Diritto e Fisco | Articoli

Si può girare con una pistola per difesa personale?

24 Marzo 2022
Si può girare con una pistola per difesa personale?

Porto abusivo di armi: non si risponde del reato di lesioni o di omicidio se si usa la pistola per legittima difesa. 

L’uso di armi è vietato. La legittima difesa è invece lecita. Come si conciliano queste due affermazioni? Se è vero che la legge consente a tutti, in situazioni di necessità, di far ricorso alla violenza, anche a costo di commettere un reato, pur di tutelare la propria integrità fisica, si può girare con una pistola per difesa personale? Il fatto di non sfoderare l’arma se non in condizioni di stretta necessità può essere considerato un illecito penale? Cerchiamo di fare il punto della situazione.

Chi può girare con una pistola?

Sarà noto a tutti che, per avere un’arma al seguito, bisogna possedere il cosiddetto «porto d’armi» rilasciato dalla Prefettura. Questo vale solo per le cosiddette «armi proprie», quelle cioè che nascono proprio allo scopo di offendere, di fare male, come le pistole, i fucili, i pugnali, i tirapugni. Non c’è bisogno del porto d’armi per le cosiddette «armi improprie», quegli strumenti che, pur essendo fabbricati per scopi diversi dall’offendere le persone, se usati contro l’uomo possono essere altamente pericolosi, come un coltello da cucina, una catena, una forbice, un cacciavite, un taglierino e così via. Per uscire con un’arma impropria, abbiamo appena detto, non ci vuole il porto d’armi, ma comunque una valida motivazione da offrire in caso di controllo da parte della polizia. Il che significa che, se non si ha una ragione per portare fuori di casa un coltellino svizzero o un coltello a sega per il pane si può ugualmente essere incriminati.

Detto ciò, è chiaro che non si può girare con una pistola per difesa personale, a meno che non si abbia il porto d’armi. E del resto, per l’acquisto di una pistola – così come per qualsiasi arma propria – è sempre necessaria un’apposita autorizzazione. Non si può entrare in un’armeria e acquistare un’arma da fuoco senza permesso. 

Cosa rischia chi ha una pistola?

Avere una pistola senza il porto d’armi è dunque un reato. In realtà, lo è sia nel caso in cui la pistola venga custodita in casa senza l’apposita licenza, sia – a maggior ragione – nell’ipotesi in cui questa venga portata in giro. La norma che punisce tale comportamento è l’articolo 699 del Codice penale; e lo fa in modo molto severo, con l’arresto fino a diciotto mesi. 

E se si tratta di una pistola giocattolo? La pistola giocattolo deve essere riconoscibile come tale da chiunque;  diversamente, se anche non costituisce un pericolo per l’incolumità delle persone, potrebbe generare un timore incontrollato con conseguente lesione all’ordine pubblico. Pertanto, la pistola giocattolo deve avere il famoso “tappo rosso” che vale a contraddistinguerla da un’arma vera. Non è ammesso quindi, neanche per legittima difesa – al fine cioè di dissuadere eventuali malintenzionati – portare in giro una pistola giocattolo sprovvista del tappo rosso occlusivo della canna. Diversamente, si commette reato. La si può però tenere a casa. 

Giova, sul punto, ricordare le parole della stessa Cassazione «Il porto senza giustificato motivo, fuori dalla propria abitazione, di strumenti in metallo riproducenti armi (pistole giocattolo) ovvero strumenti di segnalazione acustica che esplodono cartucce a salve (pistole scacciacani), sprovvisti del tappo rosso occlusivo della canna, integra la contravvenzione di cui alla l. 18 aprile 1975, n. 110, art. 4, comma 2,, come modificato dal d.lg. 26 ottobre 2010, n. 204, art. 5, in relazione all’art. 5, comma 4, della predetta legge».

Cosa rischia chi usa la pistola per legittima difesa?

Abbiamo esordito dicendo che la legittima difesa è lecita. Ma chi la esercita con una pistola vera commette ugualmente reato. Il reato, però, in questo caso sarà comunque quello di porto abusivo d’armi. La sussistenza invece dei presupposti della legittima difesa esclude la punibilità per le lesioni eventualmente procurate all’aggressore con la pistola o anche lo stesso omicidio. 

Facciamo un esempio.

Mario ha una pistola senza la prescritta autorizzazione. In un vicolo cieco viene avvicinato da un malintenzionato che minaccia di ucciderlo con un’arma da fuoco. Mario prende la pistola e lo ferisce a un braccio, per poi scappare. Mario non risponderà del reato di lesioni ma solo del porto abusivo dell’arma: il reato di lesioni è scriminato dalla sussistenza della legittima difesa. E lo stesso dicasi se Mario dovesse uccidere l’aggressore per evitare che sia questi a ucciderlo prima. Anche in questo caso Mario non risponderà di omicidio ma solo di porto abusivo di armi.

Insomma, il fatto di usare la pistola per la legittima difesa non esclude la punibilità per il reato di porto abusivo d’armi; non si risponde però del reato di lesioni o di omicidio se sussistono i presupposti per la legittima difesa. 

Ricordiamo infine che la legittima difesa scatta solo quando non vi sono altre vie d’uscita per tutelare sé da un grave e imminente pericolo. Se il pericolo è cessato, non ci si può aggrappare alla legittima difesa come forma di tutela preventiva. L’aggressione, non già in atto, deve essere imminente e certa. 


note

[1] Cass. sent. n. 7911/2022.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube