Cronaca | News

Google contro i negazionismi e le fake news sulla guerra in Ucraina

13 Aprile 2022
Google contro i negazionismi e le fake news sulla guerra in Ucraina

Google ha dichiarato guerra alla guerra. E soprattutto a fake news e negazionismi. Così, ha fatto sapere che, a causa dell’invasione russa dell’Ucraina, la propria concessionaria di raccolta pubblicitaria, che remunera tutti i siti per i banner pubblicitari, ha in pausa la monetizzazione dei contenuti finalizzati a sfruttare, ignorare o giustificare la guerra.

Questa misura è stata già applicata alle dichiarazioni relative alla guerra in Ucraina in caso di violazione delle norme esistenti (ad esempio, le norme relative ai contenuti dispregiativi o pericolosi vietano di monetizzare contenuti che incitano alla violenza o negano eventi tragici).

Il comunicato è stato appena diramato da Google stessa a tutti i titolari di testate giornalistiche, siti, blog. Lo scopo è di chiarire, e in alcuni casi ampliare, le indicazioni per i publisher in relazione a questo conflitto.

Questa sospensione della monetizzazione riguarda, a titolo esemplificativo:

  • dichiarazioni secondo cui le vittime sono responsabili della propria tragedia o affermazioni simili di condanna delle vittime;
  • dichiarazioni secondo cui l’Ucraina sta commettendo un genocidio o sta attaccando deliberatamente i suoi stessi cittadini.

Del resto chi più di Google, in possesso dei satelliti e in grado di sapere cosa succede in ogni parte del mondo, conosce le fosse comuni e le stragi che si stanno perpetrando ai danni dei civili in Ucraina.

La stessa società americana, all’indomani della guerra, come misura economica contro Putin, aveva sospeso la monetizzazione di tutti i siti russi che oggi non possono più guadagnare con la concessionaria Google Ads.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube