Diritto e Fisco | Articoli

Lavori al palazzo: il condominio non è responsabile

23 Settembre 2014
Lavori al palazzo: il condominio non è responsabile

Cassazione: la responsabilità del condominio scatta solo in caso di compimento di atti di ingerenza nella gestione dell’appalto.

L’assemblea di condominio ha deliberato alcuni lavori straordinari allo stabile e, a tal fine, è stato dato incarico a una ditta appaltatrice? Fate bene attenzione a chi scegliete: perché se, per risparmiare qualche centinaia di euro, scegliete una ditta con poche garanzie patrimoniali o senza assicurazione, allora i danni potrebbero essere di gran lunga superiori ai benefici. Ciò perché, secondo una sentenza della Cassazione di pochi giorni fa [1], nel caso in cui, durante i lavori, venga danneggiata la proprietà di uno dei condomini (per esempio, un balcone o una parte dell’appartamento), quest’ultimo non potrà chiedere il risarcimento al condominio, ma esclusivamente alla ditta appaltatrice. Con l’ovvia conseguenza che se quest’ultima non ha possibilità di essere aggredita – perché priva di liquidità – il danneggiato non avrà campo facile per ottenere il ristoro del danno.

Nel caso di specie deciso dalla Corte, si discuteva in relazione ai danni subiti da un appartamento, dovuti al sovrappeso della struttura di copertura montata nel corso della ristrutturazione del palazzo.

Secondo i giudici, al condominio non può essere imputata alcuna responsabilità: il potere di controllo e di sorveglianza che, di norma, spetta al committente (in questo caso, al condominio), è limitato solo alla verifica della rispondenza dei lavori eseguiti con quelli richiesti.

L’unico modo per chiamare come co-responsabile il condominio è quando esso dia degli ordini diretti all’impresa trasformandola in un mero esecutore. In pratica, solo se il condominio compie atti di “ingerenza” nei lavori può essere tenuto a versare l’indennizzo. Diversamente, l’unico modo per farsi risarcire è aggredire l’appaltatore.


note

[1] Cass. sent. n. 19742/2014.

Autore immagine: 123rf com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube