Diritto e Fisco | Articoli

Duplice attività lavorativa: quali limiti?

2 Aprile 2022
Duplice attività lavorativa: quali limiti?
Sono un dipendente a tempo indeterminato. Allo stesso tempo, sono iscritto all’Ordine dei Giornalisti e vorrei guadagnare con qualche articolo. Devo comunicare questi compensi e questa attività al mio datore di lavoro? Come mi regolo con l’emissione della fattura?

Per verificare se ricorre l’obbligo di avvertire il datore di lavoro, occorrerebbe controllare il proprio contratto di lavoro e il Ccnl di settore, sulla base di quello che è il Suo inquadramento, al fine di verificare se il datore di lavoro abbia, o meno, il diritto di vietarLe lo svolgimento di una qualsiasi ulteriore attività retribuita.

Difatti, Lei risulta lavoratore full-time, da quanto deduco, e, quindi, potrebbe divenire un problema un’ulteriore attività, che non vedrebbe spazio lavoro nelle ore giornaliere. Il rischio sarebbe quello di subire delle sanzioni disciplinari.

Come affermato dalla giurisprudenza, ai sensi dell’art. 2105 c.c., il dovere di fedeltà del dipendente nei confronti dell’azienda, la cui violazione può integrare una giusta causa di licenziamento, si sostanzia nell’obbligo di un leale comportamento del lavoratore nei confronti del datore di lavoro e va collegato con le regole di correttezza e buona fede di cui agli artt. 1175 e 1375 c.c..

Il lavoratore, pertanto, deve astenersi non solo dai comportamenti espressamente vietati dall’art. 2105 c.c., ma anche da tutti quelli che, per la loro natura e le loro conseguenze, appaiono in contrasto con i doveri connessi all’inserimento del lavoratore nella struttura e nell’organizzazione dell’impresa o creano situazioni di conflitto con le finalità e gli interessi dell’impresa stessa o sono idonei, comunque, a ledere irrimediabilmente il presupposto fiduciario del rapporto stesso (cfr. Corte appello Genova, sez. lav., 26/02/2019, n. 101). Si ricordi, infatti, che la seconda attività non deve coincidere con gli orari lavorativi. Pertanto, in caso di full-time, diviene impossibile ricoprire un’altra attività lavorativa: la legge sul punto è chiara, ponendo un limite massimo di 48 ore lavorative a settimana. Diverso sarebbe il caso in cui svolgesse lavoro part-time.

Ad ogni modo, l’attività giornalistica, rientrando tra le libere professioni, comporterebbe una liberà di orario che potrebbe essere portata avanti, nei limiti del residuo ore giornaliere.

Per tali ragioni, il mio consiglio è quello di comunicare preventivamente al datore di lavoro le Sue intenzioni, specificando le ore che vuole destinare a tale attività e la compatibilità con l’attuale lavoro; nel caso in cui quest’ultimo facesse ostruzionismo, occorrerebbe valutare attentamente le ragioni del diniego per verificare se ci siano o meno i presupposti per difendersi, un domani, giudizialmente.

Tuttavia, non vedo motivi per cui il Suo datore di lavoro debba ostruire tale attività, che – per le finalità con cui verrà svolta – non toglierà tempo ai Suoi adempimenti lavorativi primari.

Con riguardo all’aspetto fiscale, i futuri introiti comportano l’obbligo di iscrizione alla Gestione Separata dell’Inpgi e il versamento dei contributi assicurativi.

All’atto della dichiarazione dei redditi andranno pagate le tasse per la gestione separata.

Per quanto riguarda la redazione della fattura, essa non è soggetta a formalità particolari.

Le consiglio, tuttavia, di farsi assistere dal Suo commercialista che sarà in grado di consigliarLe il format più consono da trasmettere al professionista contabile.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Salvatore Cirilla



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube