita circolare dell’Inps; da esso quindi dipendono i vincoli imposti al creditore. Ecco allora quali sono i limiti al pignoramento 2023 su conti correnti, stipendio e pensioni.  

Assegno sociale 2023

L’assegno sociale 2023 è pari a 503,27 euro al mese e viene erogato per 13 mensilità. Come vedremo a breve, questo importo serve da parametro per definire i limiti di pignoramento 2023 (così come è stato per gli anni passati e sarà anche per quelli a venire).

Limiti pignoramento pensioni 2023

La pensione può essere pignorata presso l’Inps o presso il conto corrente ove questa viene accreditata.

Se la pensione viene pignorata presso l’Inps, il creditore non può pignorare più di un quinto, calcolato però sul netto della pensione mensile, detratto prima il cosiddetto minimo vitale. 

Il minimo vitale è pari al doppio dell’assegno sociale e non può mai essere inferiore a mille euro. Pertanto, se è vero che oggi l’assegno sociale è di 503,27 euro, il minimo vitale 2023 è di 1.006,54 euro.

Questo significa che ogni pensione può essere pignorata per massimo un quinto (il 20%) della parte che eccede 1.006,54 e comunque non può mai essere pignorata se non supera mille euro. Quindi, su una pensione di 1.500 euro si può pignorare solo un quinto di 493,46 euro (e difatti 1.500 – 1006,54 = 493,46). Si tratta di un importo irrisorio, ossia 24,67 euro al mese. 

Se la pensione viene accreditata sul conto corrente, invece, si procede secondo le regole relative ai limiti di pignoramento del conto corrente 2023 che vedremo a breve.

Si tenga comunque conto che, se il creditore è Agenzia Entrate Riscossione, il pignoramento non è più di un quinto ma di un decimo se la pensione mensile non supera 2.500 euro (detratto sempre il minimo vitale); è invece di un settimo se la pensione supera 2.500 euro ma non va oltre 5.000 euro (anche in questo caso detratto il minimo vitale). Per pensioni superiori a 5.000 euro invece il pignoramento è di un quinto, al netto del minimo vitale.

Limiti pignoramento stipendio 2023

Lo stipendio può essere pignorato presso il datore di lavoro o presso il conto corrente ove è depositato.

Nel primo caso, il pignoramento è sempre di un quinto. Non si detrae in questo caso il minimo vitale come invece succede per le pensioni. 

Anche qui, però, se il creditore è Agenzia Entrate Riscossione, valgono i limiti predetti ossia: un decimo per stipendi sino a 2.500 euro, un settimo per stipendi sino a 5.000 euro, un quinto per stipendi sopra 5.000 euro.

Limiti pignoramento conto corrente 2022

La giacenza sul conto corrente ove viene accreditato lo stipendio o la pensione può essere pignorata solo per la parte che eccede il triplo dell’assegno sociale ossia 1.404,30 euro (503,27 x 3 = 1.509,81). Questo significa che se il conto corrente ha solo 1.500 euro, quanto in esso depositato alla data della notifica del pignoramento non può essere bloccato. Se invece presenta un saldo di 2.000 euro, si possono pignorare solo 490,19 euro (pari alla differenza tra 2.000 e 1.509,81).

Per quanto riguarda invece i successivi emolumenti a titolo di pensione o di stipendi, su questi verrà effettuata una trattenuta mensile di un quinto, fino ad estinzione totale del debito. 

Limiti pignoramento casa

Per la casa, non esistono limiti al pignoramento se il creditore è un soggetto privato come ad esempio la banca (tanto più se questa ha un’ipoteca). Se invece il creditore è Agenzia Entrate Riscossione valgono i seguenti limiti.

Divieto di pignoramento della prima casa

L’esattore non può pignorare la casa se è l’unico immobile di proprietà del contribuente, adibito a civile abitazione, non di lusso (ossia non accatastato A/1, A/8 o A/9) e sempre che questi vi abbia fissato la residenza. Vi può però iscrivere ipoteca, a patto che il debito sia superiore a 20.000 euro.

Divieto di pignoramento di altri immobili

Se invece mancano le condizioni appena indicate, ossia il debitore è titolare di più immobili o l’unico immobile è di lusso, o non è luogo di residenza, o non è una civile abitazione, il pignoramento può avvenire solo a patto che il debito sia superiore a 120.000 euro e il valore complessivo dell’intero patrimonio immobiliare del debitore sia superiore a 120.000 euro.



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. PARLATE DI SOLDI ,TOTALI,IRRISORI E59.PER UNA PENSIONE DI E1200 PER UN ANZIANO SE MALATO E SOLO E’ UNA MISERIA PERTANTO LA POLITICA PER NON PERDEREI COMANDI STA SEMPRE IN MEZZO ANCHE SE LA POLITICA VIEDE DIRETTA DA 13 FAMIGLIE MONDIALI PERCHE’ LORO DECIDONO LA VITA O LA MORTE DELLE PERSONE ,DELLE NAZIONI.TUTTI I POLITICI SONO DELLE MARIONETTE MENTRE LE PERSONE DELLE PECORE SOTTOMESSE.MOLTI POPOLI DOVREBBERO SVEGLIARSI E TIRARE FUORI LE PALLE.

  2. La mia pensione è impignorabile. Pensione netta mensile 914.Assegno sociale, aumentato di tre volte (aggiornato al 2022) è pari a euro 1.404.Quindi non c’è spazio per eseguire una esecuzione forzata. Eppure l’Inps, con i soldi pubblici ,ha instaurato la causa per pignorarmi la pensione, usando una vecchia sentenza il cui dispositivo deve essere corretto per essere capito. Io mi devo difendere contro i poteri forti. Evviva l’Italia giusta.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube