Cronaca | News

Epatite misteriosa sta colpendo i bambini

15 Aprile 2022
Epatite misteriosa sta colpendo i bambini

Oms: «identificare e indagare possibili casi». Finora, sono 74 nel Regno Unito, 5 in Irlanda e 3 in Spagna. Probabilmente, aumenteranno ma non sono raccomandate restrizioni ai viaggi.

Si allarga l’allarme per i casi di epatite acuta di origine sconosciuta in bimbi sani segnalati dal Regno Unito, un fenomeno “monitorato” dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Ma «sebbene alcuni pazienti siano risultati positivi al Sars-CoV-2 o all’adenovirus, è necessario intraprendere la caratterizzazione genetica dei virus per determinare eventuali associazioni tra i casi», precisa l’Oms Europa che raccomanda “fortemente” agli Stati di «identificare, indagare e segnalare i potenziali casi». Per ora, l’Organizzazione «non raccomanda alcuna restrizione ai viaggi» nei Paesi dove sono state registrate queste infezioni epatiche con causa ignota: oltre al Regno Unito, anche Irlanda e Spagna.

L’Oms – spiega l’Ufficio regionale europeo dell’agenzia – il 5 aprile è stata informata di 10 casi di epatite acuta grave di origine sconosciuta in bambini under 10 (11 mesi-5 anni) nella Scozia centrale. L’8 aprile nel Regno Unito erano stati identificati 74 casi, compresi i 10 scozzesi. «I virus dell’epatite A, B, C, E e D sono stati esclusi dopo i test di laboratorio, mentre sono in corso ulteriori indagini per comprendere l’eziologia di questi casi», evidenzia l’Oms in una nota. «Dato l’aumento dei casi segnalati nell’ultimo mese e il potenziamento delle attività di screening, è probabile che nei prossimi giorni verranno segnalati più casi», avvertono gli esperti.

«Dopo le prime avvisaglie nel Regno Unito – ricostruisce ancora l’Oms Europa – casi di epatite acuta di origine sconosciuta nei bimbi sono stati registrati anche in Irlanda, meno di 5 (confermati o possibili). Ma anche in Spagna sono stati segnalati 3 casi confermati in bambini di età compresa tra 22 mesi e 13 anni. Le autorità locali stanno attualmente indagando su questi casi».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube