Diritto e Fisco | Articoli

Autovelox: illegittimo sulle strade con pochi incidenti

21 Settembre 2014
Autovelox: illegittimo sulle strade con pochi incidenti

Multa con rilevazione elettronica senza contestazione immediata lecita solo nelle strade pericolose, ad alto tasso di incidentalità.

L’autovelox è solo uno strumento per fare cassa o per prevenire gli incidenti stradali? Se lo chiedete ai Comuni vi risponderanno sempre nello stesso modo: l’obiettivo è la sicurezza degli automobilisti. E allora, vien da chiedersi, perché viene spesso installato su strade dove il numero dei sinistri è estremamente basso se non nullo?

La questione se l’è giustamente posta un Prefetto molisano che, così motivando, ha negato a un Comune la possibilità di utilizzare i rilevatori elettronici della velocità su una strada dove il rischio “speculazione” era particolarmente elevato. Infatti, la via, benché stretta e senza piazzole che consentissero la doppia pattuglia – circostanza che, in altri casi, avrebbe comportato l’emissione del decreto prefettizio di autorizzazione all’utilizzazione di autovelox senza bisogno della contestazione immediata della multa – era tuttavia del tutto tranquilla e priva di alcun rischio per gli utenti della strada. E allora, perché mettere gli apparecchietti a trabocchetto?

Una scelta congrua, ha risposto il Consiglio di Stato [1] all’Ente territoriale che, contro tale decisione si era appellato. Se il Prefetto rileva che nella zona “incriminata” non sussiste un alto “tasso di incidentalità”, il Comune che ha paura di perdere i proventi delle multe non la spunta neanche facendo forza sul fatto che, nel tratto di competenza dell’ente locale, le piazzole sono strette e non consentono di fermarsi ai veicoli più lunghi. Se fosse questo, infatti, il criterio per decidere quando autorizzare i controlli elettronici automatizzati – concludono i giudici – bisognerebbe installare “apparecchi automatici dovunque non sia agevole arrestare la marcia dei supposti trasgressori”. Insomma: autovelox a go go ovunque.

In sintesi, l’ufficio territoriale del Governo (il Prefetto) può autorizzare il posizionamento dei velox senza pattuglia – e quindi senza obbligo di contestazione immediata – solo in zone dove davvero serve come forte deterrente per far correre di meno gli automobilisti. Restano esenti le strade dove non si è mai registrato un incidente.


note

[1] Cons. di St. sent. n. 4321/14.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube