Diritto e Fisco | Articoli

Dissesto di edificio: ne risponde anche l’ingegnere che l’ha progettato

17 Settembre 2014
Dissesto di edificio: ne risponde anche l’ingegnere che l’ha progettato

Committenti per lavori su immobili: doppia tutela.

L’ingegnere, progettista e direttore dei lavori, risponde per i danni arrecati dai suoi collaboratori agli edifici da lui progettati.

Lo ha affermato la Cassazione con una sentenza di ieri [1].

Non solo quindi il costruttore, ma anche l’ingegnere, che sia stato “progettista e direttore dei lavori”, nonché l’impresa appaltatrice (materiale esecutrice dell’opera) sono responsabili per i danni causati agli immobili dal dissesto statico. Gli stessi possono essere condannati dal tribunale all’eliminazione dei danni che ne sono derivati, sia a carico dei singoli appartamenti sia dei fabbricati nel loro complesso.

Insomma, l’esecuzione delle opere necessarie per il consolidamento statico, oltre al pagamento delle spese per i danni arrecati, spetta non solo alla ditta costruttrice, ma anche all’ingegnere progettista e direttore dei lavori.

Per la Cassazione, se oggetto dell’incarico conferito all’ingegnere non è la semplice predisposizione del solo progetto architettonico e di massima, quest’ultimo è responsabile della direzione dei lavori. La posizione di direttore dei lavori attribuita all’ingegnere presuppone l’autorizzazione implicita ad avvalersi dell’opera di altro/i professionista/i per la progettazione delle strutture in cemento armato e, di conseguenza, la responsabilità per la difettosa esecuzione dell’opera di quest’ultimo/i.


note

 [1] Cass. sent. n. 19485/14 del 16.09.2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube