Diritto e Fisco | Articoli

Cassa Forense: sospeso il pagamento dell’ultima rata dei contributi minimi

17 Settembre 2014
Cassa Forense: sospeso il pagamento dell’ultima rata dei contributi minimi

Se il 2014 è compreso fra i primi nove anni di iscrizione, non bisogna più pagare. Almeno per ora.

Avvocati, prestate attenzione. Se vi siete iscritti alla Cassa Forense da non più di 9 anni non dovete più pagare l’ultima rata del 2014 dei contributi minimi. Dunque, alt ai pagamenti per ora e stop ad ogni riscossione.

La Cassa forense annuncia che l’ultima rata dei contributi minimi di quest’anno in corso di riscossione (30 settembre prossimo) è sospesa per tutti gli iscritti per i quali il 2014 sia compreso tra i primi nove anni di iscrizione alla Cassa. E ciò per consentire il ricalcolo degli importi, dovuti a titolo di contributi, sulla base del nuovo regolamento.

Agli interessati, inoltre, sarà data, entro il 31 dicembre prossimo, una comunicazione specifica per la regolarizzazione della posizione contributiva. E se dal ricalcolo scaturiranno somme a credito scatterà la compensazione in sede di modello 5/2015, una volta conosciuto il reddito dell’iscritto.

Opportunità da cogliere

Le domande di esonero dal pagamento dei contributi minimi ex articolo 10 potranno essere presentate all’ente previdenziale entro il 30 settembre di ciascun anno, con riferimento ai contributi minimi dello stesso anno ma soltanto con la procedura web realizzata ad hoc e disponibile sul sito web della Cassa nella sezione “Accesso Riservato – Servizi On-Line – Istanze OnLine” (il tutto fermo restando quanto dovuto in autoliquidazione sulla base degli effettivi redditi prodotti). Si tratta di un’opportunità concessa per una sola volta nell’arco dell’intero periodo di iscrizione, con l’unica eccezione dell’ipotesi della maternità o dell’adozione, per le quali si può arrivare fino a tre anni in caso di più eventi successivi: di tale facoltà si può fruire soltanto in presenza delle specifiche situazioni soggettive di cui al comma 7 dell’articolo 21 dello statuto dell’avvocatura e l’esonero è subordinato all’approvazione da parte della giunta esecutiva della Cassa.

Attenzione all’iscrizione coattiva

Insieme al dolce, l’amaro. Sta per scattare l’iscrizione coattiva alla Cassa (per come abbiamo chiarito in questo articolo “Avvocati, scatta l’iscrizione coattiva d’ufficio alla Cassa previdenza”). La data di spartiacque è quella del 21 agosto 2014, e la procedura verrà avviata grazie alla collaborazione dei consigli dell’Ordine territoriali, i quali trasmetteranno, per via telematica, entro il 20 ottobre prossimo, l’elenco degli avvocati interessati.

Nel mese di novembre le iscrizioni saranno perfezionate con una delibera della giunta esecutiva. I legali coinvolti in questa “iscrizione d’ufficio” saranno avvisati con PEC o raccomandata con ricevuta di ritorno. Dalla comunicazione inizieranno a decorrere i novanta giorni per l’eventuale cancellazione dall’Albo prevista dalla norma transitoria di cui all’articolo 12, primo comma, ultima parte, nonché i sei mesi per l’eventuale richiesta, su base volontaria, della retrodatazione o dei benefici per gli ultraquarantenni ai sensi degli articoli 3 e 4 del regolamento. Per maggiori approfondimenti sul tema leggi: “Come rinunciare alla Cassa Previdenza entro 90 giorni”.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube