Diritto e Fisco | Articoli

Condominio: cos’è l’uso esclusivo di parti comuni

27 Marzo 2022
Condominio: cos’è l’uso esclusivo di parti comuni

Quando uno dei condomini può utilizzare, per i propri scopi, uno dei beni condominiali. 

Un condominio è fatto di parti di proprietà individuale (i singoli appartamenti) e altre di proprietà comune, appartenenti cioè a tutti i condomini “pro quota”, ossia in proporzione ai rispettivi millesimi. Queste ultime si chiamano «parti comuni» e sono elencate, in via esemplificativa, all’articolo 1117 del Codice civile (ad esempio tetto, terrazza, giardino o cortile, fondamenta, pianerottoli, scale, tubature, ascensore, androne, ecc.). A metà ci sono (o meglio, possono esserci) le cosiddette parti comuni di uso esclusivo. Per comprendere però cos’è l’uso esclusivo di parti comuni dobbiamo fare un passo indietro e verificare quali sono i poteri dei singoli condomini sulle parti comuni dell’edificio.

L’uso delle parti comuni dell’edificio

Ai sensi dell’articolo 1102 del Codice civile, «ciascun condomino può servirsi della cosa comune purché non ne alteri la destinazione e non impedisca agli altri partecipanti di farne parimenti uso secondo il loro diritto. A tal fine può apportare a proprie spese le modificazioni necessarie per il miglior godimento della cosa». 

Cerchiamo di comprendere il significato pratico di questa norma. La disposizione sta a significare che ciascun condomino può utilizzare liberamente, e per i propri personali ed egoistici scopi, le parti comuni dell’edificio a patto che non impedisca agli altri condomini di fare altrettanto e non si tratti di un uso completamente contrario alla natura del bene in questione.

Così, sul proprio pianerottolo è ben possibile posare un portaombrelli o dei vasi con le piante, ma non si può parcheggiare un motorino, una bicicletta o chiudere lo spazio con un cancello, anche se non utilizzato da nessun altro condomino.

Nel cortile si può piantare un piccolo orto personale, purché non si impegni tutto lo spazio destinato al verde.

Si può ancorare alla facciata condominiale un pluviale a condizione che non modifichi il decoro estetico del palazzo.

Sul tetto si può installare un impianto fotovoltaico o un’antenna satellitare, purché non si occupi un’area tale da impedire agli altri di farne il medesimo uso o diversi usi.

Si possono stendere i panni sulla terrazza, ma non vi si possono organizzare feste private.

Come visto, la legge non indica concretamente quali sono gli usi consentiti delle parti comuni, limitandosi a una descrizione generica ed in negativo, ossia con l’indizione dei due limiti appena visti (divieto di violare la natura della cosa; divieto di impedire il pari uso agli altri condomini). Tuttavia, il regolamento condominiale – se approvato all’unanimità – potrebbe ben individuare quali usi delle parti comuni sono consentiti e quali no (ad esempio, è vietato parcheggiare le auto nel cortile oppure davanti al portone; è vietato stendere i panni sulla terrazza, ecc.).

Il singolo condomino può utilizzare il bene comune con modalità particolari e diverse rispetto alla sua normale destinazione, purché nel rispetto delle concorrenti utilizzazioni, attuali o potenziali, degli altri condomini; può anche usare in modo più intenso della cosa (ossia più degli altri condomini), purché non sia alterato il rapporto di equilibrio tra tutti i comproprietari, dovendosi a tal fine avere riguardo all’uso potenziale in relazione ai diritti di ciascuno.

L’uso esclusivo delle parti comuni

Vediamo ora cos’è l’uso esclusivo di parti comuni. Come dice la parola stessa, è la situazione che si verifica quando un solo condomino utilizza un’area condominiale per i propri interessi, escludendo tutti gli altri condomini. 

Com’è facile intuire, questa situazione, se non trova legittimazione in un contratto (verosimilmente quello d’acquisto dell’appartamento) o nel regolamento condominiale approvato all’unanimità, non può essere legittima. 

È quindi astrattamente vietato l’uso esclusivo che il condomino faccia del bene comune: ad esempio, trasformi il lastrico solare condominiale in terrazza ad uso esclusivo.

Abbiamo detto «astrattamente»: nulla toglie infatti che vi possano essere delle eccezioni. Le eccezioni però devono trovare un fondamento o in un atto d’acquisto, o – come anticipato nel cosiddetto regolamento condominiale contrattuale (quello cioè approvato all’unanimità) oppure nella legge. 

Per comprendere meglio tali ipotesi ricorriamo ad alcuni esempi pratici. 

Non è legittimo che un condomino chiuda con una catena un posto auto nel cortile, per delimitare il proprio posteggio, anche se gli è stato assegnato dall’assemblea: il bene resta comunque di proprietà condominiale e non è soggetto a limitazioni.

È legittimo l’uso esclusivo della terrazza condominiale in capo a un solo condomino se tanto è previsto nell’atto di compravendita firmato dinanzi al notaio o dal regolamento condominiale contrattuale. 

Si può parlare di uso esclusivo del sottotetto, anche in assenza di una previsione contrattuale o di una clausola regolamentare, se esso è funzionale solo alle esigenze del condomino dell’ultimo piano (nel qual caso sarà quest’ultimo il relativo titolare). In particolare, secondo la Cassazione, il sottotetto può considerarsi pertinenza dell’appartamento sito all’ultimo piano (e pertanto di proprietà del titolare di quest’ultimo) quando assolve all’esclusiva funzione di isolare e proteggere l’appartamento medesimo dal caldo, dal freddo e dall’umidità, tramite la creazione di una camera d’aria, e non abbia dimensioni e caratteristiche strutturali tali da consentirne l’utilizzazione come vano autonomo.

Le implicazioni dell’uso esclusivo

Quando uno dei condomini – anche se in malafede – utilizza un bene comune come se fosse proprio, e lo fa escludendo dall’uso tutti gli altri condomini (ad esempio con recinzioni, portici e altre delimitazioni), si può verificare, dopo 20 anni, l’usucapione. La giurisprudenza ha ritenuto legittima l’usucapione dei beni condominiali se, entro l’arco del ventennio, il condominio non notifichi un atto giudiziario per recuperare la materiale disponibilità del bene comune. 

Ripartizione delle spese condominiali

L’uso esclusivo di un bene condominiale non toglie che le spese per la manutenzione di quest’ultimo siano a carico di tutti i condomini, ciascuno in proporzione ai propri millesimi. Solo nel caso del tetto, della terrazza o del lastrico solare, l’eventuale uso esclusivo implica la ripartizione delle spese per un terzo a carico del condomino titolare di tale diritto e per gli altri due terzi a carico di tutti gli altri condomini il cui appartamento si trova sotto l’asse verticale della copertura. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube