Diritto e Fisco | Articoli

Lavoro: negoziazione assistita anche per le conciliazioni tra datore e dipendente

17 Settembre 2014
Lavoro: negoziazione assistita anche per le conciliazioni tra datore e dipendente

Non c’è più bisogno del sindacato o della Direzione del Lavoro (Dtl): l’introduzione nel Dl giustizia della negoziazione assistita ridurrà la tempistica di rinunce e transazioni.

Una delle principali novità del decreto sulla riforma della Giustizia appena varato dal Governo [1] – e forse passata inosservanza alla gran parte degli osservatori – riguarda il caso di accordi di conciliazione (per chiudere una lite già approdata in tribunale o prevenirne una) tra datore di lavoro e dipendente. Se fino ad oggi, per rendere tali accordi inoppugnabili, le rinunce e le transazioni del lavoratore avevano bisogno della convalida dell’accordo da parte dei sindacati o della DTL (l’accordo, cioè, doveva essere firmato presso una delle cosiddette “sedi protette” quali le direzioni territoriali del lavoro, le sedi individuate dai contratti collettivi o le commissioni di certificazione), oggi questo “monopolio” è definitivamente cessato.

Infatti le parti potranno scegliere, in alternativa, di procedere con la nuova procedura di negoziazione assistita (per sapere di cosa si tratta, leggi “Negoziazione assistita: nuova occupazione per avvocati”), ossia solo alla presenza degli avvocati.

Come funziona la negoziazione assistita

La nuova procedura di negoziazione assistita – introdotta non solo per le liti di lavoro ma, in generale, per tutte le controversie di natura civile – inizia con un invito formale rivolta da uno dei due litiganti all’altra parte ad aderire alla procedura.

Dal momento della comunicazione dell’invito si interrompe la prescrizione, come se fosse stata proposta una domanda giudiziale; da tale data, inoltre, è impedita, per una sola volta, la decadenza (ma ci sono regole particolari per evitare manovre dilatorie).

Se l’invito a utilizzare la procedura viene accolto positivamente dalla parte che lo riceve, i legali e i loro assistiti firmano una convenzione con la quale si impegnano a tentare di risolvere in via amichevole la controversia tramite l’assistenza dei rispettivi avvocati.

Nella convenzione di negoziazione le parti devono indicare il termine per risolvere la lite (almeno un mese), e l’oggetto della controversia (che può riguardare solo diritti disponibili).

Una volta firmata la convenzione, i legali e le parti hanno l’obbligo di cooperare in buona fede e con lealtà per provare a raggiungere l’accordo.

Per agevolare il negoziato, la legge prevede che dichiarazioni rese e informazioni acquisite nel corso del procedimento non possono essere utilizzate nel giudizio avente in tutto o in parte il medesimo oggetto della procedura, e che i difensori delle parti e coloro che partecipano al negoziato non possono essere tenuti a deporre sul contenuto delle dichiarazioni rese e delle informazioni acquisite.

Come si conclude la procedura di negoziazione assistita

La negoziazione si può concludere con esito negativo – e allora le parti sono libere di andare in giudizio – oppure può portare a un accordo. In questa ipotesi, quando cioè la negoziazione si conclude positivamente, le parti firmano un accordo (che, dice la legge, deve essere conforme alle norme imperative e all’ordine pubblico) insieme agli avvocati che le assistono, e lo stesso – sin dal momento della firma, e senza la necessità di ulteriori passaggi – diventa inoppugnabile, conseguendo la stessa efficacia delle classiche conciliazioni convalidate in sede protetta.

Gli effetti in materia di lavoro

Si tratta di una novità di grande impatto, se si considera che, nella prassi, le parti di una controversia stragiudiziale di lavoro, normalmente, dopo che hanno raggiunto un accordo transattivo con l’assistenza dei rispettivi legali, devono convalidare il contenuto dell’intesa mediante una conciliazione in sede protetta (se la convalida non viene conseguita, l’accordo può essere impugnato entro sei mesi dal lavoratore).

La novità legislativa permetterà di rendere inoppugnabili gli accordi, quindi, anche senza andare presso le tradizionali sedi protette, a condizione che le parti abbiano formalmente avviato la procedura sopra descritta.

In questo modo si riducono molto i tempi di gestione della lite, anche se va considerato che la negoziazione ha una durata minima di almeno un mese.

Un ulteriore vantaggio connesso a queste rinunce e transazioni consiste nella particolare efficacia che la legge conferisce agli accordi conclusivi della procedura negoziata: il decreto prevede, infatti, che l’accordo che risolve la controversia, sottoscritto dalle parti e dagli avvocati che le assistono, costituisce titolo esecutivo per l’iscrizione di ipoteca giudiziale.

In questo modo, si riduce notevolmente l’iter da seguire nei casi in cui una delle parti non adempia gli obblighi contenuti nella conciliazione.


note

[1] DL 134/2014, art. 7.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube