Cronaca | News

Nato: un esercito permanente ai confini della Russia

10 Aprile 2022
Nato: un esercito permanente ai confini della Russia

Stoltenberg, Nato valuta presenza permanente truppe su confine orientale

Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg ha annunciato che l’Alleanza Atlantica sta valutando la possibilità di dispiegare una presenza permanente di truppe lungo il confine orientale dell’Alleanza in risposta all’invasione russa dell’Ucraina.

“Indipendentemente da quando e come finirà la guerra in Ucraina, la guerra ha già avuto conseguenze a lungo termine per la nostra sicurezza. La Nato deve adattarsi a questa nuova realtà. Ed è esattamente quello che stiamo facendo”, ha detto Stoltenberg in un’intervista con il quotidiano britannico “The Telegraph”.

“La Nato – ha aggiunto – è l’Alleanza di maggior successo nella storia per due motivi. Uno è che siamo stati in grado di unire Europa e Nord America. L’altro è che siamo stati in grado di cambiare quando il mondo cambia. Ora il mondo sta cambiando e la Nato sta cambiando”.

Kiev ha ordinato antidoto contro armi chimiche

L’organizzazione umanitaria Direct Relief ha fatto sapere di aver risposto a una richiesta del ministero della Salute di Kiev per circa 220.000 fiale di un farmaco, l’atropina, che può essere utilizzato per attenuare gli effetti di armi chimiche. Lo scrive il Wall Street Journal. “Direct Relief sta inviando questo farmaco nella speranza che non si verifichi mai un attacco che ne richieda l’uso”, ha detto Alycia Clark dell’organizzazione. Nel 2017, si legge, Direct Relief aveva fatto lo stesso per gli operatori sanitari in Siria.

Di Maio, ‘ucraini hanno allontanato esercito russo da Ue’

“In questo momento il popolo ucraino ha il diritto di difendersi e difendendosi ha cacciato via da Kiev l’esercito russo. Significa che ha allontanato dall’Europa e dalla Nato l’esercito russo”. Lo ha affermato Luigi Di Maio intervenendo al Tg4 – Diario di Guerra.

“Se il popolo ucraino non resiste e l’esercito ucraino non resiste questa guerra arriva sempre di più ai confini con l’Europa e ai confini con la Nato e allora lì sì scoppia la terza guerra mondiale – ha proseguito – Ma questo non vuol dire che noi vogliamo aumentare il ritmo e l’intensità di questa guerra”.

Russia, più vicina al default

S&P ha declassato il debito a lungo termine in valuta estera detenuto da Mosca da CC/C a SD/SD, che equivale al default selettivo di una specifica emissione. La decisione dopo il pagamento in rubli di un Eurobond scaduto lunedì. 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube