Diritto e Fisco | Articoli

Come funziona la mediazione tributaria?

25 Marzo 2022
Come funziona la mediazione tributaria?

Ricorso e reclamo contro gli atti dell’Agenzia delle Entrate, dell’Agente per la Riscossione, Comune e altri enti impositori: il limite di valore e la procedura per la mediazione tributaria. 

Prima di depositare in cancelleria un ricorso contro il fisco o contro l’agente per la riscossione è obbligatorio presentare un “reclamo” all’ufficio che ha emesso l’atto impugnato, al fine di tentare una conciliazione con quest’ultimo ed evitare il giudizio. È la cosiddetta mediazione tributaria che ha lo scopo di decongestionare le aule delle Commissioni Tributarie e, in particolare, quelle della Cassazione (ormai ingolfata dai ricorsi in materia fiscale). 

Ma come funziona la mediazione tributaria? A ben vedere non si tratta di avviare un procedimento ulteriore rispetto a quello ordinario: come si avrà modo di scoprire qui di seguito, il tutto si risolve nell’obbligo, da parte del contribuente-ricorrente, di attendere 90 giorni dalla notifica del ricorso alla controparte per dare a quest’ultima il tempo per formulare una proposta di definizione della controversia o annullare l’atto impugnato. Solo allo scadere dei 90 giorni senza che sia intervenuta alcuna proposta sarà possibile costituirsi in giudizio, depositando il ricorso presso la cancelleria della Commissione tributaria. 

Ma procediamo con ordine e vediamo, più nel dettaglio, come funziona la mediazione tributaria.

Ricorsi per i quali è obbligatoria la mediazione tributaria

La mediazione tributaria è obbligatoria per l’impugnazione di atti di natura fiscale, siano essi dell’Agenzia delle Entrate (compreso il rifiuto alla restituzione di un tributo), dell’Agente per la Riscossione Esattoriale, dell’Agenzia delle dogane, del Comune o della Regione. Sono comprese le controversie in materia catastale.

La mediazione non si applica in merito ai tributi costituenti risorse proprie dell’UE (dazi doganali, accise, Iva all’importazione, ecc.).

La mediazione è obbligatoria solo se il valore della controversia non supera 50.000 euro. Il valore della controversia coincide con l’ammontare del tributo contestato, al netto degli interessi e delle eventuali sanzioni irrogate. Per tributo contestato si intende la (sola o) maggiore imposta accertata. Se la lite riguarda esclusivamente l’irrogazione di sanzioni, il valore da considerare coincide con l’ammontare di queste.

Il valore va individuato al momento della presentazione dell’impugnazione, cosicché, se prima della notifica di questa l’ufficio provvede in autotutela parziale a ridurre gli importi accertati, si deve fare riferimento al valore così rideterminato.

Come funziona la mediazione tributaria?

La struttura del reclamo-mediazione è molto semplice e si struttura nelle seguenti fasi:

  • il ricorrente notifica l’atto di ricorso alla controparte. 
  • il ricorso vale anche come reclamo e può contenere anche una istanza di mediazione. In pratica, ricorso e reclamo sono lo stesso atto che poi verrà depositato presso la Commissione tributaria. Hanno quindi il medesimo contenuto, salvo eventuale aggiuntiva proposta di mediazione con rideterminazione dell’ammontare della pretesa e con la domanda rivolta all’Ufficio di riesaminare e annullare integralmente o parzialmente l’atto impugnato;
  • il contribuente deve attendere 90 giorni;
  • solo alla scadenza di tale termine, se la lite non viene definita tra le parti, il contribuente può depositare il ricorso – con la prova della notifica alla controparte – presso la cancelleria della Commissione tributaria, ai fini della costituzione in giudizio. 

Il reclamo è esente da bollo. In questa fase, non bisogna peraltro versare il contributo unificato che è dovuto solamente al momento dell’eventuale successiva fase avanti alla Commissione tributaria.

A chi va presentato il reclamo-mediazione?

Il ricorso – contenente in sé anche il reclamo e la proposta di mediazione – va notificato allo stesso ente impositore che ha emanato l’atto: per l’Agenzia delle Entrate, delle Dogane e della Riscossione la legge prevede espressamente che detti uffici provvedono all’esame dei reclami mediante apposite strutture diverse ed autonome rispetto a quelle che hanno curato l’istruttoria degli atti reclamabili, mentre per gli altri enti impositori la disposizione si applica compatibilmente con la propria struttura organizzativa.

Proprio rispetto a questi enti si rende ancora più evidente la criticità di cui sopra: molto spesso i singoli enti locali (pensiamo ad esempio ai Comuni, i cui uffici tributi gestiscono l’IMU e gli altri tributi patrimoniali) sono strutturati in un solo ufficio che, oltre ad emettere l’atto, sarà poi chiamato a valutarne la validità in sede di mediazione; l’istituto del reclamo altro non produrrà se non un riesame da parte del funzionario che già ha emesso l’atto ed, eventualmente, già ha respinto un’istanza di autotutela o di adesione e l’obbligatorietà di questa fase, evidentemente, non potrà certo agevolare od accelerare il corso della definizione delle liti. 

A che serve la mediazione?

Con il reclamo-mediazione si vuol creare una fase preventiva di contraddittorio fra contribuente ed ente impositore in modo da consentire a queste di trovare un accordo – sia su iniziativa del contribuente che dell’ufficio – onde eventualmente rideterminare la pretesa impositiva e ridurre le sanzioni irrogate.

Quanto tempo dura la mediazione?

Come abbiamo detto, la notifica del reclamo sospende il pagamento e la riscossione delle somme dell’atto impugnato fino allo spirare del termine di 90 giorni previsto per la definizione della procedura.

Durante quest’arco di tempo, il fisco o l’agente della riscossione non possono avviare azioni esecutive, pignoramenti, fermi e ipoteche, né il contribuente è tenuto a pagare il tributo per il quale ha presentato ricorso. 

Che succede dopo la notifica del reclamo-mediazione?

Una volta che il contribuente ha notificato all’ufficio il ricorso-reclamo-mediazione, quest’ultimo ne esamina il contenuto e la documentazione.

Come anticipato, la procedura deve concludersi entro il termine di 90 giorni dalla data di notifica (il termine è sospeso nel periodo feriale che va dal 1° al 31 agosto).

Se l’Ufficio ritiene il reclamo fondato, può:

  • annullare in autotutela l’atto impugnato. Pertanto, la procedura si conclude in questo momento;
  • accogliere solo parzialmente il ricorso e annullare una parte soltanto dell’atto impositivo; in questo caso, le somme dovute in base alla parte di accertamento non annullata, devono essere versate nei termini ordinari oppure compensate.

La mediazione si perfeziona con il pagamento della prima o dell’unica rata entro il termine di 20 giorni dall’accordo (che si considera concluso al momento dell’ultima sottoscrizione).

Il pagamento può essere effettuato anche in 8 o 16 rate trimestrali. Se nel corso di una rateazione il contribuente muore, le residue rate vanno versate dagli eredi senza le sanzioni.

Se invece il reclamo viene ritenuto infondato e pertanto viene rigettato, la fase di mediazione si considera conclusa. Ciò può avvenire anche in assenza di un provvedimento esplicito, una volta decorso il termine di 90 giorni dalla notifica all’ufficio. In pratica, vale la regola del silenzio-diniego.

In questi casi, il contribuente può proseguire il giudizio avanti alla Commissione tributaria. A tal fine, però, deve costituirsi presso la cancelleria della Commissione tributaria entro 30 giorni decorrente dallo scadere di quello di 90 giorni.

L’ufficio può formulare una proposta di mediazione avuto riguardo all’eventuale incertezza delle questioni controverse, al grado di sostenibilità della pretesa e al principio di economicità dell’azione amministrativa.

Per la trattazione del tentativo di mediazione l’ufficio può convocare il contribuente che può farsi rappresentare dal difensore.


Art 17-bis: il reclamo e la mediazione 

1. Per le controversie di valore non superiore a cinquantamila  euro (1), il ricorso produce anche gli effetti di un reclamo e può contenere una proposta di mediazione con rideterminazione dell’ammontare della pretesa. Il valore di cui al periodo precedente è determinato secondo le disposizioni di cui all’art. 12, comma 2. Le controversie di valore indeterminabile non sono reclamabili, ad eccezione di quelle di cui all’art. 2, comma 2, primo periodo.

1-bis. Sono esclusi dalla mediazione i tributi costituenti risorse proprie tradizionali di cui all’articolo 2, paragrafo 1, lettera a), della decisione 2014/335/UE, Euratom del Consiglio, del 26 maggio 2014. 

2. Il ricorso non è procedibile fino alla scadenza del termine di novanta giorni dalla data di notifica, entro il quale deve essere conclusa la procedura di cui al presente articolo. Si applica la sospensione dei termini processuali nel periodo feriale.

3. Il termine per la costituzione in giudizio del ricorrente decorre dalla scadenza del termine di cui al comma 2. Se la Commissione rileva che la costituzione è avvenuta in data anteriore rinvia la trattazione della causa per consentire l’esame del reclamo.

4. Le Agenzie delle entrate, delle dogane e dei monopoli di cui al decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, provvedono all’esame del reclamo e della proposta di mediazione mediante apposite strutture diverse ed autonome da quelle che curano l’istruttoria degli atti reclamabili. Per gli altri enti impositori la disposizione di cui al periodo precedente si applica compatibilmente con la propria struttura organizzativa.

5. L’organo destinatario, se non intende accogliere il reclamo o la eventuale proposta di mediazione, formula d’ufficio una propria proposta avuto riguardo alla eventuale incertezza delle questioni controverse, al grado di sostenibilità della pretesa e al principio di economicità dell’azione amministrativa. L’esito del procedimento rileva anche per i contributi previdenziali e assistenziali la cui base imponibile è riconducibile a quella delle imposte sui redditi.

6. Nelle controversie aventi ad oggetto un atto impositivo o di riscossione, la mediazione si perfeziona con il versamento, entro il termine di venti giorni dalla data di sottoscrizione dell’accordo tra le parti, delle somme dovute ovvero della prima rata. Per il versamento delle somme dovute si applicano le disposizioni, anche sanzionatorie, previste per l’accertamento con adesione dall’art. 8 del decreto legislativo 19 giugno 1997, n. 218. Nelle controversie aventi per oggetto la restituzione di somme la mediazione si perfeziona con la sottoscrizione di un accordo nel quale sono indicate le somme dovute con i termini e le modalità di pagamento. L’accordo costituisce titolo per il pagamento delle somme dovute al contribuente.

7. Le sanzioni amministrative si applicano nella misura del trentacinque per cento del minimo previsto dalla legge. Sulle somme dovute a titolo di contributi previdenziali e assistenziali non si applicano sanzioni e interessi.

8. La riscossione e il pagamento delle somme dovute in base all’atto oggetto di reclamo sono sospesi fino alla scadenza del termine di cui al comma 2, fermo restando che in caso di mancato perfezionamento della mediazione sono dovuti gli interessi previsti dalle singole leggi d’imposta.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo si applicano, in quanto compatibili, anche agli agenti della riscossione ed ai soggetti iscritti nell’albo di cui all’art. 53 del decreto legislativo 15 dicembre 1997, n. 446.

10. Il presente articolo non si applica alle controversie di cui all’art. 47-bis.

(1) Importo così fissato dall’art.  10, comma 1 decreto-legge 24 aprile 2017 n. 50 applicabile agli atti impugnabili notificati a decorrere dal 1° gennaio 2018.

 


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube