Diritto e Fisco | Articoli

Come si accolla il mutuo in caso di separazione coniugale?

14 Aprile 2022 | Autore:
Come si accolla il mutuo in caso di separazione coniugale?

Come decidere chi resta obbligato verso la banca e dunque continuerà a pagare le rate residue del mutuo cointestato fra i coniugi; quali adempimenti occorrono.

Molte coppie italiane hanno stipulato un mutuo cointestato per finanziare l’acquisto dell’abitazione principale o di altri immobili, come la seconda casa per le vacanze. La banca fa ponti d’oro a chi adotta questa soluzione, perché ottiene una doppia garanzia di pagamento da entrambi i coniugi, anziché da uno solo. Col passare del tempo, però, spesso succede che il matrimonio finisce, ma il mutuo resta. E allora, specialmente quando ci sono ancora parecchi anni di rate da pagare, sorgono liti fra i coniugi che si stanno separando per stabilire chi e come dovrà sostenere queste spese. Certo è che la banca vuole essere rimborsata della somma prestata. In questi casi una buona soluzione è quella di ricorrere all’accollo del mutuo. Come si accolla il mutuo in caso di separazione coniugale?

Accollo del mutuo: cos’è?

L’accollo è l’assunzione di un obbligo giuridico da parte di un soggetto, chiamato accollante, per sgravare un altro soggetto precedentemente obbligato, chiamato accollato: nel caso che stiamo esaminando, l’obbligo è quello che deriva da un contratto di mutuo cointestato ad entrambi i coniugi. Questo tipo di contratto comporta per tutti e due il dovere di provvedere al regolare rimborso delle rate e al pagamento degli oneri connessi, fino all’estinzione del mutuo. Con l’accollo le regole possono cambiare; ma, come vedremo fra poco, il creditore ha un ruolo chiave nel ridefinirle.

Le regole generali per l’accollo sono stabilite dall’art. 1273 del Codice civile. Esistono due tipi fondamentali di accollo di un mutuo:

  • accollo cumulativo, con il quale l’accollato non è totalmente liberato dalle obbligazioni precedenti, perché la banca può ancora richiedergli, sia pure in subordine, di rimborsare il mutuo residuo se l’accollante non ha pagato il dovuto;
  • accollo liberatorio: qui l’accollato non è più debitore verso la banca mutuante, e tutti gli obblighi di rimborso delle rate residue e degli altri oneri dovuti vengono interamente assunti da chi si è accollato il mutuo.

Accollo del mutuo ipotecario: come funziona?

Abbiamo visto che con l’accollo uno dei due condebitori originari si impegna a rimborsare il finanziamento concesso dalla banca anche nella parte relativa all’altro coniuge, prendendo così il suo posto nell’obbligazione. L’accollo del mutuo, per essere efficace nei confronti dell’istituto di credito finanziante, va stipulato nella stessa forma del contratto originario: perciò di regola, trattandosi di un mutuo ipotecario per l’acquisto dell’immobile, serve un rogito notarile. Da quel momento l’accollato sarà estromesso dal contratto di mutuo e tutti gli obblighi ricadranno sull’accollante.

Attenzione a rispettare la forma dell’atto pubblico prevista per l’accollo del mutuo ipotecario: una recente sentenza della Corte di Cassazione [1] ha ritenuto nullo, e perciò totalmente inefficace, l’impegno preso da un ex marito nei confronti della moglie di continuare a pagare le rate del mutuo, perché l’accordo era stato realizzato con una semplice scrittura privata tra i coniugi. E la Suprema Corte ha ritenuto che tale scrittura non valesse neanche sotto forma di “ammissione di debito” (tecnicamente chiamata «ricognizione del debito»), che è l’atto con cui, ai sensi dell’art. 1988 del Codice civile, un soggetto si riconosce debitore nei confronti di un altro e promette il pagamento di una determinata somma.

Chi paga il mutuo dopo la separazione dei coniugi?

In caso di separazione coniugale, o di divorzio, il mutuo cointestato fra i coniugi deve essere rimborsato da entrambi, poiché tutti e due hanno sottoscritto il contratto, e dunque continuano a rispondere del debito, nonostante la cessazione del loro legame e del vincolo matrimoniale. In caso di interruzione dei pagamenti, la banca potrà agire per il recupero del dovuto, azionando la garanzia ipotecaria iscritta al momento dell’accensione del mutuo e così pignorando l’immobile per sottoporlo a vendita forzata e soddisfarsi sul ricavato. Quindi, smettere di pagare le rate è una scelta poco saggia.

La soluzione migliore in questi casi è un accordo consensuale raggiunto tra i coniugi per decidere quale dovrà essere la ripartizione delle spese del mutuo dopo la separazione, o dopo il divorzio. Altrimenti è necessario ricorrere al giudice, nell’ambito della procedura di separazione giudiziale: sarà il tribunale a stabilire le condizioni, tenendo conto della presenza di figli minorenni, dell’assegnazione della casa familiare ad uno dei coniugi e dell’intestazione dell’immobile per il quale è stato acceso il mutuo ad entrambi o ad uno solo di essi. In caso di attribuzione dell’assegno di mantenimento, o dell’assegno divorzile, l’ex coniuge con il reddito più alto potrà mettere in suo favore sulla bilancia il fatto che egli ha deciso di accollarsi interamente le rate residue del mutuo.

Efficacia dell’accollo del mutuo nei confronti della banca

La scelta dei coniugi sull’attribuzione dell’obbligo di pagamento delle rate di mutuo dopo la separazione o il divorzio, se non ha coinvolto l’istituto di credito mutuante, costituisce solo un accordo di accollo interno, che ha valore esclusivamente tra i coniugi e non anche nei confronti della banca. L’istituto di credito che ha concesso il finanziamento rimane, perciò, libero di rivalersi su entrambi gli ex coniugi, in caso di insolvenza del debitore accollante.

Per evitare queste spiacevoli conseguenze, si può decidere di interpellare anche l’istituto di credito nella decisione su quale dei due coniugi debba rimanere obbligato al pagamento del mutuo e quale, invece, possa essere liberato. In tal caso, deve essere coinvolta la banca, che deve fornire il suo assenso alla proposta di accollo formulata dagli ex coniugi, specialmente se si tratta di accollo liberatorio, e non cumulativo. Ovviamente la banca, prima di acconsentire, verificherà le concrete capacità economiche del coniuge che resterà da solo a fronteggiare i pagamenti. In caso positivo, si realizza un accollo esterno del mutuo, che vincola anche la banca a rispettare le nuove condizioni, così accettando il recesso dell’altro coniuge dal contratto precedente.

Accollo mutuo e separazione coniugale: approfondimenti

Per ulteriori informazioni leggi: “Separazione coniugi: chi paga il mutuo?” e “Mutuo cointestato: cosa fare se ci si separa“. Puoi leggere per esteso l’ultima pronuncia della Cassazione che abbiamo commentato, nel box “sentenza” sotto questo articolo.


note

[1] Cass. ord. n. 11923 del 13.04.2022.

Cass. civ., sez. VI – 1, ord., 13 aprile 2022, n. 11923
Presidente Parise – Relatore Iofrida

Fatti di causa

La Corte d’appello di Milano, con sentenza n. 1853/2020, depositata il 16/7/2020, ha confermato la decisione del Tribunale di Como, che aveva respinto la domanda di S.F.M. , nei confronti del marito, G.A., di condanna del convenuto, in via principale, al pagamento della somma di Euro 500.000,00, del quale egli si era dichiarato debitore, nel caso di separazione legale tra le parti, come da scrittura privata sottoscritta l’8/11/2004, scrittura ritenuta non meritevole di tutela seppure a seguito di ogni possibile qualificazione giuridica della scrittura (come patto matrimoniale, nullo per illiceità della causa, o contratto preliminare di donazione condizionato sospensivamente all’evento separazione legale delle parti, del pari nullo, o come atto ricognitivo di debito, comunque afferente ad obbligazione nulla) e improduttiva effetti, non essendosi neppure dimostrato il verificarsi della condizione ivi contemplata del raggiungimento della capacità economica del G. per provvedere alla dazione della somma di denaro.

La Corte d’appello, premesso che la S. aveva “impostato il proprio atto di appello, evocando la fattispecie della ricognizione di debito, il cui fondamento risiederebbe in pregresse dazioni di denaro a titolo di mutuo con conseguente obbligo restitutorio”, ha rilevato, esaminando le doglianze mosse con il gravame, che la condotta processuale della appellante deponeva nel senso della rinuncia implicita al principio di astrazione di cui all’art. 1988 c.c. (l’inversione dell’onere di provare l’esistenza del rapporto fondamentale), avendo la stessa ritenuto di produrre copiosa documentazione comprovante la dazione, da parte della stessa al G. , di ingenti somme di denaro nel corso della relazione coniugale (nella sostanza, deducendo esservi un rapporto di mutuo a giustificazione causale della dichiarazione), allegando che il G. si sarebbe impegnato a restituirle Euro 500.000,00 nella duplice eventualità della separazione personale dei coniugi e della capacità economica del medesimo di farvi fronte. In ogni caso, ad avviso della Corte, a prescindere da tale rinuncia, la documentazione prodotta in primo grado (essendo inammissibili, ex art. 345 c.p.c., i documenti prodotti per la prima volta in appello) era inconferente, dimostrando semmai versamenti ed accrediti effettuati, nel 2012, successivamente alla dichiarazione ricognitiva del 2004, e comunque la prova del mutuo non poteva essere tratta da assegni bancari e somme di denaro e l’obbligo restitutorio non poteva essere desunto da una dichiarazione anteriore alla datio rei.

Avverso la suddetta pronuncia, S.F.M. propone ricorso per cassazione, notificato il 16/10/2020, affidato a due motivi, nei confronti di G.A. (che resiste con controricorso).

Il controricorrente ha depositato memoria.

Ragioni della decisione

1. La ricorrente lamenta, con il primo motivo, la violazione e falsa applicazione, ex art. 360 c.p.c., n. 3, degli artt. 1362 e 1367 c.c., per essersi la Corte d’appello sottratta al dovere di qualificazione della scrittura privata prodotta, secondo i criteri di ermeneutica previsti, in quanto definita, in modo “a-tecnico”, dall’appellante S. come ricognizione di debito, laddove il giudice avrebbe dovuto qualificarla come un accordo tra i coniugi per regolare i rapporti matrimoniali successivamente alla separazione; con il secondo motivo, si denuncia la violazione, ex art. 360 c.p.c., n. 3, dell’art. 160 c.c., in punto di ritenuta invalidità dei patti matrimoniali con cui i coniugi si propongono di regolare le conseguenze economiche della rottura della loro relazione coniugale, essendo stata introdotta nel nostro ordinamento, per effetto del D.L. n. 132 del 2014, art. 6 conv. in L. n. 16 del 2014, anche nell’ambito delle controversie di separazione e divorzio, la possibilità per i coniugi di stipulare una “convezione di negoziazione assistita”, cosicché la scrittura privata inter partes doveva essere considerata, anche in applicazione dell’art. 1367 c.c., un patto matrimoniale concluso tra i coniugi in vista della separazione, pienamente valido ed efficace.

2. La prima censura è inammissibile.

Lamenta la ricorrente che la Corte d’appello si sarebbe sottratta al dovere di dare una qualificazione al contratto inter partes a prescindere dalle tesi delle parti, facendo applicazione dei criteri di ermeneutica contrattuali previsti dalla legge, in quanto la qualificazione data da essa appellante (“riconoscimento di debito”) sarebbe stata “usata dalla difesa…in senso atecnico” e comunque non vincolava il giudice.

Ora, la Corte d’appello, dopo avere richiamato la motivazione del giudice di primo grado, il quale aveva analizzato la scrittura privata in oggetto, pur in assenza di specifica e chiara qualificazione ad opera della parte attrice, considerando tutta una serie di ipotesi alternative, concludendo per l’inefficacia della scrittura, ha tenuto conto delle doglianze mosse con l’atto di appello, laddove era stata chiaramente evocata dall’appellante unicamente la fattispecie della ricognizione di debito con indicazione del rapporto fondamentale sotteso, rappresentato dalla dazione di denaro, a titolo di mutuo, da parte della S. al G. , con conseguente obbligo restitutorio di quest’ultimo.

Le Sezioni Unite (Cass. 27199/2017) hanno ribadito che, anche dopo la Riforma del 2012 (D.L. n. 83 del 2012, conv. in L. n. 134 del 2012), con la modificazione degli artt. 342 e 434 c.p.c., l’appello è una revisio prioris instantiae e non un novum iudicium, “con effetto devolutivo generale ed illimitato”, e che la necessità dell’indicazione, da parte dell’appellante, delle argomentazioni da contrapporre a quelle contenute nella sentenza di primo grado serve proprio ad incanalare entro precisi confini il compito del giudice dell’impugnazione, consentendo di comprendere con certezza il contenuto delle censure, il tutto senza inutili formalismi e senza richiedere all’appellante il rispetto di particolari forme sacramentali.

Vero che, come chiarito da questa Corte (Cass. 12471/2001), “il vizio di extrapetizione ricorre soltanto quando il giudice abbia pronunciato oltre i limiti delle pretese e delle eccezioni fatte valere dalle parti, ovvero su questioni estranee all’oggetto del giudizio e non rilevabili d’ufficio, attribuendo ad una di esse un bene della vita non richiesto (o diverso da quello domandato), mentre spetta al giudice di merito il compito di definire e qualificare, entro detti limiti, la domanda proposta dalla parte”, cosicché “tale compito appartiene non soltanto al giudice di primo grado, ma anche a quello d’appello, che resta a sua volta libero di attribuire al rapporto controverso una qualificazione giuridica difforme da quella data in prime cure con riferimento all’individuazione della “causa petendi”, dovendosi riconoscere a detto giudice il potere – dovere di definire l’esatta natura del rapporto dedotto in giudizio onde precisarne il contenuto e gli effetti in relazione alle norme applicabili, con il solo limite di non esorbitare dalle richieste della parti e di non introdurre nuovi elementi di fatto nell’ambito delle questioni sottoposte al suo esame” (conf. Cass. 15383/2010; cfr anche Cass. 12785/2019).

Il giudice d’appello poteva quindi qualificare il rapporto dedotto in giudizio in modo diverso rispetto a quanto prospettato dalle parti o ritenuto dal giudice di primo grado, non introducendo nel tema controverso nuovi elementi di fatto, lasciando inalterati il “petitum” e la “causa petendi” ma poteva esercitare tale potere-dovere solo nell’ambito delle questioni riproposte con il gravame, rispetto alle quali la qualificazione giuridica costituiva la necessaria premessa logico-giuridica.

Nella specie, il giudice d’appello ha correttamente individuato, sulla base delle argomentazioni esposte nel gravame, quali erano le parti della decisione impugnata oggetto di censura e ha di conseguenza vagliato la fondatezza delle doglianze, escludendo la ricorrenza, nella specie, di una valida ed efficace ricognizione di debito a fronte di un rapporto fondamentale di mutuo.

3. La seconda censura è del pari inammissibile, per novità delle questioni sollevate. Invero, la ricorrente si limita a reintrodurre, in questa sede di legittimità, la tesi della piena validità ed efficacia del patto matrimoniale, laddove non risulta che, in appello, ella avesse specificamente contestato le statuizioni di primo grado in ordine alla nullità o inefficacia sotto vari profili (anche quello del mancato avveramento della condizione relativa alla capacita economica del G. di adempiervi) dell’accordo inter partes.

4. Per tutto quanto sopra esposto, va dichiarato inammissibile il ricorso. Le spese, liquidate come in dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso; condanna il ricorrente, al pagamento delle spese processuali del presente giudizio di legittimità, liquidate in complessivi Euro 7.000,00, a titolo di compensi, oltre 100,00 per esborsi, nonché al rimborso forfetario delle spese generali nella misura del 15% ed agli accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte del ricorrente, di un ulteriore Importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso per cassazione, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis ove dovuto.

Dispone che, ai sensi del D.Lgs. n. 198 del 2003, art. 52 siano omessi le generalità e gli altri dati identificativi, in caso di diffusione del presente provvedimento.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube