Cronaca | News

Russia: in arrivo sanzioni devastanti

6 Aprile 2022
Russia: in arrivo sanzioni devastanti

Ucraina: Biden, ‘nuovo round sanzioni eccezionali contro la Russia’

“Ho chiarito che la Russia avrebbe pagato a caro prezzo e immediatamente per le sue atrocità a Bucha. Oggi, insieme ai nostri alleati e partner, annunciamo un nuovo round di sanzioni devastanti”. Lo scrive su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, commentando il nuovo pacchetto di misure restrittive adottato contro la Russia.

“Oggi gli Stati Uniti, con il G7 e l’Unione Europea imporrà immediati e severi costi economici al regime di Putin per le sue atrocità in Ucraina, compresa Bucha”, si legge in una dichiarazione con cui si annunciano “devastanti misure economiche per vietare nuovi investimenti in Russia ed imporre le più pesanti sanzioni finanziarie sulle principali banche russe, diverse importanti società statali e su funzionari russi e loro familiari”.

“Fino quando la Russia continuerà la sua brutale aggressione dell’Ucraina – prosegue la dichiarazione – rimarremo uniti con i nostri alleati nell’imporre nuovi costi alla Russia per le sue azioni”. In particolare, gli Usa oggi annunciano sanzioni contro “la principale istituzione finanziaria, Sberbank, e la più grande banca privata russa, Alfa Bank” che proibiscono a cittadini americani di fare affari con loro.

Con un ordine esecutivo, poi Joe Biden vieta “nuovi investimenti in Russia per isolarla ancora di più economicamente“, aggiunge la Casa Bianca ricordando che oltre 600 multinazionali hanno già lasciato il Paese. Ma la misura più clamorosa è quella che colpisce le figlie adulte di Putin, la moglie e la figlia del ministro degli Esteri Lavrov, insieme all’ex presidente, e membro del Consiglio di Sicurezza della Russia, Dmitry Medvedev e il primo ministro Mikhail Mishustin. “Queste persone si sono arricchite alle spese del popolo russo” dice la Casa Bianca.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube