Lavoro e Concorsi | Articoli

PA, Brunetta: 100mila assunzioni nel 2022

20 Aprile 2022 | Autore:
PA, Brunetta: 100mila assunzioni nel 2022

Il ministro della Pubblica Amministrazione: «Se non si semplifica, non si mette nuovo capitale umano, la digitalizzazione non serve assolutamente a nulla». 

Concorsi pubblici sbloccati, semplificati e digitalizzati [1]. In pochi mesi, da maggio a dicembre 2021, sono state rese disponibili 45mila posizioni, per un totale di oltre un milione di candidati. La durata delle selezioni si è drasticamente ridotta, da 3-4 anni a 100 giorni.

Nel 2022, si prevedono oltre 100mila assunzioni a tempo indeterminato. A sottolinearlo è il ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, in occasione di un’audizione alla Commissione parlamentare per la semplificazione.

«Se non si semplifica, non si mette nuovo capitale umano, la digitalizzazione non serve assolutamente a nulla. Se digitalizzi una procedura inutilmente complessa gestita da un capitale umano impreparato, sarà come acqua sul vetro», precisa Brunetta.

«Sulla proroga per i ‘fragili’ – fa notare il ministro – ci è stato obiettato un costo di 60 milioni da parte della Ragioneria. Non c’erano i 60 milioni e quindi non c’è stata la proroga. C’è in discussione in Parlamento un pacchetto di emendamenti a cui noi abbiamo dato parere positivo, partendo dal presupposto che non serve la copertura di 60 milioni perché la circolare che ho fatto per quanto riguarda lo smart working pubblico e privato, consente alle amministrazioni per i fragili di attribuire lo smart working senza costi, fruendo della flessibilità prevista dalla circolare. Ovvero chi è fragile può essere collocato in smart working all’interno del flessibilità già prevista, senza oneri».

«Già adesso il lavoro da remoto è ibrido – continua Brunetta – parte in presenza e parte da remoto. Credo che nei prossimi giorni troveremo l’equilibrio».


note

[1] Art. 10 D. L. n. 44/2021.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube