Diritto e Fisco | Articoli

Sgravi fiscali per arbitrato e negoziazione assistita

20 Settembre 2014
Sgravi fiscali per arbitrato e negoziazione assistita

Riforma della giustizia: in arrivo l’emendamento sul decreto legge 132 per mandare giù la pillola.

Ci saranno sgravi fiscali per i cittadini che procederanno, come via alternativa al tribunale, con i procedimenti di negoziazione assistita e arbitrato previsti dalla recente riforma della giustizia come mezzo di risoluzione stragiudiziale delle controversie.

Lo ha confermato il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, nel suo intervento all’assemblea dell’Unione delle camere civili.

Il ministro ha preannunciato la presentazione di un emendamento per rendere più appetibili per i cittadini l’utilizzo dei due strumenti messi in campo dal decreto legge n.132 varato il 29 agosto. Una maniera anche per allinearli a quanto già oggi previsto sul fronte della conciliazione obbligatoria.

In arrivo le specializzazioni per avvocati

Orlando ha anche anticipato l’imminente varo del decreto attuativo della riforma forense sulla specializzazione degli avvocati (leggi: “Avvocati: titolo di specialista finalmente sulla targa di studio”): tutto è pronto per consentire ai legali italiani di aggiungere, sui propri bigliettini da visita o sul sito internet, accanto al proprio nome la specifica “avvocato specialista in…” una delle 14 materie previste dalla riforma.

Insieme, sarà anche varato il decreto attuativo sulle modalità di elezione dei componenti dei consigli dell’ordine circondariale che ha già ricevuto i pareri di Cnf e Consiglio di Stato.

Intanto, gli organi rappresentativi dell’avvocatura si spaccano sul giudizio affibbiato alla riforma: a chi parla di privatizzazione della giustizia si alterna chi, invece, vede nei nuovi strumenti un’occasione per gli avvocati italiani, cui adesso spetterà il compito di contribuire a farli decollare correttamente, senza strumentalizzazioni a proprio vantaggio.


note

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube