Diritto e Fisco | Articoli

Posso creare un angolo palestra in un garage?

15 Aprile 2022
Posso creare un angolo palestra in un garage?

Ci si può allenare in cantina o in palestra e invitare degli amici per fare ginnastica insieme? 

Dietro la spinta del lockdown successivo alla pandemia Covid, le home gym in palestra o in cantina sono ormai diventate assai diffuse. Sono stati in molti, in tutto il mondo, a ritagliarsi uno spazio dove sistemare pesi, panche, elastici, cyclette, ellittiche ed altri attrezzi per il fitness a corpo libero o con manubri e bilancieri. I più fortunati hanno svuotato i garage, magari rinunciando alla copertura dell’auto, per ricavarne uno spazio del tutto assimilabile ai centri sportivi (seppur più piccolo, ovviamente). Ma cosa potrebbe dire il condominio di un comportamento del genere? Si può creare un angolo palestra in un garage? Vediamo cosa dice la nostra legge a riguardo.

Cosa non si può fare in garage?

Ci sono alcune cose che non si possono fare in garage, come ad esempio depositare materiali infiammabili o suonare con la propria band, infastidendo tutto il palazzo. Né si può trasformarlo in un appartamento vivibile (e magari darlo in affitto) oppure in un ufficio con tanto di scrivanie e telefoni, non almeno se prima non si presenta una richiesta di cambio di destinazione urbanistica in Comune.

Ad ogni modo, qualsiasi uso del garage non deve essere vietato dal regolamento condominiale. Regolamento però che, per imporre limiti all’utilizzo della proprietà privata, deve essere stato approvato all’unanimità (con votazione unanime in assemblea o con accettazione singola, da parte di tutti i condomini, all’atto dell’acquisto dei singoli appartamenti).

Cosa si può fare in garage?

Possiamo dire che in garage si può fare tutto ciò che non è vietato. In buona sostanza, sono meno i limiti che le facoltà, e ciò proprio perché nessuno può impedire a un’altra persona di disporre per come meglio crede della sua proprietà privata, salvo appunto i singoli limiti di legge o del regolamento condominiale.

Del resto, questo è il principio di ogni Stato democratico: tutto ciò che non è proibito esplicitamente deve considerarsi lecito.

Si può trasformare un garage in una palestra?

Proprio per quello che si è appena detto possiamo rasserenare gli amanti del work-out: si può creare un angolo palestra in un garage. Non c’è alcun divieto, né il condominio si può opporre. A patto però che si rispettino le regole del vivere in comune come il divieto di usare impianti rumorosi: si pensi a un impianto di areazione che disturba i condomini degli altri piani, uno stereo o una televisione ad alto volume come intrattenimento. Comportamenti di questo tipo, qualora le immissioni acustiche dovessero essere avvertite da gran parte dei condomini, potrebbero configurare il reato di disturbo alla quiete pubblica.

Per avere uno spazio dove non manchi la musica si potrà quindi pensare di insonorizzare le pareti con appositi materiali (invero assai costosi).

Si possono invitare gli amici per allenarsi nel garage?

Non ci sono neanche vincoli a invitare amici o parenti ad allenarsi nel proprio garage adibito a spazio palestra. Il fatto che ci si alleni in due o tre non cambia le carte in tavola. Del resto, se è vero che si può stare in garage in più di una persona e che lì ci si può anche allenare, le due cose insieme non diventano un illecito.

Si può fare pagare gli amici per allenarsi in garage?

Attenzione però a non trasformare il garage in un’attività commerciale. E non solo per le problematiche fiscali che ne deriverebbero (le quali richiederebbero innanzitutto l’apertura di una partita Iva e la dichiarazione dei redditi percepiti) ma anche di tipo urbanistico. Se il garage infatti dovesse diventare una vera e propria palestra aperta al pubblico, anche se si tratti di un pubblico “selezionato”, sarebbe necessario il cambio di destinazione urbanistica con conseguente pagamento degli oneri al Comune. E ciò non basterebbe se il regolamento di condominio – approvato all’unanimità – impedisse l’esercizio di attività commerciali o rumorose.

Anche la “quota associativa” o il “contributo spese” per gli attrezzi potrebbe essere vista come una forma di elusione.  



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube