Diritto e Fisco | Editoriale

Operazioni: il consenso informato va sempre espresso

20 Settembre 2014
Operazioni: il consenso informato va sempre espresso

Cassazione e sanità: le specificazioni sull’intervento, oggetto dell’informativa fornita dal medico, non possono essere rimandate a un colloquio orale.

L’ammalato ha sempre il diritto a esprimere il consenso informato, anche se i rischi dell’intervento sanitario non sono letali. Dunque, anche in presenza di statistiche che parlano di una percentuale di mortalità dell’1% – prossima cioè al caso al fortuito – il medico non può tralasciare di far firmare il consenso al proprio paziente prima dell’intervento.

Lo ha detto ieri la Cassazione in una sentenza pubblicata nelle prime ore della mattina [1].

La valutazione del rischio – si legge nella motivazione del provvedimento – appartiene al titolare del diritto esposto, cioè al paziente, e non può essere annullata in favore del medico-chirurgo, che pure interviene con intenti “salvifici”.

Non solo. L’informazione fornita al paziente dal sanitario non può essere sintetica, ma deve indicare tutti i rischi dell’intervento, anche i più improbabili.

Il fondamento del consenso informato – continua la Cassazione – si configura come elemento strutturale dei contratti di protezione, quali sono quelli che si concludono nel settore sanitario [2].

La vicenda

Nella vicenda in oggetto la Corte ha ritenuto lacunoso il consenso informato sintetico ma “incompleto, lasciando la sua integrazione a un colloquio esaustivo fra paziente e medico, che non risulta neppure nella cartella clinica”.


note

[1] Cass. sent. n. 19731 del 19.09.2014.

[2] Come richiamato nei punti 4.1-3 delle Sezioni unite civili l’11 novembre 2008 n. 26973.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube