Diritto e Fisco | Articoli

Docenti: il mancato superamento della prova dà diritto alla NASpI?

23 Aprile 2022
Docenti: il mancato superamento della prova dà diritto alla NASpI?

Ho lavorato 5 anni come docente di sostegno, ho una laurea in scienze della formazione primaria, a tempo determinato e 5 anni a tempo indeterminato. Non ho superato il periodo di prova. Da settembre 2020 sono disoccupata. Ho diritto alla Naspi?

Quando un docente viene assunto è nominato in prova; ciò significa che, per avere la conferma del ruolo ricevuto, deve superare un periodo di prova e formazione che dura un anno scolastico.

La prova deve essere effettivamente svolta sulla cattedra oggetto della nomina per un periodo non inferiore a 180 giorni; conseguentemente, se nel predetto lasso di tempo non sono stati prestati 180 giorni di servizio effettivo, la prova è prorogata di un anno. Rientrano nei 180 giorni di servizio anche i periodi di sospensione delle lezioni e delle attività didattiche, le giornate dedicate ad esami e scrutini, i giorni di frequenza a corsi di formazione organizzati dall’Amministrazione.

Durante l’anno di prova, il docente curerà la propria formazione e dovrà svolgere attività di lezione, recupero, potenziamento, attività di valutazione degli alunni, partecipare e organizzare progetti formativi.

Al termine del periodo di prova e di formazione, il docente sarà confermato in ruolo con decreto di conferma in ruolo emesso dal dirigente scolastico, previo colloquio e valutazione positiva emessa da un apposito comitato di controllo.

In caso di mancato superamento della prova, il docente è licenziato e ha diritto quindi alla disoccupazione.

Il mancato superamento del periodo di prova è considerato una situazione di “disoccupazione involontaria”, che legittima l’accesso alla NASpI. Possono infatti accedere alla NASpI i lavoratori con rapporto di lavoro subordinato, che abbiano perso involontariamente la propria occupazione, compresi apprendisti, soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato con le medesime cooperative, personale artistico con rapporto di lavoro subordinato, dipendenti delle pubbliche amministrazioni.

È possibile richiedere l’indennità di disoccupazione in presenza dei seguenti requisiti:

  • cessazione involontaria del rapporto di lavoro;
  • maturazione di almeno 13 settimane di contributi nei quattro anni precedenti la cessazione del rapporto di lavoro;
  • svolgimento di almeno 30 giorni di lavoro effettivo nei 12 mesi precedenti l’inizio della disoccupazione.

La domanda di NASpI deve essere presentata entro 68 giorni dalla cessazione del rapporto di lavoro in modalità telematica, o provvedendovi personalmente, oppure affidandosi ad un Patronato. Decorso tale periodo si perde il diritto alla prestazione, cioè si ha la decadenza del diritto.

Se si presenta la domanda di NASpI entro l’ottavo giorno dalla perdita del lavoro, l’indennità scatta proprio a partire da questo ottavo giorno. Per domande presentate successivamente, invece, la decorrenza slitta alla data di presentazione della domanda.

Articolo tratto da una consulenza resa dall’avv. Valentina Azzini



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube