Diritto e Fisco | Articoli

Sanatoria 2014 per immigrati clandestini: nessuna certezza

9 Settembre 2014 | Autore:
Sanatoria 2014 per immigrati clandestini: nessuna certezza

Non si hanno ancora notizie di una sanatoria 2014 per immigrati clandestini: la strada per la regolarizzazione.

Per ora non è prevista alcuna sanatoria 2014 per stranieri irregolari. Attualmente non è possibile stabilire con certezza se vi sarà una simile opportunità di regolarizzazione nell’anno in corso.

La sanatoria non viene predisposta dal Governo ogni anno, come invece accade per il decreto flussi.

L’ultima sanatoria, quella del 2012, ha fatto registrare oltre 100.000 adesioni, un numero elevatissimo, di molto superiore a quello della sanatoria precedente del 2009.

La sanatoria è uno strumento che ha una duplice funzione:

– da un lato serve agli stranieri che sono già presenti sul territorio italiano da clandestini e che hanno un lavoro, per ottenere il permesso di soggiorno;

– dall’altro serve ai datori di lavoro che hanno assunto gli stranieri “in nero” per regolarizzare la loro posizione ed evitare di subire pesanti sanzioni [1].

Il lavoratore deve dimostrare:

– di avere un lavoro e un alloggio;

– di non essere un soggetto socialmente pericoloso;

– di essere in Italia da un certo periodo di tempo.

Il datore di lavoro deve provare di avere un reddito minimo e deve pagare una somma forfettaria per ciascun lavoratore irregolare (nella sanatoria 2012 il contributo era di € 1.000).

La domanda si presente online, attraverso il sito del Ministero dell’Interno. Dopo una prima analisi della richiesta, qualora ve ne siano i presupposti, il lavoratore e il datore di lavoro saranno convocati presso lo sportello unico immigrazione per un incontro conoscitivo con l’ufficio preposto e per l’analisi della documentazione.

Nella sanatoria, quindi, il lavoratore extracomunitario ha bisogno della collaborazione del datore di lavoro per la presentazione della domanda e per portare a termine la pratica. Questo espone lo straniero a una serie di abusi. Purtroppo accade che alcuni datori di lavoro cerchino di approfittare della situazione chiedendo al lavoratore che vuole essere regolarizzato delle somme di denaro, oppure chiedendogli di lavorare gratis per un certo periodo di tempo. In questi casi l’unica strada è denunciare il datore di lavoro, con la possibilità di ottenere, come già accaduto in passato, il rilascio di un permesso di soggiorno per motivi di protezione sociale [2].

note

[1] Chi dà lavoro a un immigrato clandestino è punito con l’arresto da sei mesi a tre anni e con la multa fino a 5.000 euro per ciascun lavoratore irregolare. A ciò si aggiungono le sanzioni amministrative previste per la violazione degli obblighi retributivi e contributivi.

[2] Art. 18, TU immigrazione.


30 Commenti

  1. Vorrei fare anche io domanda che fanno tutti qui. Per 2015 si prevede qualche sanatoria per clandestini? Perché con decreto flussi praticamente impossibile legalizzarsi.

  2. volevo sapere se si prevede,una sanatoria,ho un decreto flussi per il 2015.grazie anticipatamente

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube