Stretta antievasione: nel mirino i pagamenti col Pos

22 Aprile 2022 | Autore:
Stretta antievasione: nel mirino i pagamenti col Pos

Introdotto l’obbligo di trasmissione quotidiana al Fisco dei dati dei pagamenti fatti con carte e bancomat: saranno incrociati con i corrispettivi telematici.

Quante volte ci è capitato di andare al ristorante e di ricevere un “preconto” con la cifra da pagare? Saldiamo subito il dovuto con la nostra carta di credito o con il bancomat, ma, quando l’esercente ha effettuato l’operazione con il Pos, non ci rilascia lo scontrino fiscale, e ci consegna soltanto il tagliandino con la ricevuta dell’operazione di pagamento.

Per evitare questa prassi il Governo ha predisposto una stretta antievasione e nel mirino ci sono proprio i pagamenti effettuati con il Pos. Nel decreto legge “Pnnr2“, che attua la seconda fase del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, è prevista la trasmissione immediata, con cadenza quotidiana, dei dati dei pagamenti da parte degli intermediari che gestiscono le operazioni di pagamento fatte con carte e bancomat.

Questi intermediari sono i famosi circuiti che mettono in contatto l’utente della carta con la banca emittente; al momento del pagamento, quando il cliente “striscia” la carta nel Pos (o la appoggia, se si tratta delle moderne carte contactless) il sistema riceve l’autorizzazione all’operazione e registra automaticamente le operazioni fatte presso ogni esercente. Quindi questi operatori che gestiscono il processo dispongono di tutti i dati dei pagamenti fatti con carte in tutta Italia, ma finora li tenevano per sé; adesso, invece dovranno comunicarli all’Agenzia delle Entrate.

Così i dati delle transazioni giornaliere pagate in moneta elettronica saranno immediatamente disponibili al Fisco. l’Agenzia delle Entrate sarà in grado di incrociare i dati dei pagamenti fatti con il Pos con quelli dei corrispettivi telematici comunicati dall’esercente, secondo le modalità già in vigore. D’ora in poi le discrepanze emergeranno a vista d’occhio, automaticamente. Finirà, dunque, la strana anomalia che vede l’Italia al primo posto per numero di dispositivi Pos in circolazione (più di tre milioni) e all’ultimo posto per numero di operazioni pro-capite.

Questa novità riguarda tutte le operazioni imponibili, e dunque tutti i pagamenti effettuati in moneta elettronica presso negozi, studi professionali e altri imprenditori, commercianti e lavoratori autonomi che vendono beni o servizi e dunque sono tenuti al rilascio della fattura o dello scontrino fiscale, senza alcuna differenza tra gli acquisti fatti dai consumatori finali e quelli compiuti dai soggetti Iva.

E la privacy? Nessun problema, perché il flusso dei dati trasmessi non comprende i dati di chi acquista: nel mirino del Fisco ci sono soltanto gli esercenti, che d’ora in poi non avranno più scappatoie per non dichiarare i corrispettivi incassati con i pagamenti elettronici. Questa novità si intreccia con l’anticipazione delle sanzioni per i commercianti che ancora non dispongono del Pos e dunque non sono in grado di ricevere dai clienti i pagamenti in moneta elettronica: chi non si adegua, dal 1° luglio 2022 (anziché dal 1° gennaio 2023, come originariamente previsto) riceverà una sanzione pecuniaria di 30 euro più il 4% del valore della transazione.

A questo punto, rimangono fuori dal monitor del Fisco soltanto i beni e servizi che vengono ancora saldati in denaro contante. Ma anche qui il Governo è corso ai ripari, cercando di introdurre l’obbligo di fattura elettronica anche per i contribuenti forfettari (per i quali adesso è ancora facoltativa): per loro l’estensione dovrebbe scattare dal prossimo 1° luglio, ma saranno esclusi quelli che hanno percepito ricavi o compensi non superiori a 25mila euro nell’anno precedente: in sostanza, le micro-partite Iva potranno ancora emettere la fattura cartacea.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube