Cronaca | News

Covid-19: nuova stretta a Shanghai

22 Aprile 2022 | Autore:
Covid-19: nuova stretta a Shanghai

Aumentano i contagi. Misure ancora più rigide per tentare di bloccare la diffusione del virus.

Non c’è fine per l’incubo Covid a Shanghai. A causa della nuova impennata di contagi, nella metropoli cinese, le autorità inaspriranno le misure di lockdown. Stando a quanto riporta la Bbc, saranno installati dei dispositivi di allarme alle porte delle abitazioni per evitare che i positivi possano uscire di casa. È prevista un’intensificazione delle operazioni di sanificazione delle case nelle aree della città più colpite dai contagi. Pertanto, chi vi abita, sarà obbligato a lasciare temporaneamente la propria abitazione, probabilmente anche se non si tratta di persone contagiate dal Covid.

Il South China Morning Post scrive che è stato prorogato fino al 26 aprile il lockdown duro, l'”ordine di blocco”. E, stando al Global Times, l’obiettivo è riuscire ad azzerare i nuovi casi entro i primi di maggio nella città che rappresenta il cuore dell’economia cinese.

I dati della Commissione sanitaria della megalopoli cinese da 26 milioni di abitanti parlano di altri 11 decessi. A Shanghai non c’era mai stato un bollettino così dall’inizio della pandemia. Quello ufficiale riportato dall’agenzia Xinhua segnala anche 17.629 nuovi casi (1.931 di trasmissione locale e 15.698 relativi a soggetti asintomatici) e precisa che, per quanto riguarda i decessi, si tratta di persone anziane con patologie pregresse.

Per tentare di bloccare la diffusione del virus, secondo gli annunci delle autorità locali, da oggi partiranno varie campagne e test di massa in varie zone della città, suddivisa in aree inquadrate in tre “categorie” in base al livello di rischio. Per le autorità di Shanghai, che insistono sulla strategia zero-Covid, «al momento la situazione epidemiologica è ancora molto grave e il lavoro di prevenzione e controllo è in una fase critica».

Ieri nel suo intervento alla conferenza annuale del Boao Forum for Asia il leader cinese Xi Jinping – che va verso il terzo mandato e che non ha fatto alcun riferimento esplicito alla situazione a Shanghai – ha insistito affinché la comunità internazionale lavori «insieme per difendere le vite e la salute delle persone» e sulla necessità di maggiore impegno «per far sì che l’umanità arrivi a una vittoria definitiva sulla pandemia di Covid-19».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube