Diritto e Fisco | Articoli

Violazione quarantena e isolamento fiduciario: è reato?

23 Aprile 2022
Violazione quarantena e isolamento fiduciario: è reato?

Se una persona non rispetta l’isolamento fiduciario, in che tipo di sanzioni incorre?

L’art. 4, comma 1, del d.l. n. 19/2020, ha previsto l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria, individuata nel pagamento di una somma che va da 400 a 3.000 euro (eliminando così il riferimento all’art. 650 c.p.), in caso di mancato rispetto delle misure di contenimento previste dall’art. 1, co. 2 e dall’art. 3 del medesimo decreto, ossia tutte quelle disposizioni limitative degli spostamenti delle persone, degli assembramenti e dell’apertura delle attività commerciali. In queste misure dovrebbe rientrare anche l’isolamento fiduciario.

La violazione della quarantena obbligatoria a seguito di riscontrata positività costituisce invece reato punito con l’arresto da 3 mesi a 18 mesi e con l’ammenda da euro 500 ad euro 5.000 (art. 260 R.D. n. 1265 del 27 luglio 1934, così come richiamato e modificato dal d.l. 25 marzo 2020, n. 19).

Secondo la legge, dunque, sembrerebbe scattare il reato solamente nel caso di «divieto assoluto di allontanarsi dalla propria abitazione o dimora per le persone sottoposte alla misura della quarantena, applicata dal sindaco quale autorità sanitaria  locale,  perché risultate positive al virus» (art. 1, comma 2, lett. e, richiamato dall’art. 4, comma 6, del d.l. n. 19/2020).

Il condizionale è tuttavia d’obbligo, in quanto sul punto non si è formata ancora giurisprudenza e l’ordinanza ministeriale del 14 dicembre è molto recente e non fornisce più precise indicazioni a riguardo. Il consiglio pertanto è di osservare scrupolosamente il periodo di isolamento fiduciario, non derogandovi in alcun modo, a prescindere dal tipo di sanzione (penale o amministrativa).

In teoria, poi, chi viola la quarantena pur essendo positivo rischia anche l’incriminazione per il reato di epidemia colposa (art. 452 cod. pen.). Andrebbe però dimostrato l’effettivo pericolo per la sanità pubblica, ed è pertanto da escludere un’imputazione del genere al soggetto non contagiato che viola la quarantena obbligatoria.

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Mariano Acquaviva



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube