Diritto e Fisco | Articoli

Notifica della cartella di pagamento valida se alla domestica

10 Settembre 2014
Notifica della cartella di pagamento valida se alla domestica

Equitalia, Irpef e colf: la consegna a mano è efficace e non può essere impugnata, salvo che il contribuente dimostri l’inesistenza del rapporto di lavoro.

È valida la notifica della cartella esattoriale effettuata nelle mani della domestica dal postino. Lo ha detto la Cassazione in una sentenza di oggi [1].

La Corte ricorda che, ai sensi del codice di procedura civile [2], è sufficiente per potersi ritenere valida la consegna del plico eseguita nei confronti di una persona dichiaratasi addetta a ricevere l’atto per conto del destinatario (nel caso di specie, la colf).

In tema di procedimento di notifica della cartella esattoriale [3] si applica il principio secondo cui, in caso di notificazione [2], la qualità di persona di famiglia o di addetta alla casa, all’ufficio o all’azienda di chi ha ricevuto l’atto si presume automaticamente dalle dichiarazioni recepite dall’ufficiale giudiziario o dal postino nella relata di notifica.

Se il destinatario dell’atto intende opporsi alla notifica dell’atto, contestandone la validità per il fatto di non averne mai preso conoscenza, deve fornire la prova contraria e, in particolare, quella dell’inesistenza di un rapporto con il consegnatario (la colf), comportante una delle qualità su indicate. Oppure, il contribuente dovrebbe dimostrare la occasionalità della presenza dello stesso consegnatario nella propria abitazione.

Per tale forma di notificazione, concludono i Supremi Giudici, non è necessario l’ulteriore adempimento della lettera raccomandata inviata direttamente all’effettivo destinatario, contenente l’avviso dell’avvenuta notificazione alle mani di un terzo (la colf), come è invece previsto in caso di consegna al portiere o al vicino di casa [4].


note

[1]  Cass. sent. n. 19065/14 del 10.09.14.

[2] Art. 139 Cod. proc. civ.

[3] Art. 60 del Dpr 600/73.

[4] Art. 139 quarto comma cod. proc. civ.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube