Cronaca | News

Putin licenzia i suoi 007 e li fa arrestare

12 Aprile 2022
Putin licenzia i suoi 007 e li fa arrestare

Ucraina: Times, ”purga staliniana in intelligence russa, Putin licenzia 150 ufficiali dell’Fsb”. Alcuni finiti in carcere, lo denuncia Bellingcat.

È in corso un’epurazione di massa “stalinista” dell’intelligence segreta russa dopo che più di 100 agenti sono stati rimossi dal loro lavoro e il capo del dipartimento responsabile per l’Ucraina è stato mandato in prigione.

Lo scrive il Times, spiegando che la rabbia per il fallimento dell’invasione ucraina avrebbe spinto il presidente russo Vladimir Putin a licenziare circa 150 ufficiali dell’Fsb, alcuni dei quali sono stati anche arrestati. Tutti gli espulsi erano dipendenti del Quinto Servizio, una divisione costituita nel 1998, quando Putin era direttore dell’Fsb, per svolgere operazioni nei paesi dell’ex Unione Sovietica con l’obiettivo di mantenerli nell’orbita della Russia.

L’Fsb, ossia il Servizio federale per la sicurezza della Federazione russa, noto con la sigla FSB, è uno speciale organo federale della Federazione Russa che, nei limiti della sua autorità, svolge compiti per garantire la sicurezza interna della Federazione Russa.

L’ex capo del servizio, Sergei Beseda, 68 anni, è stato mandato nel carcere di Lefortovo a Mosca dopo essere stato messo agli arresti domiciliari il mese scorso. La prigione fu usata dall’Nkvd, il predecessore del Kgb, scrive il Times, per interrogatori e torture durante la Grande Purga di Stalin degli anni ’30.

L’epurazione dell’Fsb è stata denunciata da Christo Grozev, direttore esecutivo di Bellingcat, l’organizzazione investigativa che ha smascherato i due avvelenatori di Salisbury nel 2018, che non ha rivelato la fonte delle sue informazioni.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube