Tech | Articoli

Telefono fisso: conviene ancora averlo?

15 Aprile 2022
Telefono fisso: conviene ancora averlo?

Il 61% degli italiani ha ancora la linea fissa: ma conviene davvero questa spesa o è meglio tenere solo il cellulare?

All’indomani del varo delle tariffe flat per cellulari, con sms illimitati e connessione a Internet tanto veloce quanto ampia da soddisfare i bisogni di un’intera famiglia, confesso di aver pensato che quel momento avrebbe decretato la morte del telefono fisso. Chi mai avrebbe avuto più interesse a pagare per uno strumento più ingombrante rispetto a uno smartphone (con tutto che le dimensioni di questi stanno crescendo sempre più), a volte non facilmente trasportabile, bisognoso di specifiche prese e buchi sul muro. Senza contare i costi, ancora elevati e a volte poco chiari. Perché duplicare quando lo scopo è risparmiare? Sono passati dieci anni da quel giorno e molti lo considerano un oggetto di altri tempi eppure sono il 60,8%, oltre 26,5 milioni, gli italiani che hanno ancora il telefono fisso in casa.

A rilevarlo un’indagine commissionata da Facile.it agli istituti di ricerca mUp Research e Norstat. Analizzando i dati, però, si scopre che oggi la sua funzione è, almeno parzialmente, cambiata o addirittura invertita rispetto a quella del cellulare. «Chi continua a tenere in casa il fisso lo fa principalmente per ragioni di sicurezza in caso di emergenza (41%), o come mezzo di comunicazione riservato a pochi intimi (28%)», spiega Mario Rasimelli, Managing Director Utilities di Facile.it.

«Insomma, un tempo i contatti stretti erano gli unici cui davamo il numero di cellulare, oggi sono i soli che possono raggiungerci anche quando il nostro smartphone è spento», prosegue. Cosa invece ha determinato la scelta di quei 17 milioni che hanno rinunciato a filo e cornetta?, si chiede. «Nel 59% dei casi hanno scelto di eliminare il fisso per ragioni economiche, nel 45% per sostituirlo col cellulare e nel 19%….per non essere disturbati a casa dai call center», conclude.

Personalmente, quando optai per questa soluzione, chiesi a una compagnia telefonica di fornirmi solo la connessione a Internet casalinga, per via del cavo – più stabile del Wi-Fi -, della maggiore velocità rispetto a uno smartphone, della necessità di sfruttare la smart-tv, le chat WhatsApp e avere traffico dati illimitati. Mi fu risposto che non esistono contratti che prevedano solo la connessione a Internet: c’è bisogno di “acquistare” anche il numero di telefono. E lì chinai il capo, costretto ad abbonarmi a qualcosa di cui non avevo bisogno. È una questione di contratti, di diritto, a cui il consumatore non può opporsi, perché nessuna legge ancora lo prevede.

Il telefono fisso sopravvive grazie a Internet. Come i padri sopravvivono grazie ai loro figli.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube