Diritto e Fisco | Articoli

Postepay: furto del denaro e rimborso della somma

15 Settembre 2014
Postepay: furto del denaro e rimborso della somma

Ho subito il furto del denaro caricato sulla mia carta Postepay: come devo fare per essere rimborsata, visto anche che si tratta di “furto elettronico” e non di smarrimento del supporto magnetico? Entro quale termine?

In caso di uso fraudolento o indebito delle carte di credito [1], il titolare-utilizzatore della carta ha l’obbligo di utilizzarla in conformità al contratto che ne regola l’emissione e l’uso, e di adottare tutte le misure idonee a evitare che altri soggetti utilizzino indebitamente la stessa, comunicando senza indugio, e nei modi previsti dal contratto, lo smarrimento, il furto, l’appropriazione indebita o l’uso non autorizzato della carta non appena ne viene a conoscenza.

Il soggetto che emette la carta (Poste Italiane) ha, invece, l’obbligo di “proteggere” il sistema attraverso cui ne è possibile l’utilizzo, impedendone l’uso non autorizzato e prevenendone la clonazione.

Detto questo, una volta che l’utilizzatore della carta neghi di avere autorizzato un pagamento già eseguito o sostenga che questo non è stato correttamente eseguito, sarà onere dell’istituto emittente provare che l’operazione è stata autenticata, correttamente registrata e contabilizzata, o che non vi è stato malfunzionamento del sistema di pagamento.

Salvo il caso in cui abbia agito in modo fraudolento oppure con dolo o colpa grave, ovvero non abbia adottato le misure idonee a garantire la sicurezza della carta, l’utilizzatore non dovrà sopportare alcuna perdita di denaro a causa dell’indebito utilizzo della stessa, se non nei limiti di una “franchigia” non superiore a 150 euro [2].

Per conoscere le modalità operative per la presentazione della denuncia e i termini del rimborso, si può consultare il sito di Postepay oppure rivolgersi a uno studio legale o a un’associazione di consumatori.


note

[1] Disciplinato dagli artt. 7 ss.del Dlgs 11/2010, il quale attua la direttiva 2007/64/Ce, relativa ai servizi di pagamento nel mercato interno.

[2] Artt. 11 e 12 del Dlgs 11/2010.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Mai avuto rimborso dalle poste nonostante denuncia alla Polizia postale e blocco della carta. Presentato il tutto a Poste Italiane sono passati anni e non ho mai avuto nulla. Se poi dobbiamo ricorrere ai legali per riavere qualche decina di euro non credo la spesa valga l’impresa.

  2. Mi hanno fatto un prelievo di 650 euro da una pseudo filiale delle poste di treviso (io sono di pisa) dopo denunziaquerela e tutta la prassi ..nessuno mi ha rimborsato niente.. poi uno nn si deve incavolare …lavoro solo io e ho da mantenere due bimbi di 2 e 4 anni più la compagna e il mio stipendio tolto affitto (500) si aggira intorno ai 750 euro..come faccio ad arrivare al 10 del prossimo mese??

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube