Politica | Articoli

La polizia non ha libertà di pensiero… politico

21 Settembre 2014
La polizia non ha libertà di pensiero… politico

Gli appartenenti alle Forze di Polizia non possono prendere pubblicamente le parti di un partito o di un candidato, né possono assumere comportamenti che compromettano l’imparzialità nello svolgimento delle loro funzioni.

Quando c’è il diritto di mezzo, non si finisce mai di imparare. Un po’ come con la medicina: ogni giorno ne esce una nuova. Come questa: la polizia non ha libertà di pensiero politico, o meglio il pensiero è libero, ma ciò che non è libero è il diritto di manifestarlo in pubblico. E chi non ci crede, legga la sentenza del Consiglio di Stato pubblicata lo scorso 14 agosto [1]. Secondo i giudici amministrativi, il credo delle forze di polizia non può essere dichiarato pubblicamente. Ciò in quanto lo precludono le norme di comportamento politico fissate per gli appartenenti ai ruoli dell’Amministrazione della P.S. [2].

In caso di violazione di tale obbligo il Questore ben potrebbe disporre la sanzione pecuniaria a carico del funzionario di polizia che, per esempio, invii una lettera a un giornale prendendo pubblicamente le parti di uno schieramento in lizza per le elezioni o a sostegno di un partito o di un candidato specifico. Tale condotta, infatti, è in contrasto con la normativa che impone agli appartenenti alle Forze di Polizia di mantenersi in ogni circostanza al di fuori delle competizioni politiche e vieta loro di assumere comportamenti che compromettano l’assoluta imparzialità nello svolgimento delle loro funzioni, nonché di svolgere propaganda a favore o contro partiti, associazioni ed organizzazioni politiche.

Vi potrà sembrare incostituzionale? E invece no! Lo ha detto anche la Corte Costituzionale – almeno questo è, al momento, il suo parere – che, già nel 2008 [3], pronunciatasi sulla questione, ha dichiarato non fondata l’eccezione di legittimità costituzionale della norma in questione [4] che limita la pubblicità del pensiero delle forze di polizia.


note

[1] Cons. St. sent. n. 4259/14 del 14.08.2014.

[2] Ai sensi dell’art. 4, n.14, del DPR n. 737/1981 in relazione alla legge n. 121/1981, art. 81.

[3] C. Cost. sent. n. 182/2008.

[4] Art. 20, DPR n. 737/1981, con riferimento agli artt. 3 e 24 Cost.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube