Cronaca | News

Ucraina: nuova minaccia missilistica di Putin a Europa e Usa

20 Aprile 2022 | Autore:
Ucraina: nuova minaccia missilistica di Putin a Europa e Usa

Il presidente russo si congratula con il suo esercito per il risultato di un test che punta a colpire l’Occidente. Un soldato ucraino: non ho paura di uccidere.

Dai piani alti del Cremlino si continua a ripetere che la Russia non userà mai delle armi proibite in quella che solo Mosca definisce «operazione militare in Ucraina» e che il resto del mondo chiama apertamente con il nome di «guerra». Eppure, i nuovi sviluppi dell’offensiva militare russa puntano nella direzione opposta.

Oggi il presidente Vladimir Putin si dice soddisfatto del nuovo test missilistico effettuato dal suo esercito. Non si è trattato di un test di routine ma di quello che ha verificato le capacità offensive del missile balistico intercontinentale Sarmat, in grado di colpire Europa e Stati Uniti. Putin si è congratulato con i vertici dell’esercito, riporta l’agenzia Tass, osservando che il test «farà riflettere chi cerca di minacciare la Russia».

Il missile è stato lanciato dal cosmodromo di Plesetsk, nella regione di Arkhangelsk. Le autorità russe hanno spiegato che si è trattato del primo di una serie di test programmati.

Intanto, serpeggia ancora l’impressione che il conflitto sarà tutt’altro che breve. «Fra le truppe c’è la sensazione che questa guerra non finirà ‘domani’. Abbiamo informazioni che danno per certo che i russi stiano preparando un attacco nucleare e con armi chimiche ‘preventivo’ sull’Ucraina, quindi la senzazione è che la guerra sia lontana dall’avere un termine. Se vinceremo? Certo, ne sono convinto. Siamo molto determinati, gliele suoneremo». Parla così all’AdnKronos Volodymyr, militare ucraino di stanza ad Irpin e Bucha – dove ha ricevuto una medaglia al valore per la liberazione dei due paesi dall’invasione nemica – mentre è in procinto di partire verso l’epicentro dello scontro, in Donbass.

«Lo stato d’animo fra le truppe? C’è ancora più determinazione e unione fra noi – dice senza esitazione il soldato artificiere, 36enne originario di Irpin -. Se prima avevi ancora qualche dubbio se sparare o non sparare, ora, soprattutto dopo Bucha, non ci sono più remore nell’uccidere il nemico, cioè qualcuno che è capace di fare questo».

Bucha è ancora un incubo nelle sue notti: «Sono stato uno dei primi militari ad entrare in città quando è stata liberata, perché era necessario controllare il territorio e disinnescare eventuali mine lasciate dai russi – ricorda – Le immagini terrificanti che sono state viste da tutto il mondo erano lì, davanti ai miei occhi. C’erano morti, uomini, donne e bambini con le mani legate, una donna in bici con un proiettile sul petto, una donna impiccata. Non ho dormito per giorni, perché è stato veramente un colpo psicologico. Anche adesso, quando ci ripenso, mi risale l’angoscia».

Rispetto a due mesi fa, cioè all’inizio della guerra su scala globale, per Volodymyr «quello che è cambiato è che non ho più paura di uccidere i russi», spiega. E aggiunge con disarmante sincerità: «Questa guerra mi ha cambiato. Probabilmente, se n’è andata un po’ di tenerezza. La guerra è una cosa molto brutta, terribile. Ora però c’è molta più determinazione per andare a fondo, e la forza per arrivarci». Cosa vorrebbe dire a Putin? Il militare fa una pausa. «Ora penso che bisogna liquidarlo il più in fretta possibile. Dentro di me solo emozioni, nessuna parola».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube