Diritto e Fisco | Articoli

Posso rifiutare un trasferimento senza una motivazione?

3 Aprile 2022
Posso rifiutare un trasferimento senza una motivazione?

Il datore di lavoro può cambiare di sede un lavoratore senza consultarlo e senza dargli il preavviso? Come opporsi al trasferimento illegittimo.

Un lettore ci chiede: posso rifiutare un trasferimento senza una motivazione? In merito alle modalità del trasferimento presso altra sede della medesima azienda, la legge detta alcuni importanti limiti in favore del dipendente che il datore deve rispettare ai fini della legittimità del trasferimento stesso. 

Ma è anche vero che, laddove non vi siano seri pregiudizi in capo al lavoratore, questi non può unilateralmente rifiutarsi di presentarsi presso la nuova unità produttiva se prima non ha presentato ricorso al giudice contro il trasferimento illegittimo, ottenendone l’annullamento.

Di tanto si è più volte occupata la giurisprudenza. Ecco, da ultimo, alcune importanti considerazioni fatte dai giudici supremi.

Trasferimento: quando è lecito?

Il datore di lavoro può trasferire un dipendente solo se sussistono, prima del trasferimento medesimo, delle comprovate esigenze di natura tecnica, organizzativa o produttiva. Il che significa che il provvedimento deve essere giustificato dalle necessità collegate ad una gestione aziendale seria e tecnicamente corretta. Il giudice, seppur non può entrare nel merito delle scelte del datore, può controllare se queste siano fondate su esigenze effettivamente reali e non pretestuose. Insomma, in caso di contestazione da parte del dipendente, il tribunale è chiamato a verificare unicamente l’esistenza delle motivazioni addotte dal datore di lavoro ma non la loro congruità nel merito.

In ogni caso, il datore di lavoro non può disporre un trasferimento attuato con modalità discriminatorie o lesive della sicurezza, libertà e dignità del lavoratore. 

Esistono altre due ipotesi di trasferimento consentite dalla legge:

  1. il trasferimento come sanzione disciplinare;
  2. il trasferimento per incompatibilità ambientale.

Nel primo caso, si tratta di una punizione che viene attuata nei confronti del dipendente colpevole di non aver rispettato il contratto di lavoro, il contratto collettivo o comunque gli obblighi di prudenza, diligenza, perizia.

Nel secondo caso, si tratta di una misura che viene attuata a tutela dell’azienda e della produzione tutte le volte in cui vi siano dei contrasti tra dipendenti all’interno dell’unità produttiva, contrasti che pregiudichino il corretto svolgimento delle mansioni. Qui il datore di lavoro non è tenuto ad entrare nel merito dei litigi e a verificare chi abbia ragione e chi no: può disporre unilateralmente il trasferimento al fine di proteggere la propria azienda. 

Il trasferimento deve essere accettato dal dipendente?

Il datore di lavoro può decidere unilateralmente di trasferire il dipendente presso un’altra sede senza dover necessariamente chiedere prima a questi il consenso. Quindi, il datore può comunicare direttamente a questi il trasferimento senza prima averlo consultato. L’importante, come anticipato, è che sussistano le motivazioni di ordine tecnico, organizzativo o produttivo che solo il datore è tenuto a valutare.

Il trasferimento deve essere motivato?

Nella lettera di trasferimento il datore di lavoro non è obbligato a fornire al dipendente motivazioni. Ma se questi le richiede, il datore è tenuto a rispondere. Naturalmente, se la contestazione del lavoratore dovesse sfociare in un giudizio in tribunale, il datore, in tale sede, sarà tenuto non solo a giustificare il proprio provvedimento ma anche a fornire le prove della sussistenza di tali motivazioni.

Bisogna dare il preavviso prima di un trasferimento? 

La legge non prevede l’obbligo di un preavviso prima del trasferimento, ma il più delle volte a disciplinarlo è il contratto collettivo. Tuttavia, in osservanza dei principi di buona fede, non si può disporre un trasferimento dall’oggi al domani ma si deve dare il tempo al lavoratore, in base alla distanza della nuova azienda, di potersi organizzare (ad esempio, trovando un luogo ove andare a vivere).

Si può rifiutare un trasferimento senza una motivazione?

Non perché privo di motivazione il trasferimento può essere rifiutato dal dipendente. Il provvedimento, infatti, come anticipato, non deve contenere le giustificazioni che lo sorreggono. 

Il dipendente potrebbe però ritenere illegittimo il trasferimento per l’assenza delle condizioni indicate dalla legge (esigenze tecniche, produttive o organizzative). Se così fosse, il dipendente non avrebbe però il potere di rifiutarsi di prendere servizio presso la nuova sede, diversamente verrebbe considerato come assente ingiustificato e potrebbe essere licenziato per giusta causa. Egli dovrebbe rivolgersi al giudice e impugnare il provvedimento; solo all’esito del giudizio potrebbe infine ottenere il ripristino presso la precedente sede.

Tuttavia, la Cassazione [1] ha anche detto che il lavoratore potrà rifiutarsi di eseguire la prestazione a proprio carico solo ove il suo comportamento risulti non contrario a buona fede e correttezza. In buona sostanza, non ci devono essere pregiudizi per l’azienda e, al contrario, il trasferimento deve creare un grosso danno in capo al lavoratore (si pensi a una lavoratrice incinta o che è caregiver in favore di un familiare disabile con la legge 104). 

La verifica in merito alla sussistenza di tale requisito va effettuata dal giudice «sulla base delle concrete circostanze che connotano la fattispecie, nell’ambito delle quali si potrà tenere conto, in via esemplificativa e non esaustiva, della entità dell’inadempimento del datore di lavoro in relazione al complessivo assetto di interessi regolato dal contratto, della concreta incidenza del detto inadempimento del datore su fondamentali esigenze di vita e familiari del lavoratore, della puntuale, formale esplicitazione delle ragioni tecniche, organizzative e produttive alla base del provvedimento di trasferimento, della incidenza del comportamento del lavoratore sull’organizzazione e sugli interessi aziendali». 

Insomma, per poter valutare il rifiuto del dipendente di prendere posto presso la nuova sede dinanzi a un licenziamento ritenuto illegittimo, è necessario un corretto bilanciamento degli opposti interessi in gioco.


note

[1] Cass. sent. n. 4404/2022.

Corte di Cassazione Sezione Lavoro Civile Ordinanza10 febbraio 2022 n. 4404

Data udienza 13 gennaio 2022

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. RAIMONDI Guido – Presidente

Dott. GARRI Fabrizia – Consigliere

Dott. PAGETTA Antonella – Consigliere

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere

Dott. AMENDOLA Fabrizio – rel. Consigliere

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 27369-2020 proposto da:

(OMISSIS), elettivamente domiciliato in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), rappresentato e difeso dagli avvocati (OMISSIS), (OMISSIS);

– ricorrente –

contro

(OMISSIS) S.P.A. (gia’ (OMISSIS) N.V.), in persona del legale rappresentante pro tempore elettivamente domiciliata in (OMISSIS), presso lo studio dell’avvocato (OMISSIS), che la rappresenta e difende unitamente agli avvocati (OMISSIS), (OMISSIS);

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 207/2019 della CORTE D’APPELLO di POTENZA, depositata il 14/02/2020 R.G.N. 281/2018;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del 13/01/2022 dal Consigliere Dott. FABRIZIO AMENDOLA.

RILEVATO

che:

1. con la sentenza n. 2242 del 2010 il Tribunale di Potenza, in funzione di giudice del lavoro, rigetto’ – per quanto qui ancora rileva – le domande proposte da (OMISSIS) nei confronti della (OMISSIS) N.V. volte ad impugnare il provvedimento datoriale con cui il dipendente era stato trasferito da (OMISSIS) a (OMISSIS), con comunicazione del (OMISSIS), nonche’ il successivo licenziamento, intimato il (OMISSIS), per il rifiuto di raggiungere la nuova sede di lavoro;

2. con sentenza n. 566 del 2011 la Corte di Appello di Potenza, in riforma della pronuncia di primo grado, dichiaro’ illegittimo il trasferimento e il conseguente licenziamento, con ordine al datore di lavoro di reintegrare il dipendente e rinvio nel prosieguo per la determinazione dell’ammontare dei danni; a fondamento della decisione la Corte territoriale rilevo’ che il trasferimento del (OMISSIS) a (OMISSIS) era illegittimo perche’ il datore di lavoro non si era comportato secondo buona fede e correttezza nella gestione delle conseguenze che erano derivate dalla soppressione della unita’ organizzativa di appartenenza, e che, pertanto, era legittimo il rifiuto del lavoratore di recarsi presso la nuova sede, privando cosi’ di giusta causa il successivo licenziamento;

3. avverso questa decisione propose ricorso per cassazione, in via principale, la (OMISSIS) N.V., affidato a sei motivi, resistito dal (OMISSIS), il quale formulo’ anche ricorso incidentale condizionato, per avere la Corte di Appello ritenuto non dimostrata una volonta’ ritorsiva della societa’;

4. con sentenza n. 28791 del 2017 questa Corte ha accolto i primi due motivi del ricorso principale della societa’, assorbiti gli altri, e ha respinto il ricorso incidentale del (OMISSIS), con cassazione della sentenza impugnata in relazione ai motivi accolti e rinvio alla Corte di Appello di Potenza, in diversa composizione, “che procedera’ a nuovo esame, attenendosi ai principi enunciati e provvedendo, altresi’, alle spese del giudizio di legittimita’”;

5. detta pronuncia, nella parte motiva, ha, tra l’altro, argomentato che: la sentenza impugnata non si era uniformata al principio consolidato secondo cui il controllo giurisdizionale delle comprovate ragioni tecniche, organizzative e produttive che legittimano il trasferimento del lavoratore subordinato deve essere diretto ad accertare che vi sia corrispondenza tra il provvedimento adottato dal datore di lavoro e le finalita’ tipiche dell’impresa e non puo’ essere dilatato fino a comprendere il merito della scelta operata dall’imprenditore; nella specie il datore di lavoro aveva dimostrato la soppressione della sede di (OMISSIS), posta a base del trasferimento, mentre la Corte di merito, nel ritenere illegittimo il medesimo (e conseguentemente il licenziamento) era ricorsa ad argomenti che andavano a sindacare le scelte organizzative dell’imprenditore; andava altresi’ rimarcato il principio giurisprudenziale in virtu’ del quale il trasferimento del lavoratore presso altra sede, giustificato da oggettive esigenze organizzative aziendali, consente al medesimo di chiederne giudizialmente l’accertamento di legittimita’, ma non lo autorizza a rifiutarsi aprioristicamente, senza un eventuale avallo giudiziario (conseguibile anche in via di urgenza) di eseguire la prestazione lavorativa richiesta;

6. la Corte d’Appello di Potenza, con sentenza n. 207 del 14 febbraio 2020, in sede di rinvio, ha quindi respinto l’appello del (OMISSIS) avverso la pronuncia di prime cure che aveva rigettato le sue domande, compensando le spese;

7. i giudici d’appello, in seguito alla disposta cassazione, hanno innanzitutto evidenziato che non poteva essere messa in dubbio “la sussistenza della riorganizzazione aziendale posta a base del mutamento della sede lavorativa imposto al (OMISSIS)”, trovando “riscontro positivo circa la veridicita’ della misura organizzativa formalmente esistente alla base del trasferimento del lavoratore”; inoltre hanno richiamato il principio di diritto secondo cui, in tema di trasferimento adottato in violazione dell’articolo 2103 c.c., l’inadempimento datoriale non legittima in via automatica il rifiuto del lavoratore ad eseguire la prestazione lavorativa, in quanto, vertendosi in ipotesi di contratto a prestazioni corrispettive, trova applicazione il disposto dell’articolo 1460 c.c., comma 2, alla stregua del quale la parte adempiente puo’ rifiutarsi di eseguire la prestazione a proprio carico solo ove tale rifiuto, avuto riguardo alle circostanze concrete, non risulti contrario a buona fede e sia accompagnato da una seria ed effettiva disponibilita’ a prestare servizio presso la sede originaria; il Collegio ha, quindi, ritenuto che la condotta renitente del (OMISSIS), che risultava, sulla base del materiale probatorio acquisito, avere rifiutato il trasferimento “come arma per vincere le resistenze datoriali nell’ambito di una trattativa economica”, non fosse conforme a correttezza e buona fede perche’ finalizzata esclusivamente a “piegare” la volonta’ datoriale; ha conseguentemente concluso per l’illegittimita’ del rifiuto opposto dal lavoratore al raggiungimento della nuova sede e per la sussistenza della giusta causa di licenziamento;

8. per la cassazione di tale sentenza ha proposto ricorso il soccombente con 5 motivi; ha resistito con controricorso la societa’ intimata, che ha anche depositato memoria.

CONSIDERATO

che:

1. i motivi di ricorso possono essere come di seguito sintetizzati;

con il primo si denuncia la violazione degli articoli 384 e 394 c.p.c., ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 4, e la violazione e falsa applicazione dell’articolo 2909 c.c., ai sensi della stessa disposizione del codice di rito, n. 3; si eccepisce che erroneamente la Corte del rinvio avrebbe ritenuto l’esistenza di un giudicato sulla esistenza della riorganizzazione, riconnettendo ad esso “(in sostanza) efficacia preclusiva di ogni ulteriore indagine di merito a compiersi sui fatti e le prove vertenti sull’operato trasferimento e le ragioni dello stesso, ivi inclusa la sussistenza del rivendicato (ex adverso) processo riorganizzativo”; si deduce che l’affermazione fattuale posta dalla sentenza rescindente circa la soppressione della sede di (OMISSIS) “e’ ontologicamente inidonea a configurare un giudicato”; si argomenta poi che la motivazione impugnata, in ordine al trasferimento del lavoratore, non espliciterebbe validamente le ragioni della decisione, con violazione dell’obbligo di motivazione di cui all’articolo 132 c.p.c., comma 2, n. 4, e della previsione dell’articolo 111 Cost., affermando poi che la sede di (OMISSIS), in fatto, non sarebbe mai stata soppressa, restando operativa sino al gennaio del 2018;

il secondo motivo denuncia: “omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che e’ stato oggetto di discussione tra le parti, costituito dall’assenza della natura residuale del piano lavori in Basilicata e dalla mancata soppressione della posizione lavorativa ricoperta dal ricorrente”;

il terzo motivo denuncia: “omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che e’ stato oggetto di discussione tra le parti, ovvero l’assenza di presupposti giustificativi per la sede di assegnazione”;

il quarto motivo denuncia: “omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che e’ stato oggetto di discussione tra le parti, ovvero il rifiuto del ricorrente di porre in essere interventi devianti in relazione all’installazione di nuovi siti”;

il quinto motivo denuncia la “motivazione apparente”, ai sensi dell’articolo 360 c.p.c., n. 4, ed ancora “omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio che e’ stato oggetto di discussione tra le parti, ovvero i motivi del rifiuto a trasferirsi nella nuova sede prospettati dal ricorrente ed il comportamento delle parti”; si deduce che “nel processo i fatti evidenziavano che il ricorrente rifiutava di raggiungere la nuova sede di (OMISSIS) ritenendo illegittimo il trasferimento e per evidenti motivi familiari: distanza usurante devastante per il lavoratore e per i propri familiari. Si recava presso la sede di provenienza ove erano rifiutate le prestazioni lavorative ed anzi diffidato dal presentarsi”; per il ricorrente, il giudice del rinvio avrebbe omesso l’esame di tutte queste circostanze concernenti il licenziamento e le ragioni del rifiuto di prendere servizio in (OMISSIS), “sostanzianti l’eccezione di inadempimento, elementi da esaminare anche perche’ decisivi per il giudizio, idonei a configurare la fondatezza e legittimita’ della formulata eccezione di inadempimento a tenore dell’articolo 1460 c.c.”;

2. il ricorso non puo’ trovare accoglimento per quanto segue;

2.1. come ricordato nello storico della lite, la sentenza impugnata puo’ dirsi ancorata a due distinte rationes decidendi, da ritenersi autonome l’una dall’altra, e ciascuna di esse puo’ essere posta a fondamento del dictum di rigetto dell’appello proposto dal (OMISSIS) in seguito al rinvio disposto da questa Corte;

in primo luogo, i giudici d’appello hanno ritenuto che il trasferimento fosse legittimo, dal che conseguirebbero l’indebito rifiuto del lavoratore di recarsi presso la nuova sede e la giusta causa di licenziamento gia’ affermata dal primo giudice; in secondo luogo la Corte territoriale ha, comunque, esaminato la vicenda alla stregua dell’articolo 1460 c.c., considerando in ogni caso il rifiuto del dipendente di trasferirsi contrario ai canoni di correttezza e buona fede, giungendo a confermare, anche per tale via, la legittimita’ del recesso datoriale;

che si tratti di una concorrente ratio decidendi, autonoma rispetto a quella gia’ resa e in grado di fornire al dictum decisorio una distinta base di convincimento, e’ reso chiaro dal fatto che l’operativita’ dell’articolo 1460 c.c., presuppone un inadempimento datoriale che, in caso di trasferimento legittimo, non ci sarebbe stato, per cui nessuna eccezione di inadempimento avrebbe potuto opporre il lavoratore per giustificare il suo rifiuto e la norma codicistica non avrebbe potuto trovare spazio;

2.2. orbene, al giudice non e’ preclusa da alcuna disposizione normativa la possibilita’ di porre a fondamento della sua decisione una pluralita’ di rationes decidendi, distinte ed autonome, atteso che gli articoli 276 e 279 c.p.c., si limitano a stabilire un ordine di esame e di decisione delle questioni, imponendo di decidere prima le questioni di rito, in quanto esse pregiudicano astrattamente la possibilita’ di decidere nel merito, ma essendo viceversa il giudice libero di decidere sul merito, individuando la questione e le ragioni da porre a base della decisione (cfr. Cass. SS.UU. n. 11799 del 2017, in motivazione); la Corte territoriale poteva, dunque, dopo aver aderito ad una prima ragione di decisione di merito, esaminare ed accoglierne anche una seconda, al fine di sostenere la pronuncia nel caso in cui la prima fosse risultata erronea (v. Cass. n. 15399 del 2018; Cass. n. 21490 del 2005); anche autorevole dottrina ammette la coesistenza in una unica motivazione di una pluralita’ di rationes decidendi, in correlazione con il principio di economia processuale, spiegando che talvolta l’estensore e’ portato a dilungarsi nel discorso giustificativo, anche oltre le necessita’ di argomentazione manifestatesi nella deliberazione, per corroborare con maggior forza di persuasione la correttezza del suo decidere con l’intenzione, quasi sempre sottintesa, di prevenire in assoluto l’annullamento o la riforma della sentenza, grazie alla conseguente dilatazione dei motivi di gravame (in termini: Cass. n. 35016 del 2021);

2.3. cio’ posto, i primi quattro motivi di ricorso per cassazione aggrediscono la prima ratio decidendi della sentenza impugnata, afferendo alla questione della legittimita’ o meno del trasferimento, mentre solo l’ultima censura riguarda la “fondatezza e legittimita’ della formulata eccezione di inadempimento a tenore dell’articolo 1460 c.c.”; esaminando secondo il criterio della ragione piu’ liquida detto quinto motivo di ricorso, il Collegio giudica il medesimo infondato;

non sussiste, infatti, la denunciata “motivazione apparente” che e’ ravvisabile solo quando essa non renda “percepibili le ragioni della decisione, perche’ consiste di argomentazioni obiettivamente inidonee a far conoscere l’iter logico seguito per la formazione del convincimento, di talche’ essa non consenta alcun effettivo controllo sull’esattezza e sulla logicita’ del ragionamento del giudice” (Cass. SS.UU. n. 22232 del 2016); il che non ricorre nella specie in quanto e’ certamente percepibile il percorso motivazionale seguito dalla Corte territoriale per ritenere non conforme a correttezza e buona fede il rifiuto di trasferirsi del (OMISSIS), in quanto strumentalizzato all’intento di vincere le resistenze datoriali nell’ambito di una trattativa economica; si tratta di una valutazione in fatto, che non puo’ costituire oggetto di riesame in questa sede di legittimita’ sol perche’ e’ difforme rispetto alle attese di chi ricorre, tanto piu’ invocando il vizio di cui all’articolo 360 c.p.c., n. 5, senza che siano rispettati i limiti posti dalla disposizione novellata, cosi’ come rigorosamente interpretata dalle Sezioni unite di questa Corte (Cass. SS.UU. nn. 8053 e 8054 del 2014); in realta’ parte ricorrente, lungi dall’evidenziare nella sentenza impugnata l’omesso esame di un fatto effettivamente decisivo, critica il convincimento espresso dalla Corte territoriale in ordine ai comportamenti delle parti in contesa e le Sezioni unite ancora di recente hanno stigmatizzato censure che “sotto l’apparente deduzione del vizio di violazione e falsa applicazione di legge, di mancanza assoluta di motivazione e di omesso esame circa un fatto decisivo per il giudizio, degradano in realta’ verso l’inammissibile richiesta a questa Corte di una rivalutazione dei fatti storici da cui e’ originata l’azione”, cosi’ travalicando “dal modello legale di denuncia di un vizio riconducibile all’articolo 360 c.p.c., perche’ pone a suo presupposto una diversa ricostruzione del merito degli accadimenti” (cfr. Cass. SS.UU. n. 34476 del 2019; conf. Cass. SS.UU. n. 33373 del 2019; Cass. SS.UU. n. 25950 del 2020);

2.4. invero, va ribadito che, in caso di trasferimento adottato in violazione dell’articolo 2103 c.c., l’inadempimento datoriale non legittima in via automatica il rifiuto del lavoratore ad eseguire la prestazione lavorativa in quanto, vertendosi in ipotesi di contratto a prestazioni corrispettive, trova appliazione il disposto dell’articolo 1460 c.c., comma 2, alla stregua del quale la parte adempiente puo’ rifiutarsi di eseguire la prestazione a proprio carico solo ove tale rifiuto, avuto riguardo alle circostanze concrete, non risulti contrario alla buona fede (per tutte v. Cass. n. 11408 del 2018); nella motivazione del precedente richiamato si specifica che “l’inottemperanza del lavoratore al provvedimento di trasferimento illegittimo dovra’, quindi, essere valutata, sotto il profilo sanzionatorio, alla luce del disposto dell’articolo 1460 c.c., comma 2, secondo il quale, nei contratti a prestazioni corrispettive, la parte non inadempiente non puo’ rifiutare l’esecuzione se, avuto riguardo alle circostanze, il rifiuto e’ contrario alla buona fede. La relativa verifica (…) dovra’ essere condotta sulla base delle concrete circostanze che connotano la specifica fattispecie nell’ambito delle quali si potra’ tenere conto, in via esemplificativa e non esaustiva, della entita’ dell’inadempimento datoriale in relazione al complessivo assetto di interessi regolato dal contratto, della concreta incidenza del detto inadempimento datoriale su fondamentali esigenze di vita e familiari del lavoratore, della puntuale, formale esplicitazione delle ragioni tecniche, organizzative e produttive alla base del provvedimento di trasferimento, della incidenza del comportamento del lavoratore organizzazione datoriale e piu’ in generale realizzazione degli interessi aziendali, elementi questi che dovranno essere considerati nell’ottica del bilanciamento degli opposti interessi in gioco anche alla luce dei parametri costituzionali di cui agli articoli 35, 36 e 41 Cost.”; si conclude che “tale verifica e’ rimessa all’esame del giudice di merito” (conf. Cass. n. 21391 del 2019; in precedenza v. Cass. n. 1168 del 2000 e 8621 del 2001, n. 5444 del 2002, n. 16530 del 2003, n. 16822 del 2003, n. 10477 del 2004, n. 20678 del 2005, n. 11430 del 2006; cfr. pure Cass. n. 13627 del 2017), per cui essa non e’ sindacabile in questa sede di legittimita’ oltre i ristretti limiti in cui puo’ esserlo ogni apprezzamento di merito;

2.5. respinto il quinto mezzo di gravame, vale allora l’insegnamento costante nella giurisprudenza di questa Corte regolatrice, secondo il quale laddove una sentenza (o un capo di questa) si fondi su piu’ ragioni, tutte autonomamente idonee a sorreggerla, e’ necessario -per giungere alla cassazione della pronunzia – sia che ciascuna di esse abbia formato oggetto di specifica censura, sia che il ricorso abbia esito positivo nella sua interezza con l’accoglimento di tutte le censure, affinche’ si realizzi lo scopo stesso della impugnazione; questa, infatti, e’ intesa alla cassazione della sentenza in toto, o in un suo singolo capo, id est di tutte le ragioni che autonomamente l’una o l’altro sorreggano; e’ sufficiente, pertanto, che anche una sola delle dette ragioni non formi oggetto di censura, ovvero che sia respinta la censura relativa anche ad una sola delle dette ragioni, perche’ il motivo di impugnazione debba essere respinto nella sua interezza, divenendo inammissibili, per difetto di interesse, le censure avverso le altre ragioni (in termini, Cass. n. 12372 del 2006; tra le tante: Cass. n. 2736 del 2013; Cass. n. 25540 del 2009; Cass. n. 10420 del 2005; Cass. n. 2274 del 2005; Cass. n. 10134 del 2004; Cass. n. 4349 del 2001) ovvero, come pure altro orientamento ritiene, per essersi formato il giudicato in ordine alla ratio decidendi non censurata (da ultimo Cass. n. 13880 del 2020, che richiama Cass. n. 24076 del 2017; Cass. n. 27015 del 2016; Cass. n. 19254 del 2011; Cass. n. 1658 del 2007; Cass. n. 14740 del 2005);

2.6. applicando siffatto incontrastato insegnamento al caso che ci occupa, ne consegue che, resistendo una delle individuate rationes decidendi alla impugnazione proposta dal (OMISSIS), e’ del tutto ultronea la verifica della fondatezza delle censure mosse all’autonoma, alternativa e distinta ratio decidendi, perche’, anche nella eventualita’ dovesse pervenirsi all’accoglimento di esse, in nessun caso potrebbe mai giungersi alla cassazione della sentenza impugnata, atteso che questa rimarrebbe comunque ferma sulla base del profilo della sua ratio infondatamente censurata, privando in tal modo l’impugnazione dell’idoneita’ al raggiungimento del suo obiettivo funzionale, rappresentato dalla rimozione della pronuncia contestata;

3. alla stregua delle considerazioni che precedono il ricorso deve essere respinto, con spese che seguono la soccombenza liquidate come da dispositivo;

ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica n. 115 del 2002, articolo 13, comma 1-quater, nel testo introdotto dalla L. n. 228 del 2012, articolo 1, comma 17, occorre dare atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis (cfr. Cass. SS.UU. n. 4315 del 2020);

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna parte ricorrente al pagamento delle spese di lite liquidate in Euro 3.000,00, oltre Euro 200,00 per esborsi, accessori secondo legge e spese generali al 15%.

Ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 2002, n. 115, articolo 13, comma 1-quater, nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, articolo 1, comma 17, da’ atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello, ove dovuto, per il ricorso, a norma dello stesso articolo 13, comma 1-bis.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube