Diritto e Fisco | Articoli

Condominio: videosorveglianza senza comunicazione al Garante Privacy

15 Settembre 2014
Condominio: videosorveglianza senza comunicazione al Garante Privacy

In un condominio vorremmo installare un impianto di videosorveglianza nell’androne: occorre prima comunicare alla polizia, al Garante della privacy o ad altre autorità tale l’intenzione? Qual è il quorum richiesto per l’approvazione in assemblea?

Nel caso in cui il sistema di videosorveglianza sia installato dal condominio per controllare le parti comuni, devono essere adottate tutte le misure e le precauzioni previste dal Codice della privacy e dal provvedimento generale del Garante in tema di videosorveglianza. Non è tuttavia necessaria alcuna preventiva comunicazione al Garante della Privacy.

Tra gli obblighi di legge previsti per la installazione della videosorveglianza – da osservare anche in ambito condominiale – vi è quello di segnalare le telecamere con appositi cartelli, eventualmente avvalendosi del modello predisposto dal Garante.

Le registrazioni possono essere conservate per un periodo limitato, tendenzialmente non superiore alle 24-48 ore, anche in relazione a specifiche esigenze, quale la chiusura di esercizi e uffici che hanno sede nel condominio, o a periodi di festività.

Per tempi di conservazione superiore a sette giorni è necessario presentare una verifica preliminare al Garante.

Le telecamere devono riprendere solo le aree comuni da controllare, possibilmente evitando la ripresa di luoghi circostanti e di particolari non rilevanti.

I dati raccolti (riprese e immagini) devono essere protetti con idonee e preventive misure di sicurezza, che ne consentano l’accesso alle sole persone autorizzate (titolare, responsabile incaricato del trattamento).

A norma del Codice civile [1], le delibere concernenti la installazione sulle parti comuni di impianti volti a consentire la videosorveglianza sono approvate dall’assemblea con la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio.


note

[1] Art. 1122-ter cod. civ.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube