Diritto e Fisco | Articoli

Foto certificate con data e ora: hanno valore legale?

20 Marzo 2022
Foto certificate con data e ora: hanno valore legale?

Prove nel processo: le perizie informatiche per dare ai file un valore certo. 

Le foto certificate con data e ora hanno valore legale? La domanda si pone spontanea in un’epoca in cui tutti giriamo con il cellulare in tasca che, all’uopo, funge anche da registratore o da telecamera. In questo modo è possibile captare dialoghi o scene che possono costituire prova in un processo. Ma è davvero così? Che valore potrebbero avere tali file?

Il nostro codice civile è rimasto al 1942. Ed è chiaro che, a quell’epoca in cui non esistevano neanche le Polaroid, il legislatore non abbia preso in considerazione le fotografie come mezzi di prova in giudizio. Le foto sono considerate alla stregua di semplici «riproduzioni meccaniche», un po’ come la copia con la carta carbone. Il che significa che hanno valore solo se la parte contro cui sono state prodotte non le contesta in processo. Ma per contestarle non basta semplicemente dire, come nei film, «Vostro onore, mi oppongo!». È necessario essere credibili e suggerire al giudice sospetti tali da ritenere non genuina – ossia non corrispondente al vero – tale riproduzione meccanica. Ed una delle contestazioni più ricorrenti è quella relativa al tempo in cui la foto è stata scattata, ossia la data e l’ora. Un esempio chiarirà meglio le idee.

Un marito sospettoso mette alla calcagna della moglie un detective che la riprende mentre si incontra con un uomo. La foto la riprende di spalle. Lei asserisce che lo scatto si riferisce a un’epoca in cui ancora non era sposata: pertanto non si tratterebbe di tradimento. Il marito non ha modo di dimostrare che la foto è contemporanea, visto che il vestitino che lei indossa è coperto da un vecchio cappotto.

Un datore di lavoro fa seguire un dipendente da uno 007 perché sospetta che la malattia, da questi certificata per giustificare l’assenza, sia inventata. Viene scoperto mentre fa footing con gli amici; di qui scatta il licenziamento. Ma il dipendente si difende aggrappandosi alla mancata prova della data in cui è stata scattata l’immagine. 

In questi casi, si può ben notare come la contestazione circa la data e l’ora della foto è determinante per attribuire ad essa un valore legale. 

Può una “certificazione” realizzata con strumenti elettronici o informatici dare alla foto una data certa, con pieno valore legale?

La materia non è stata ancora disciplinata da alcuna legge, come invece è successo per le email che, tramite la Pec, possono garantire la certezza della data, dell’ora, del minuto e del secondo di invio e di ricevimento. 

Sicché, anche con riferimento alle certificazioni informatiche siamo ancora nel campo delle prove liberamente valutabili dal giudice. Ma è verosimile che, in caso di contestazioni, il magistrato potrà affidare l’incarico di valutare la bontà della certificazione a un perito tecnico-informatico tramite la cosiddetta CTU (consulenza tecnica d’ufficio). E questi sarà in grado di stabilire se la certificazione è attendibile o meno.

Insomma, una foto certificata, seppur non acquisisce per legge il valore di piena prova (al pari di un atto notarile) ha sicuramente maggiore efficacia probatoria di una foto comune, senza alcuna attestazione. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube