Diritto e Fisco | Articoli

Medici: anche senza assicurazione obbligatoria niente sanzioni

13 Settembre 2014
Medici: anche senza assicurazione obbligatoria niente sanzioni

Una lettera degli ordini al ministro denuncia la mancanza del Dpr attuativo.

Non ci saranno per ora sanzioni per i medici che non si sono ancora assicurati con una polizza Rc professionale, nonostante l’obbligo sia scattato da quasi un mese (15 agosto). Lo ha precisato con una lettera dai toni cordiali, ma decisi, il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (FnomCeo), organo deputato a sanzionare gli inadempienti.

“L’obbligo di assicurazione per gli esercenti le professioni sanitarie non è operante fino a quando non sarà stato emanato il Dpr previsto dal decreto legge Balduzzi, che disciplinerà le procedure e i requisiti minimi e uniformi per l’idoneità dei contratti assicurativi – spiega la missiva indirizzata da Fnomceo il 4 settembre al Ministro della salute Beatrice Lorenzin –. Né, sino ad allora, sarà considerato illecito disciplinare, come invece previsto dalla Legge [1], la mancata stipula, da parte dei professionisti, di una polizza assicurativa”. In altri termini senza Dpr non opera l’obbligo e non ci saranno sanzioni.

Nei mesi scorsi la federazione, in assenza del Dpr (atteso da giugno 2013) aveva richiesto un’ulteriore proroga che però non c’è stata.

La categoria si trova quindi nella stessa condizione degli avvocati, in attesa dal 2012 del decreto ministeriale previsto dalla riforma dell’ordinamento della professione forense.

Come spesso accade in Italia l’obbligo legislativo risulta inapplicabile per mancanza del decreto attuativo, un problema che coinvolge circa 1,2 milioni di professionisti alle prese con un mercato dove trovare una polizza, per alcune categorie, è quasi impossibile.


note

[1] Art. 5 del Dpr 137/12.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube